Yonex VCore Pro 97 LG 290 grammi

Yonex Vcore Pro 97 LG 290

Una delle peculiarità di Yonex è quella di saper proporre telai con pesi ridotti, ma con sensazioni di alto livello. L’azienda giapponese, nel caso non ve foste accorti, ha in gamma tantissimi telai al di sotto dei 300 grammi, che replicano molto bene le caratteristiche dinamiche delle versioni full-weight. Alcuni esempi? VCore 98 LG, Ezone 98 LG, Ezone 100LG, VCore Pro 100 LG, tutte con peso tra i 280 e i 285 grammi. Poi c’è lei, la reginetta del ballo, la piccola della famiglia Pro, VCore Pro 97 LG d 290 grammi. Un telaio che definire interessante è poco, perché di piccolo ha ben poco e riporta, in dimensioni umane, le caratteristiche di VCore Pro 97 HG e VCore Pro 97 G, da cui deriva.

Yonex VCore Pro 97 LG 290

Headsize 97 inch2
Peso 290 g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 325 mm
Swingweight (incordata) 317 kgcmq
Rigidità 63 RA
Profilo 20 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica della VCore Pro 97 LG è totalmente identica a quella di VCore Pro 97 G da 310 grammi ed è anche comune a tutta la gamma, molto personale, ma anche sobria allo stesso tempo. L’azienda giapponese ha infatti scelto una livrea a metà tra il verde scuro e il blu petrolio, in una combinazione praticamente mimetica, che cambia a seconda dell’esposizione alla luce, con un gioco di colori che ne movimenta il paintjob e che rende il tutto molto moderno, vista anche la grafica ispirata a diagrammi della fisica quantistica, realizzati in verde più chiaro, quasi fluo. La vernice è rubber-touch, piacevolissima al tatto e utile per la presa della mano di appoggio, ma è soprattutto una finitura ricca, resa ancor più bella dalle serigrafie in color oro, che spiccano sul telaio e lasciano riconoscere il telaio tra tanti. Le forme del telaio sono le stesse del modello precedente, che aveva apportato le modifiche a steli e attacco al manico rispetto alla Duel G. Adesso, infatti, sia la gola sia l’innesto degli steli all’impugnatura sono monolitici, senza svaso, a testimoniare la maggiore predisposizione alla solidità voluta da Yonex. Al manico, poi, troviamo il solito e apprezzato Yonex Synthetic, stavolta in bianco e non in nero come sulle sorelle pesanti, sottile e diretto nella sensazione dell’impugnatura, mentre più sotto vi è l’immancabile butt-cap verde, con il logo Yonex e il “Made in Japan” in bella vista. Inoltre, sono degne di nota le soluzioni adottate per i passacorde, con la zigrinatura che trattiene le corde, per uniformare la tensione. Telaio bellissimo, molto Jap, ma con tanto stile.

20 Commenti su Yonex VCore Pro 97 LG 290 grammi

  1. Ciao,
    ottima recensione.
    Cosa intendi esattamente quando scrivi che può sostituire una profilata?
    Inoltre, a questo punto, devo aspettarmi le recensioni anche delle ezone 100 e 98 lg e della vcore 98 lg?
    Potresti cmq anticipare le differenze tra questi telai?

    • Quando dico che può sostituire una profilata, intendo che, se cerchi controllo e feeling, ma non puoi andare su una Vcore Pro 97, Por staff 97 e simili, la Vcore pro 97 LG offre quel tipo di feeling, ma con la facilità di impatto di un telaio molto meno pesante e che ti porta all’impatto in maniera molto precisa, quindi il piatto da 97 non è più un problema. Chiaramente avresti minore potenza, ma si compensa in altro modo, con braccio e incordatura.
      Per le recensioni degli altri telai leggeri di Yonex, occorre ancora un po’ di pazienza. Posso anticiparti che tutti i telai da 280 e 285 dell’azienda giapponese, non hanno molto di diverso dalle versioni di peso pieno e riproducono le stesse condizioni di gioco, ma con una facilità superiore e una leggera minore efficacia in potenza. Tuttavia, condividendo gli stessi materiali e gli stessi stampi, spesso sono da preferire alle 300/305, soprattutto se si ha il “vizio” della personalizzazione.

