fbpx

Wilson Blade 98 V7 16×19

Wilson Blade 98 V7 16x19

Blade è la racchetta più venduta in casa Wilson ed è anche il Best Seller assoluto nel settore delle 305 grammi, con la coppia vincente Blade 98 18×20 e Blade 98 16×19, due racchette che hanno fissato, e forte, standard molto alti nel proprio settore, tanto da scalzare anche mostri sacri come Prestige e simili. Oggi Blade arriva alla sua settima edizione, presentando novità di rilievo mutuate dalla recente esperienza Wilson. La nuova Gamma Blade, qui la presentazione completa, si allarga e propone nuovi telai e nuove tecnologie, ma il top è sempre nelle due versioni da 98 pollici, ecco perché ci dedichiamo subito ad esaminare il comportamento di Blade 98 V7 16×19.

Wilson Blade 98 V7 16x19
Wilson Blade 98 V7 16×19

Head size: 98 inch2
Peso: 305g
Bilanciamento: 320 mm
Swingweight: 323
String Pattern: 16×19
Rigidità: 58 RA (rilevata)
Profilo: 20.6 mm costante
Lunghezza: 68.6 cm

L’estetica di Wilson Blade V7 16×19 è frutto dell’evoluzione del concetto DNA già espresso dai laboratori di Chicago con la Clash e lo hanno applicato a Blade con la differenza cromatica del verde fluo, colore che identifica immediatamente il telaio nella gamma Wilson e non solo. Non più due fasce di colore, ma tre, quindi, con il nero per gli steli, il grigio medio per il fascione centrale del piatto corde e il verde per la testa. La vera novità estetica è che Wilson abbandona la vernice laccata ed ora il telaio è totalmente rubber-touch, gommato, e molto piacevole al tatto, ben più resistente delle versioni precedenti, perché più compatta, come testimonia il profilo a 20.6 mm. Proprio sul profilo c’è da dire qualcosa di importante, perché il telaio, ad una prima occhiata sembrerebbe identico al precedente, ma alla base del manico vi è uno spessore di 23 mm, che diventa 20.6 in corrispondenza dello svaso centrale di attacco degli steli. Il resto della struttura è totalmente ripresa dalla precedente, anche per ciò che riguarda la spaziatura del 16×19, aperto, ma non estremo, anzi piuttosto regolare, con la solita ultima orizzontale che finisce ben distante dal cuore del telaio. Per ciò che riguarda le serigrafie, si conferma ancora il minimalismo, giusto “Blade” e “Wilson” sugli steli, rispettivamente in argento e verde fluo, e poco altro ancora. Bella, pulita nell’estetica, sempre personale, Blade rinnova anche il grip di serie, abbandonando il Sublime Grip in favore di un Top Grip Taper più pieno e totalmente liscio, per un effetto quasi da manico in cuoio. Infine, il solito butt-cup bombato in rosso riceve, come nella linea Clash, la grande “W” in nero che impreziosice lo sportellino per accedere agli steli.

Ecco alcune immagini in HD, direttamente dal campo:

36 Commenti su Wilson Blade 98 V7 16×19

    • Non solo per i quarta, la 104 è il telaio più sfruttabile della Linea Blade, ma l’appassionato medio si blocca psicologicamente quando si parla di over 100 e pensa che il controllo non sia buono. Tutt’altro e il blog,come puoi leggere tu stesso, è pieno di ragazzi che mi ringrazinao ancora per avergli fatto provare la 104.

        • Io credo che la nuova possa dare quacosa in più, soprattutto in potenza e in spin, cosa non da poco, ma attendo di completare il test prima di esprimermi in maniera compiuta. Detto ciò, se trovi un’offerta sulla precedente, sappi che è sempre un bel telaio.

        • Anch’io aspetto con ansia divorante il test della 104: gioco ormai da due anni con il modello attuale (un record di durata per me) ed è una vera goduria… se solo avessi un pizzico di potenza in più, senza sacrificare il controllo, sarebbe fantastica: proprio quello che mi aspetto dalla nuova versione, vediamo…

          • Fabio scusa il ritardo e sopratutto grazie per le informazioni: ero maggiormente portato a considerare la Pure strike 98 più che la 100 per diversi motivi: in primis perchè non mi spaventa il piatto un pò più piccolo e tutto ciò che ne comporta, poi perchè è meno rigida e anche per un altro motivo: commercialmente, quando fu presentata la project 17, fu proprio la 98 ad essere protagonista, la 100 sembrava tanto buttata lì tanto per. un pò come certe volte fa wilson. forse quest’anno ci hanno prestato più attenzione, tanto da farla uscire per prima. che paragone puoi fare con la speed mp?

    • Mh, confronto impari, perché Clash 100 è un telaio facile, comodo e leggero da muovere, mentre Blade V7 16×19 è un telaio da sfondamento e palla pesante, con un tocco molto efficace ed è un riferimento di precisione.

