fbpx

Yonex VCore Pro 97 310 2019

Yonex Vcore Pro 97 2019

VCore Pro è la serie di telai Yonex più elitari, destinati ai tennisti che cercano il massimo di feeling, precisione e di connessione con la palla. Solo pochi giorni fa, l’azienda ha annunciato la nuova serie, QUI il link alla presentazione della nuova serie VCore Pro 2019, ed è il momento di analizzare le nuove racchette da vicino e raccontare come si sono evolute, partendo da quella che sicuramente suscita il maggiore interesse, VCore Pro 97 G da 310 grammi.

Yonex Vcore Pro 97 2019
Yonex Vcore Pro 97 2019

Headsize 97 inch2
Peso 310 g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 310 mm
Swingweight (incordata) 320 kgcmq
Rigidità 64 RA
Profilo 20 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica della VCore Pro 97, comune a tutta la gamma, è molto personale, ma anche sobria allo stesso tempo. L’azienda giapponese ha infatti scelto una livrea a metà tra il verde scuro e il blu petrolio, in una combinazione praticamente mimetica, che cambia a seconda dell’esposizione alla luce, con un gioco di colori che ne movimenta il paintjob e che rende il tutto molto moderno, vista anche la grafica ispirata a diagrammi della fisica quantistica, realizzati in verde più chiaro, quasi fluo. La vernice è rubber-touch, piacevolissima al tatto e utile per la presa della mano di appoggio, ma è soprattutto una finitura ricca, resa ancor più bella dalle serigrafie in color oro, che spiccano sul telaio e lasciano riconoscere il telaio tra tanti. Le forme del telaio sono le stesse del modello precedente, che aveva apportato le modifiche a steli e attacco al manico rispetto alla Duel G. Adesso, infatti, sia la gola sia l’innesto degli steli all’impugnatura sono monolitici, senza svaso, a testimoniare la maggiore predisposizione alla solidità voluta da Yonex. Al manico, poi, troviamo il solito e apprezzato Yonex Synthetic, sottile e diretto nella sensazione dell’impugnatura, mentre più sotto vi è l’immancabile butt-cap verde, con il logo Yonex e il “Made in Japan” in bella vista. Inoltre, sono degne di nota le soluzioni adottate per i passacorde, con la zigrinatura che trattiene le corde, per uniformare la tensione. Telaio bellissimo, molto Jap, ma con tanto stile.

8 Commenti su Yonex VCore Pro 97 310 2019

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      La differenza con la versione HD sicuramente sarà nella maggiore facilità di uscita di palla e di spin, ma occorre testare a fondo anche la HD per capire quanto il maggiore peso vada a compensare il pattern più denso. MI spetto soprattutto più controllo e un impatto ancora più diretto dalla HD, vuoi per il pattern, vuoi per la massa. Tuttavia, per la conferma, attendo di farne un test approfondito.
      Quanto alla differenza con Blade 18×20, VCore Pro 16×19 ha sicuramente più maneggevolezza, più feeling diretto e maggiore propensione allo spin naturale, che nella blade va leggermente forzato. Inoltre, la Vcore Pro stanca meno in generale, ma la Blade ha un maggiore livello di stabilità per il combinato di bilanciamento/inerzia piuttosto spinto.

    • Dipende dalla differente gestione delle masse e, nonostante l’inerzia, il telaio scorre meglio in aria. Considera, poi, che tra 320 e 318, in termini pratici, non hai un enorme cambiamento, come, del resto tra un 7 e 7.3.
      Ad ogni modo, ho trovato la versione precedente più faticosa e ingombrante, mentre la nuova è più lineare come comportamento in aria.

  1. Ciao Fabio secondo te la riesce a gestire un terza basso oppure è molto esigente?Ho avuto la vcore pro 97 310 grammi e mi era piaciuta moltissimo solo che richiedeva tanto fisico, questa è più permissiva rispetto la precedente?

    • Si, stavolta, ci sta, a patto che il tipo di gioco sia a braccio veloce e concreto, qui il mezzo braccio proprio non ci sta bene, ma è indubbiamente più facile della precedente, che durante il test mi aveva prosciugato di energie per quanto chiedeva dal fisico.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »