YPF Project Custom 100

Le racchette custom, personalizzabili secondo le proprie preferenze nelle specifiche, sono sempre proposte interessanti per un’ampia fascia di tennisti, dall’appassionato all’agonista. La personalizzazione, infatti, se realizzata a dovere, fa sì che la racchetta renda al meglio ed è questo il concetto che ha voluto sviluppare HMA Sport, in collaborazione con Pro-T-One, con YPF Project, acronimo di Your Perfect Fit.

YPF Project Custom 100

Il progetto di HMA propone, al momento, un solo telaio, YPF Project Custom 100, proposto in due versioni di rigidità differente, la prima con rigidità da 62, denominata “S” e la seconda con rigidità 68, denominata “H”.

La scelta possibile sulle specifiche non si ferma solo alla rigidità, ma è possibile richiedere una lunghezza da 63.5 a 72 centimetri, il bilanciamento da 29 a 35 centimetri, la forma del manico tra due opzioni, una più rettangolare e l’altra più tendente al quadrato, oltre, chiaramente al peso, dai 285 ai 360 grammi.

Ho avuto modo, grazie alla disponibilità di HMA Sport, di provare entrambe le versioni e di potervi raccontare le differenze di comportamento di due telai che sembrano identici fuori, ma che vanno in modo piuttosto diverso e rispondono ad esigenze e preferenze differenti. Per facilitare il paragone, inoltre, i due telai testati sono stati customizzati con identiche specifiche, anche per avere un termine di misura con altri telai sul mercato.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

12 Comments

  1. “It’s not really a frame that offers a lot of power, but it does help you get off the plate easily and with a lot of maneuverability available, which accelerates the arm to its maximum and allows you to, at least partially, compensate. However, if you’re looking for ball weight, this is not the right frame, as the inertia is low and there are a few grams missing to have useful power typical of profiles. However, in terms of playability, it is probably the best of the lot, with some plasticity between spin and flat impact…” Fabio my question is about the Clash 100 that I currently play with. Your words above perfectly illustrate this racquet. And if I would like to try something similar, equally maneuverable, comfortable with a little more control and heavier ball(especially on 2bh) then I can look towards: Vcore Pro 100, Blade 100L, Dunlop CX 400 Tour, Burn 100 V4, Head Extreme MP 2021, Head Gravity MP? Or maybe you will suggest YPF 100 S or 100 H more?

    • YPF 100 S should be a good choise after a Clash 100 and looking for more power, but it depends on the specs you choose.

      • Ciao,
        anche se intervengo di rado continuo a seguire ma in questo caso l’argomento mi tocca da vicino.
        Con la clash 100 la facilità di gioco è imbarazzante, il problema è la poca spinta che deve essere compensata dal braccio ed alla fine ci si stanca.
        Se questa YPF venisse richiesta con le medesime specifiche di una clash 100, magari scegliendo la versione più rigida e con una lunghezza appena appena superiore (69) per un po’ di inerzia maggiore renderebbe ugualmente come semplicità di gioco ma darebbe più gratuità e pesantezza nel gioco?

        ps. la clash 100 tour e la 98 non le ho provate, al caso sarebbe ugualmente facile nel gestirle al pari della 100 ma un po’ più definitive?

        • Si la scelta potrebbe essere giusta, ma non andrei sulla H, bensì sulla S, con un bilanciamento più avanzato.
          Clash 100 Tour è indubbiamente più prestante della 100, ma anche meno maneggevole e con una inerzia non bassa, ben mascherata dal bilanciamento basso. La 98 è più impegnativa, più gustosa e completa, ma più severa e non credo sia il caso.

          • Quindi sempre 295
            Magari 31.5
            E lunghezza 69 ?

            Ma la Tour 100 è tanto meno maneggevole?

            Io alterno la CV 3.0 alla Clash 100.
            Mi dicono che la differenza di peso/velocità sia lievemente a favore della Dunlop ma tengo più con la Wilson.
            Ma la clash è davvero comodissima.

            Aspetterò di provare anche la radical MP nuova

          • Se le proporzioni della Clash ti vanno bene, ma vuoi giusto un po’ di potenza, dovresti anche richiedere un livello di inerzia contenuto, al massimo sui 315 a telaio incordato, quindi un 275-280 a telaio non incordato, soprattutto se richiedi anche una lughezza di 69 cm, con quella leva leggermente maggiore.
            Quanto alla Dunlop, non so risponderti, perché non l’ho mai provata, ho testato solo il modello Tour.
            In riferimento alla Clash Tour, si, è meno maneggevole e l’inerzia sale abbastanza, diventa un altro telaio, con più doti di potenza e solidità, ma viene meno il concetto di immediatezza e facilità che la versione 295 mostra a qualsiasi regime.

  2. Ciao Fabio.
    Ovviamente la racchetta perfetta non esiste ma, questo è un progetto molto interessante, che strizza l’occhio alle tweener.
    A questo proposito, è (o sono) paragonabili a Head Speed o a Prince Tour 310 ecc.? E se sì come? Grazie mille

    • Domanda difficile, soprattutto rispetto alla Prince, che è un ottimo telaio, impegnativo, ma tecnicamente non proibitivo. La S si può paragonare alla Speed, ma è più dolce di impatto e molto dipende dalle specifiche che richiedi. Personalmente, preferisco la S per tantissimi motivi, ma il primo è l’impatto delicato e abbastanza comunicativo.

  3. Scusa Fabio, volevo farti una domanda, sono un ragazzino di 52 anni e gioco da 5/6 anni (classifica 4.1) con un gioco prevalentemente da fondo campo e con un discreto dritto ma come spesso capita per i novizi di questo sport con il classico rovescio in back in difesa perchè non riesco quasi mai a prendere il tempo giusto per fare un rovescio in top (ad una mano),…… ho imparato a giocare con una wilson blade 98s perchè mi piacevano i colori e da circa 1 anno sono passato ad una blade 16×19 Countervail 304 gr perchè pensavo erroneamente che mi avrebbe aiutato nel rovescio, adesso vorrei cambiare racchetta in modo tale che mi potesse aiutare nel velocizzare il movimento del rovescio e nel contesto magari che mi perdoni alcuni movimenti e stavo pensando ad un piatto 100 da 290-300 gr cosa dici questa racchetta potrebbe fare per me ? Grazie per la comprensione …..

    • La versione Soft potrebbe esserti utile, magari nella stessa versione provata da me, 300 grammi e bilanciamento a 32, così da avere una potenza controllata, insieme al discreto feeling e allo sweetspot maggiorato rispetto alla 98.
      Tuttavia, credo che la migliore scelta, per una maggiore educazione al gesto tecnico, sia il telaio classico leggero, per cui dai un’occhiata alla comparativa che ho realizzato per i telai sotto i 300 grammi e trova qualcosa che possa soddisfare le tue richieste, per necessità e preferenza.

  4. ciao Fabio, ma una racchetta profilata così con una rigidità di 62 non rischia di far perdere il controllo sulla palla? considerando la versione H con rigidità 68 si avvicina come tipo di racchetta ad una Yonex Ezone 100 ad esempio? grazie molte ciao

    • In realtà no, il controllo è maggiore e, in realtà, la versione S somiglia molto, come tipologia di impatto, ad una Ezone 100, più controllata e non rigidissima. La H è più come le tipiche profilate, più secche e reattive, più votate alla potenza.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il sito dedicato al mondo del Padel!

Negozi Partner



universotennis