    • Ciao Riccardo, benvenuto nel blog.
      Cx 200 Ls offre maggiore spinta e si appoggia meglio sui colpi in contenimento, mentre Vcore Pro 97 LG ha feeling, controllo e maneggevolezza migliori.

    • Se per 98L intendi la Vcore, questa offre più spin e più potenza gratuita, con una maggiore tolleranza, mentre la VCore Pro 97 LG ha indubbiamente migliore feeling, maggiore controllo e una sensazione da “telaio più pesante” all’impatto.

  2. Ciao ottima recensione, mi incuriosisce questo telaio,ho ripreso a giocare con continuità da un anno il mio livello è quarta alta, rovescio a una mano, colpisco piatto con eastern e poi in back,col dritto mi piace variare dal colpo piatto al top non esasperato, quando posso cerco il colpo d’incontro ficcante per svendere a rete dove me la cavo piuttosto bene,anche se alla soglia dei 50 devo centellinare i miei sforzi,anche se sono piuttosto allenato e reattivo, utilizzo una vecchia racchetta head lite tour 630 incordata con multifilo one biphase multifibre con tensione 23kg,un’agonistica leggera di metà anni 90 bilanciata in testa che a mio avviso si prestava bene per un gioco aggressivo a tutto campo,si prestava bene per essere customizzata e diventava quasi come la prestige tour che utilizzava Ivanisevic,vorrei un telaio con queste caratteristiche che alla lunga non affatichi e preservi il braccio anche se è grosso e al momento non dolorante, avrei puntato questa, la blade 104 v7 ma anche la clash 100 potrebbe essere un approccio sensato a nuove proposte,cosa mi consigli !? non ho fretta e posso reperire diversi telai da provare, grazie buon lavoro

    • Ciao Max, benvenuto nel Blog.
      Considerando la tua descrizione e le tue necessità, oltre a VCore Pro 97 LG, puoi considerare Dunlop CX 200 LS e Vcore 98 LG. Penso siano i migliori telai per avere un passaggio da una Pro Lite Tour, telaio che ho avuto in gioventù. Tuttavia, devi aspettarti delle differenze rispetto a questa, soprattutto andando su VCore 98 e Dunlop, che hanno un feeling più secco, mentre VCore Pro è abbastanza Oldstyle nel feeling, ma meno permissiva. Quanto alla 104, sarebbe una scelta di prestaizone e di buon feeling, ma il colpo piatto non è la sua base di gioco, preferisce ntettamente la copertura di spin. Da quel che mi racconti, non credo possa soddisfarti appieno.

  3. Ciao Fabio
    Ti volevo chiedere un confronto con la blade 104 2017 e se questa v core può essere adatta ad un quarta che si allena 3 volte a settimana..dalla tua recensione mi sembra di sì ma non riesco a capire quanto il braccio debba spingere per avere colpi pesanti..io stavo cercando un telaio che mi dia feeling e rotazioni allo stesso tempo..grazie mille

    • Ciao, la Vcore Pro 97 LG serve proprio allo scopo che manifesti. Trovare feeling in un telaio che non sia fermo in potenza e che non affatihci, nonstante non vi sia un allenamento elevato. Rispetto alla 104 è meno potente e offre minore spin gratuito, ma scorre più velocemente in aria e compensa così la mancanza di pollici al piatto. Può essere un’alternativa, ma solo se fai andare il braccio veloce e non se ti appoggi alla spinta del telaio.