  1. Ciao Fabio a quando il test della 18×20?
    Uso ormai da due anni la precedente versione CV 18×20 con molta soddisfazione solo che i dati dell’ inerzia della nuova versione mi spaventano un pò si parla di 334 sw. Sarei tentato di passare alla YONEX Vcore 98 per avere una racchetta meno faticosa alla lunga ma temo di non avere pesantezza di palla cosa ne pensi?
    Grazie come sempre.

    • Ciao, in realtà le due Blade 98 V7 hanno quel bilanciamento leggermente arretrato che ne aumenta la maneggevolezza e la smeplicità di Swing, mentre lo Swingweight, da quello che ho riscontrato, è sceso e non salito. Quindi non dovresti avere problemi nella gestione, ma per una conferma anche per il modello 18×20, attendiamo il mio test. Quanto alla VCore 98, perderesti un po di pesantezza generale, ma la meneggevolezza e la velocità di braccio ne guadagnerebbero, esattamente come accade con la nuova Blade V7 16×19, che, però, è più massiccia e ti dà sempre l’impressione di giocare con un telaio molto solido.

  2. Caro Fabio. La mia luna di miele con la Pure Aero prosegue a gonfie vele, ma essendo io un giocatore estremamente eclettico (eufemismo: sono un pazzo scriteriato in campo, tra piattoni, topponi e s&v), pensavo di affiancarla ad una racchetta dalle caratteristiche un pò diverse, magari più classiche. Essendo io intollerante alla Pure Drive, avevo adocchiato subito la nuova Pure Strike (la 98, non la 100) e poi questa Blade, che mi par di capire sia stata resa un pò più mansueta, rispetto a quei martelli che erano le vecchie blx (non ho provato la cv)
    sono curioso di vedere come hanno modificato la Project 17, telaio che ha del potenziale, che mi intrigò ma che non mi convinse appieno.
    che mi dici di queste due?

    • Affiancare non è mai facile, perché, alla fine,ne preferisci sempre una all’altra. Detto ciò, la Blade è meno martello, ma è sempre un bel martello, al pari delle nuove strike, sia 100 che 98. Proprio relativamente a queste, ti dico di considerare la 100 perché è bella piena e molto potente, oltre che solida ed è la migliore concorrente proprio per la sorella 98. Se è un telaio da tenere per i momenti di gloria, puoi scegliere secondo preferenza personale e, qualsiasi cosa tu scelga, avrai un telai sempre appagante e solido.

  3. Bellissima recensione come sempre! Mi invoglia ad acquistarla. Ora sto giocando con la Clash Tour con cui mi trovo bene, più che altro è l’unica racchetta che ho che non mi fa soffrire il gomito (epitrocleite) e mi piace il suo feeling morbido. In realtà però io sognavo la Blade 16/19 CV che mi piace moltissimo. La Blade nuova che come scrivi dovrebbe coniugare i pregi dell’una e dell’altra, dovrebbe piacermi ancora di più.
    Proverai anche la variante 98S che di solito trascuri un po’?

    • Blade 98S è stata la mia prima recensione, 6 anni fa, perché era il telaio che adoperavo personalmente. Tuttavia, con la maturità “tennistica” l’ho trovata sempre meno interessante rispetto alle due sorelle 98, che si sono evolute di più e meglio. Cercherò di testarla, secondo le dipsonibilità di Wilson (non sempre i telai sono disponibili per i test).

  4. Grande Fabio.
    Mi stuzzica molto a questo punto fare un change con l’ attuale Project One x via dell indice di rigidità molto più basso.
    Credo che avambraccio e polso troveranno giovamento no?
    Ma sono curiosissimo di attendere la tua recensione della Nuova Project One 98 e di una eventuale confronto con questa nuova Blade.

  5. Caro Fabio scusa per l’ignoranza ma ho bisogna di un’informazione. Quando riporti i valori della tensione utilizzata, come ad esempio 22/21, intendi tensione corde orizzontali/tensione corde verticali?

    • Ciao Dario, credo che la 98L sia troppo per un giocatore sporadico, a meno che non ci sia daveor una buona tecnica. Non è un telaio faticoso, ma è sempre un telaio 98, da usare tanto con il braccio, meno ingombrante e pesante rispetto alle 305, ma ugualmente tecnico. Attualmente, la la linea V7 propone infatti la 100L, scelta decisamente più sensata.

    • Ultra Tour 97 è il massimo di precisione ed ha una maneggevolezza più spiccata, con una potenza decisamente inferiore. Blade 98 V7 16×19 è più massiccia, solida, potente e capace di spin, ma è anche più faticosa in generale, seppur più permissiva in fatto di sweetspot e di stabilità.

  6. Ciao Fabio, dopo aver seguito i tuoi consigli, ho preso la Donnay pro One 305, grazie a te ho trovato con il multi Head una buona corda al posto del mono. Talmente buona che mio figlio ha provato la racchetta ed ora è sua. Perciò ora sono nuovamente senza racchetta. A ma piace il gioco classico, attaccare e se si può andare a rete. Ricompro un’altra Donnay o avendo apprezzato le pro staff e la RF sempre in borsa e apprezzato la Pro Kennex q+ tour 315, questa Blade potrebbe fare al caso mio? Dai voti mi pare interessante.

    • La Blade è molto interessante, ma è più impegnativa fisicamente di tutte le altre citate e la prenderei per un gioco più di sfondamento e per palla pesante, che non mi pare sia la tua prima necessità. Direi che, se con Pro One 97 hai trovato la quadra, non è il caso di andare altrove 😉

  7. Fabio in questo periodo sono un po in confusione xche non so se prendere questo telaio o la nuova strike 100!io che sono un un’attaccante ho bisogno in primi di potenza e controllo,certo il fat che il piatto della strike e piu generoso mi intriga xche possono sempre servire quel po in piu quamdo stai in affanno!io vengo dalla blade cv cui amo x la sua potemza e solidita……se passo alla nuova cosa cambia x me?la strike ho paura che sia trop rigida x me che con i telai babolat mi han dat sempre fastidio al gomito!xo questa strike e una classica forse e piu cm una wilson le cui nn mi han mai dat problemi!poi mi consigli una corda e la tensione

    • Considerando che i negozi tecnici hanno già il test della Strike 100, almeno quelli più importanti, puoi concederti il lusso di provarla e verificare tu stesso come si comporta nel tuo gioco.
      Certo, chi viene da Blade vuole quasi sempre Blade, ma un tentativo va fatto perché la Strike ha più potenza facile, più spin e più tolleranza, consderando anche che la pienezza di impatto è la stessa, ma con un feeling meno burroso e più diretto più reattivo.
      Parliamo dei più carichi del settore 300-305 grammi, che vanno provati per capire davvero cosa offrono. In generale, consiglio la Blade a chi vuole gioco pesante e feeling, mentre consiglio la Strike a chi vuole Spin e potenza, con controllo vero.

        • Direi proprio di si, come tipologia e tensione. Tieni però presente che il telaio prende già molto bene lo spin, anche con una liscia, e una sagomata così importante può frenarla un po’. So anche che è difficile mollare la Hyper G, per il suo feeling elevato e per il sul controllo, per cui la tensione bassa dovrebbe aiutarti non poco nella facilità di uscita di palla.

  8. Fabio alla fine ho visto in negozio la strike e l ho sentita massiccia e pesante mi ha preoccupato c la mia velocita di braccio!alla fine ho preso una coppia di drive vs l ho sentita leggera e facile da swingare!ci ho fat montare la blast 22.21 x iniziare!il fatto che promette potenza discreta e precisione mi ha colpito e poi se uniam io fat che è facile x me che vengo da racchette piu impegnative e piu carichi di inerzia!ti aggiorno sabato la testero

  9. Ne ho incordata una a posta x vedere come mi trovo!in verita la blast l ho mes x esperimento in passato l ho usata con soddisfazione ma poi alla lunga a tensioni piu alte mi ha dat fastidio!ricordo che perde subito tensiond pero!tu che corda mi consigli in alternativa se nn mi trovo bene

  10. Ciao Fabio
    Ho visto che hai provato le Wilson revolve spin. Come ti sei trovato ? Le consiglieresti per un giocatore 4.3, 4.2 che gioca prevalentemente da fondo in in top
    Spin o c’è qualcosa che aiuta un po’ di più ?
    Grazie Mark

    • Ciao, penso che possano andare molto bene per un gioco dal fondo, anche come durata generale. Le Revolve Spin sono veramente azzeccate sulla Blade V7 per caricare la palla con potenza e rotazioni, soprattutto alla luce del fatto che la V7 vuole tensione più bassa e, in questo, la Revolve Spin fa meglio della sua versione standard. Le monterei, senza grossi pensieri.

  11. Ciao Fabio,

    circa due anni fa ti avevo chiesto un consiglio per scegliere tra Ezone e PureDrive e, dopo averle provate entrambe, su tuo consiglio scelsi PureDrive (Team), trovandomi benissimo.
    Ora vorrei passare ad un telaio più e classico e a una racchetta più morbida, per non sforzare troppo spalla e gomito.
    La mia scelta era combattuta tra Pro One di Donnay e Clash di Wilson (seppure le dimensioni di quest’ultima non sono propriamente da classica), le ho provate entrambi e devo dire che sono molto divertenti, forse più permissiva la Clash rispetto alla Pro One, ma ora con questa bassa rigidità mi intriga molto anche la Blade.
    Tieni presente che gioco un paio di ore la settimana, non ho un braccio che spinge molto e cerco aiuto dalla racchetta per questo, prediligo gioco piatto e cerco soprattutto controllo e precisione più che potenza. Come pesi, preferisco stare su telai sotto i 300g. per non rischiare di sforzare troppo la spalla, avendo paura di non reggere il peso. Inoltre, non essendo un fenomeno, un aiuto dal telaio è sempre ben accetto 🙂
    Tu cosa mi consiglieresti tra queste tre? E con che corde/tensione per venirmi in aiuto?

    Grazie mille e complimenti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »