Wilson Ultra Pro 16×19 V3 Pro Labs

Pro Labs è il progetto con il quale Wilson ha voluto portare sul mercato alcune varianti delle due racchette, con delle caratteristiche di maggiore solidità e pienezza, rivolgendosi soprattutto agli atleti agonisti. In pratica, si parla di telai Pro Stock, che in alcuni casi sono totalmente diverse dal telaio commerciale, anche nelle forme, come nel caso di Blade Pro v7 16×19 (QUI la recensione) oppure la riproposizione di un telaio già presente nel catalogo di diversi anni fa, come per Six.One 95 18×20 (QUI la recensione). Insieme alle Blade Pro e alla Six.One, che hanno delle inerzie molto elevate, vi è anche un terzo telaio, su base H19, proposto sia in versione 18×20 che in 16×19. Parliamo di Wilson Ultra Pro V3, un tempo proposta nella sola versione 18×20, direttamente nel catalogo Wilson, ma che oggi entra nel progetto Pro Labs, con l’inedita versione 16×19, che ne amplia indubbiamente l’utilizzo.

Wilson Ultra Pro 16x19 V3

Headsize 97 inch2
Peso 305g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 315 mm
Swingweight (incordata) 324 kgcmq
Rigidità 63 RA
Profilo 20.6 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica di Ultra Pro 16×19 V3 è molto pulita e lineare, esattamente come le Prestige di un tempo, con i suoi steli convessi e lunghi, l’ovale raccolto verso l’alto e con un misura reale di 97.3 pollici, misurata allo scanner. Il telaio è tutto boxed, in ogni punto, con un profilo da 20.6 millimetri, che, solo sulla punta, diventano 21.3. Il pattern è un 16×19 abbastanza aperto, non incute timore come lo stretto 18×20 della versione gemella, e si sposa bene esteticamente con il l’ovale regolare. La vernice adoperata è lucida, blu notte, grigio metallizzato e azzurro, esattamente come la sorellina Ultra 100 V3, con la quale ha in comune il nome e la colorazione, ma il resto è totalmente dissonante. Scendendo al manico, troviamo il solito Sublime Grip, sensibile e microforato, adagiato sulla tipica forma del grip Willson, con il tappo pronunciato e stondato sul terminale.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

23 Comments

  1. Hello,
    thank you for this review. It would make sense to rate the racket when weight is added to it. How would you rate it then? In terms of power, stability etc.
    Christoforos

    • I tried some light custom to bladify the stick, just with a couple of lead tape grams on the head, at 12, and i noticed that, differently from the 18×20 version, the power become quite full. At the same time i experienced a good stability with a 1+1+1 at 3.9 and 12, with less power, but more stability to the hoop. But, if i have to choose, i’d go a for a lower string tension, around 19 kilos, to have a maneuverable stick to handle for a longer time on court.

    • Ha più tolleranza, con un piatto reale da 97.3 pollici, una maggiore pienezza generale, visto lo SW a 324 superiore a quello di T-fight LTD e un pattern leggermente più aperto, che lascia più spazio a soluzioni più cariche.

      • grazie, provai la versione 18×20, ma mi sembrava un giocattolo rispetto alla tecnfibre, soprattutto a livello di sensazione. mi incuriosisce molto la fabrizi ff-20 che sembra lo stesso stampo pt, ma con un piatto 100, quindi piu tollerante e facile in generale. le mie tecnifibre sono customizzate con 5 grammi da ore 11 a ore 1, la fabrizi potrebbe essere una soluzione per avere un po di facilità in piu, ma sensazioni simili?

        • La Fabrizi FF-20 non solo ha più prestazione, ma anche una sensazione più piena e uno sweetspot maggiore. Mi occupo direttamente dello sviluppo di questi telai e non li lascio uscire se non sono sicuro del risultato. Non ti nascondo che personalmente era da tempo che volevo un telaio così, stampo h19 con piatto maggiorato. Il genere di telai che preferisco è proprio questo, T-fight limited, Ultra Pro 16×19, ma mancava qualcosa in spinta e tolleranza, che ho voluto dare con FF-20.

          • Ci stiamo lavorando su, è tutto definitivo tranne che la rigidità, al momento stiamo valutando un dato tra 57 e 60. La osa sarà molto veloce, siamo agli ultimi test.

          • ra 57, sembra veramente il top, anche se 60 forse potrebbe essere piu adatta a tutti…..

          • La laminazione Fabrizi riesce a dare buona potenza anche con Ra basso. Poi c’è il piatto da 100 a compensare.

          • Un po’ meno potente, ma decisamente più maneggevole. Feeling migliore e più resa della spin.

  2. Ciao e complimenti per tutte le recensioni!
    Ora utilizzo una Clash 100 (295g) con corda multi 20/20, però mi mancano profondità e velocità di palla.. sono un giocatore di quarta categoria, non troppo esperto. Vorrei una racchetta completa, e non troppo difficile… Che mi consigli?

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Le soluzioni che possono darti una maggiore velocità di palla, senza richiedere troppo dal fisico, sono sicuramente i telai profilati. Tra le tante, considerando che non hai grande esperienza, puoi optare per Pure Drive 2021 oppure per Yonex Ezone 100, che non sono telai da principiante, come in tanti pensano, ma che sanno dare quella spinta tale per cui puoi concentrarti sul controllo e sui movimenti, senza dover strafare per ricercare potenza.
      Ti consiglio di mantenere l’ìncordatura attuale con multifilo, ma dovrai salire di 2-3 kg con la tensione, proprio in virtù della maggiore potenza a disposizione.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il sito dedicato al mondo del Padel!