  4. Ciao Fabio, molto interessante questa nuova Vcore 97 LG, grazie della recensione. Rispetto alla Wilson pro staff 97 L, che attualmente sto usando, cosa offre di più? Mi sembrano entrambe parte dello stesso “segmento” e “competitor” fra di loro. Classiche con maggiore facilità di uso in generale.
    Un saluto,

    Geo

    • In realtà non sono concorenti, perché, anche se Vcore Pro 97 LG pesa 290 grammi, è un telaio agonistico vero, alleggerito e con bilanciamento più avanzato per facilitare la spinta. La Yonex ha proprio altro feeling, più vivo, più morbido e connesso alla palla ed ha anche più massa sul piatto che, se da un lato costringe a tirare un po’ più forte, dall’altro tira proprio più forte già a reigme medio-alto.

  5. Ciao la Vcore pro 97 LG può essere una valida alternativa alla radical mp touch per un gioco hold style classico a 60 anni? Bene se guadagno in feeling ma non voglio perdere facilità di gioco. Mi avevi anche consigliato la Dunlop CX 200 LS.
    Ho giocato per anni con la Yonex DR 98 ma non ce la faccio più ………

    • Si, può andare per questo, ma sapendo che devi sempre mandare il braccio con più swing e, se da un lato non è difficile, dall’altro non hai grande appoggio sulle palle in arrivo e devi fare qualcosa in più rispetto a MP touch. Tuttavia, il senso di fatica non è marcato, anzi.

  6. Ciao la Vcore pro 97 LG può essere una valida alternativa alla radical mp touch per un gioco old style classico a 60 anni? Bene se guadagno in feeling ma non voglio perdere facilità di gioco. Mi avevi anche consigliato la Dunlop CX 200 LS.
    Ho giocato per anni con la Yonex DR 98 ma non ce la faccio più fisicamente a giocarci bene.

  7. Ciao, alla ricerca di un nuovo telaio ho scoperto il tuo blog e ne sono rimasto entusiasta. Vengo da una Yonex Vcore duel G 100 che uso con una string project magic a 21/20 (la usava mio padre che me l’ha passata quando ho ripreso a giocare dopo qualche anno di stop). Mi piace per il topspin (che però mi sembra renda al meglio solo quando il braccio va molto veloce) e per la gestione complessiva del servizio; la trovo però troppo morbida sul back, soprattutto in attacco, e non particolarmente stabile e sicura sui colpi piatti e in anticipo. La volée, poi, quando taglio, tende a scapparmi. Ho trent’anni e sono tra la 4 e la 3 categoria, ho impugnature abbastanza classiche e un gioco vario prevalentemente da fondo -a rete vado per lo più a concludere il punto-, senza grande potenza. Ricerco maggiormente lo spin col diritto, mentre col rovescio a una mano, più naturale, a volte cerco impatti più anticipati e soluzioni aggressive semipiatte.
    Questa yonex potrebbe fare al caso mio? Cos’altro mi consiglieresti?
    Grazie!

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      VCore pro 97 LG potrebbe fare al caso tuo, ma sapendo che dovresti spingere quanto con la Duel G 100 per essere efficace, infatti nasce per essere un ausilio di semplicità per chi è abituato a sbracciare tanto, ma non vuole un telaio pesante. Penso che nel tuo caso, la nuova VCore pro 100, versione potenziata e più stabile di Duel G 100, possa essere una scelta giusta, insieme alla VCore 98, che è più potente in genenrale e anche più maneggevole in generale, con una maggiore capaictà di spin. Entrambe sono ottime racchette, le trovo complete e andrei sulla Vcore pro 100 per lo sweetspot più ampio e la maggiore dolcezza di impatto, mentre andrei sulla Vcore 98 per la maggiore reattività alle sollecitazioni e la maggiore capacità di palla carica.

      • Grande! Non avevo considerato più di tanto le 305 per prudenza (con i doppi turni nei pochi tornei a cui partecipo capita spesso di sforare le tre ore) ma questa Vcore 98 sembra comunque molto giocabile. Fuori da Yonex esiste qualcosa di simile?
        Ti ringrazio molto e rinnovo i complimenti per quello che fai.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »