Prince Phantom 100X 305

Prince Phantom 100 X 305

Prince è un’azienda che nel tennis ha dato e continua a dare tanto, con uno spirito di innovazione che non è secondo a nessun altro marchio. La gamma racchette è veramente molto ampia, con un’offerta di telai sicuramente non banale. Anzi, di banale in Prince non c’è praticamente nulla e la ricerca dei dettagli, tecnici ed estetici, è molto curata. Beast, Tour e Phantom sono le linee top dell’azienda, che, con il Textreme 2 aggiorna tutta la gamma e fornisce ancora una volta degli spunti interessanti, tuttavia è con la linea Phantom che Prince mantiene la maggiore identità e il maggior collegamento con il glorioso passato. Di Phantom ce ne sono tante, di ogni peso e piatto, ma una in particolare riesce a rispondere molto bene alle richieste del mercato attuale: Phantom 100X 305 grammi.

prince phantom 100 x 305

Headsize 100 inch2
Peso 305g
Schema corde 16*18
Bilanciamento 315 mm
Swingweight (incordata) 322 kgcmq
Rigidità 59 RA
Profilo 18-20-22 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica di Phantom 100X è un bel mix di sobrietà ed eleganza, ma con alcuni tocchi di modernità, che lasciano, però, un’immagine molto pulita ad un telaio dalle forme sottili e filanti. Il colore di base è un grigio medio metallizzato, molto brillante, impreziosito da un disegno in stile “campo magnetico” su tutto il fusto. È realizzato in nero, ma è molto sottile e, a distanza, non si nota, ma da vicino crea un effetto davvero premium. Tutte le serigrafie sono realizzate in grigio chiaro, proprio per non deturpare l’estetica ricercata e giocano su un vedo/non vedo che ben nasconde anche le specifiche del telaio, stampate sulla parte bassa del piatto. La struttura è a dir poco snella, con il profilo che va dai 18 millimetri, con sezione più tondeggiante, degli steli, ai 20 del cuore e per finire ai 22 millimetri della testa, dove la sezione è più schiacciata. Tutto è molto ben raccordato, insieme al piatto da 100 pollici, ampio e rotondo, che ospita un pattern 16×18 abbastanza aperto e compattato verso il centro. Sotto gli steli sottili, troviamo un manico di misura regolare, pieno, con una forma squadrata e dal tappo leggermente pronunciato. Un manico molto curato, che si tiene molto bene e fa sentire adeguatamente gli spigoli, grazie all’ottimo grip ResiTex Tour. Infine, il tappo è nel consueto colore verde, con sportellino in nero laccato e la grande P in argento a rilievo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

70 Comments

  1. Ciao Fabio, complimenti per l’ennesima splendida recensione. Volevo farti una domanda generale, queste racchette con un pattern così aperto, in questo caso 16×18 divorano le corde rapidamente rispetto ad una racchetta 16×20?

    • In realtà il pattern è aperto, ma non apertissimo, perché è addensato vero il centro e sfrutta il minore numero di corde per dare una maggiore sospensione del pattern, per la potenza e la tolleranza. Non è una mangiacorde, né più né meno di una Blade 16×19.

  2. I play with Blade 98S similar pattern. I have control, punch and power. Does 100X offer similar free power ?

    • Hi buddy, welcome.
      Yes, the free power is quite the same, but must be considered that Phantom 100 X has a more classic balance point, so it must be pushed a little more. Fortunately, it’s so easy by the nice swingweight that allow you to accelerate easily. I have to say that Balde 98S provides more spin, but Phantom has a better control and blend feel.

      • I am currently testing lots of frames.

        1) Which one do you prefer between 100X, VCP HD and Volkl mid 10 power bridge ? I know they are total different sticks but which one would you choose before entering an official match ?

        2) I play serve and volley. I also need precision from the baseline with a little free power and i also go for drops / special shots. I play with 1HB. Which one would you choose from the above ?

        • They are really different sticks. Volkl PB 10 Mid is probably the best connected, but as free power is the not useful. Could be a good choice if don’t need tolerance and much defensive phase. You shold receive much more, in this sense, from VCore Pro HD, with more easy power, quite the same precision and even more spin. Phamtom 100X could be the easy choice if you want maneuverability, more tolerance and good feel, by adding power with arm and counting on a easy power at medium range. All in all, you style of play is more oriented to VCore Pro HD, but you should take in mind that it’s not an easy kind of stick at all and it need to be pushed ever and ever to access to all the benefits it provides. In this sense, Phantom 100 X is more simple to use, with quite the same plush feel and good touch, but, as you know, the mass provides a lot of benefits. You must choose regarding to how you feel about using a havier stick, because you can custom the Phantom, but it’s really hard to do it with the HD, which is my adviced one for you game style.

  3. Hi Fabio, can you compare this racket to the Pro Kennex Black Ace 300?

    • Black Ace is softer, but Phantom 100 X is better connected to the ball, with a nice feeling. In terms of free power, they are on the same level, but Phantom gives something more in easy acceleration, because of the thinner beam and the more maneuverability provided. I mean, they are similar stick, with different style of beam and pattern. Nice spin for both, a little more for Phantom, decent power level, more easy power for Black Ace and high power for Prince, so small differences considering all.

  4. Ciao Fabio, puoi fare un confronto anche con la mia Prestige s touch, specie come facilità di gioco (tolleranza, potenza gratuita)? Grazie

    • Per molti aspetti sono sovrapponibili, come per il livello di spinta, ma con una maggiore uscita di palla per la Phantom, che è sempre un 100 pollici e fa valere la maggiore stabilità e le corde più ampie. In termini di controllo sono alla pari, mentre sul comfort e sulla flessibilità Prince ne ha di più, come anche in tolleranza. Chi viene dalla Prestige s Touch entra subito in connessione con la Phantom, perché è un telaio simile, ma con un motore più grande e una maggiore tolleranza all’impatto.

      • Ciao Fabio, differenza rispetto alla 310 gr? Grazie

        • La 100 X ha più facilità di movimento e un po’ di potenza gratuita in più, ma sempre nell’ambito di telai agonistici, flessibili e da condurre con decisione all’impatto. La 310 è più precisa sul colpo piatto ed ha un feeling più diretto, ma un po’ meno pronta per lo spin. Gioca più classica ancora, ecco.

  5. 1) Fabio a friend of mine told me that he found more free power with v7 16×19 and that’s why he sold his 100X. Do you agree ?

    2) Can you give as some racquet examples to compare the power level of 100X ?

    • 1) Both v7 and 100x are powerful rackets, they are easy to maneuver but not sticks with easy power. In this way, 100 X has some more easy power, but it depends absolutely on how you string it. 100 X is a 59 ra and, even if it’s a 100 sq.in. You have to sting it at maximum 22 kilos. It’s strange to feel the 100x less useful for power than Blade 98 16×19, which wants more power from the arm in general. Probably the low ra let your friend to not feel the power.

      2) the power level is similar to CX 200 ora VCore 98, so quite useful for a classic stick with a not so high swingweight.

  6. Ciao Fabio,
    sono felice abbiate trovato l’accordo con il distributore Prince. io sono passato a prince da settembre, e ne sono felicissimo.
    Volevo chiederti se avevi provato anche la sua versione precedente…la 100p, e se hai notato un effettiva maggiore stabilità e potenza gratuita.
    Grazie mille.
    Marco

  7. Presa Phantom. La Blade countervail la incordo a 21 e mi trovo molto bene. Cosa mi consigli?

    • Monto gamma io 1,23. Pensavo di abbassare la tensione a 20

      • Si può essere una soluzione sensata quella di abbassare la tensione verso i 20, ma ti darebbe maggiore feeling una corda più reattiva, come la Moto, per restare in gamma. Più scendi con la tensione, più la corda deve essere reattiva, per compensare.

        • Ho montato prokennex IQ poly 1,28 a 21? Pensi siano adatte a questo telaio?

          • Beh, è un mono molto semplice, per di più in calibro 1.28, direi che sarebbe il caso scendere a 1.23-1.25, con una corda di caratura maggiore. Senza doversi svenare, puoi considerare una io soft di gamma, una ice code di tecnifibre, una magic di string project e via così, tutte corde capaci di feeling, comofrt e potenza.

          • Di corde ne capisco davvero poco. La gamma io 1,23 che montavo sulla Blade potrebbe andare? Mi trovavo bene ma sconsigliata dall’ incordatore per la Prince

          • In effetti sarebbe meglio la Io soft, ma se scendi con la tensione puoi pensare anche alla Io 1.23.

          • Per la prince mi hanno consigliato 4 g o 4 g soft luxilon. Sul calibro non ho idea, cosa mi dici?

          • Parliamo di ottime corde che sanno restituire un gran feeling e assecondare bene spin e altre doti di Phantom 100 X. Non andrei sulla 4G, ma sulla soft, che offre un margine di spinta migliore. In questa direzione hai anche Armour Soft 1.24, che ci sta davvero bene. La tensione, però, con questo genere di corde agonistiche deve essere contenuta e sui 21 kg sei già in zona di controllo, non salire troppo.

    • Resta sulla stessa tensione, perché anche se il piatto è da 100, è comunque più flessibile e devi compensare.

  8. Ciao Fabio,
    complimenti per la recensione, posso chiederti un confronto rispetto alla head speed 360 mp? Grazie

    • In termini di feeling, controllo e sensazione di impatto, non c’è paragone, la Phantom è tre gradini sopra. Andando sul discorso potenza, la Speed è un telaio che spinge piuttosto gratuitamente e si riprende la scena, anche se la Prince non è un telaio poco potente, ma va aconsiderato che si tratta di un telaio progressivo, che segue il braccio. In termini di spin, vale lo stesso discorso, la Speed è più gratuita, mentre la Phantom è più proporzionale all’azione del braccio, ma non disdegno lo spin carico, pur non essendo una spin machine.

      • Grazie mille per la risposta Fabio. Sono molto interessato a queste Prince quindi aspetto con ansia i tuoi pareri sulle tour. Proprio in merito alle tour, in casa Prince mi hanno consigliato questo modello rispetto la phantom. Cosa se ne pensi? Intendo la tour “tradizionale” da 290 gr rispetto la Head speed mp, se puoi quali sono le principali differenze? Grazie ancora!!!

        • Indubbiamente la Tour 290 ha più controllo, più sensazione di impatto e maggiore completezza. Il vantaggio della speed Mp lo vedo nello spin e nella potenza gratuita, ma devo dire che la Tour 290 mi ha dato un’ottima impressione quanto a facilità di uscita di palla.

  9. Ciao Fabio.
    Complimenti,sempre preciso nelle tue recensioni. Over 50, in buono stato fisico e classica 3.4, stile abbastanza classico, alla ricerca di una racchetta gentile con i legamenti che mi aiuti in spinta e sensibilità . Questa phantom oppure una clash 98 o 100 tour? O una ezone 100 della quale hai scritto ottime cose?

    • Ciao Mario, dipende anche dalla tua esperienza precedente con i telai. Prince Phantom 100X è un telaio fantastico, che aiuta in spinta rispetto a telai come blade o Strike, ma non rispetto ad una profilata, che darà sempre una maggiore potenza gratuita. I vantaggi della phantom sono la facilità di uscita dal piatto, la tolleranza, il feeling e la prontezza, il tutto condito con una buona maneggevolezza che offre spazio al braccio per esprimersi. L’inerzia non è altissima, ma c’è e qualcosa dal braccio la richiede. Se hai dubbi sulla maneggevolezza o sul peso, considera la versione 290 grammi che ha un livello di potenza più alto, soprattutto in termini di potenza facile, ma come feeling la 305 è superiore. Come alternativa, La 100 Tour da 290 è assolutamente da considerare per la maggiore facilità generale, mentre la Clash 98 ha un’inerzia nettamente più alta ed è un telaio che va spinto abbastanza di più e va verso altre direzioni. Credo che tra Phantom 305 e 290 puoi ottenere tanto, ma nel dubbio, andrei sulla più leggera.

  10. Ciao Fabio, potresti gentilmente dirmi quali sono le differenze sostanziali fra una Prince con grommet normali e una con i “buconi”? Per esempio la nuova Phantom 100X. Grazie!
    Gilberto

    • Ciao, la differenza sostanziale sta nell’impatto più soft, nel maggiore sweetspot e nella maggiore facilità di uscita di palla, a fronte di una sensazione più morbida di impatto, che non piace a tutti. L’idea della doppia versione è ottima, perché anche se la il sistema O3 offre tanto, ma l’impatto più soffice non aggrada tutti e qualcuno preferisce la sensazione del telaio classico. Lo svantaggio della versione O3 è la durata delle corde, sicuramente inferiore, e la richiesta di una corda generalmente più tecnica, più rigida, rispetto al normale. Chi adopera un mono, con la O3 va meglio, ma chi vuole una corda soft o un multi, con la versione tradizionale trova maggiore supporto.

  11. Telaio molto interessante per me che già posseggo una vcore98 305. Il piatto 100 unito allo schema corde parrebbe apportare solo benefici! Finalmente le tue valutazioni su prince, grazie…ne hai in programma altre della stessa casa? Che serie pensi di testare e in che direzione andranno rispetto Phantom?

    • Phantom 100 è davvero molto interessante. Poi c’è la versione 290 che apre a mille possibilità. A breve arrivano le recensione delle O3 Tour 290 e 310, oltre che della Beast 104 in versione O3. Poi vedremo cosa altro testare, ma sicuramente ne arriveranno altre, la strada è aperta e le Prince interessano a molti, i numeri parlano chiaro.

  12. Ciao, mi riaggancio alla domanda di tozzo 83 , volevo farti notare che la precedente versione della phantom L avevi testata ed è rimasta L unica Prince testata fino a oggi , credo…. comunque sarei anch’io interessato alla risposta grazie

    • La Prince provata era la Phantom Pro 100 P, un telaio boxed, molto differente e più low-powered rispetto al modello appena testato, che invece si rifà alle Phantom 100 non P. Infatti oggi esistono ancora le Phantom P, che sono ancora telai Boxed, che ricordano un po’ le Graphite di un tempo.
      In generale, il confronto tra Phantom Pro 100 P e Phantom 100 X vede vincere la 100 X per facilità di uscita di palla, spin, potenza gratuita e maneggevolezza, mentre la Pro 100P offre una maggiore connessione alla palla, configurandosi come telaio più da tocco e gioco di fino, magari con un multi. La X, invece, riesce ad essere decisamente più aggressiva con l’uscita di palla.

  13. Ciao Fabio,
    volevo cambiare la mia Head extreme mp 2017 che uso con multifilo a 22/ 23 kg.
    Gioco in top ma non esasperato, sono appassionato doppista .
    Anche in singolo sono un attaccante ,ma mi piace anche variare ritmo, altezza e velocità’.
    Vorrei una provare una racchetta
    più’ attuale ,che abbia caratteristiche simili per maneggevolezza e feeling.
    Ho provato una bellissima Donna allwood 102 del 2018 ,ma forse con delle corde non ideali.
    Qualche consiglio?
    Grazie

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Ci sono tante strade da poter prendere per sostituire un telaio. Una Allwood, rispetto ad una Exteme Mp è un telaio che offre un feeling nettamente più alto e una bella resa di spin, sia back che top. Probabilmente nel test le corde non ti hanno aiutato, perché solitamente è un telaio che piace davvero a tutti, indipendentemente se poi al scelgano o meno. Oltre alla Allwood, per andare su un telaio che sia di aiuto nelle variazioni e nello spin, con buona maneggevolezza, potresti guardare a qualche telaio profilato, tenendo presente le peculiarità principali. Ad esempio, Ultra 100 V3 è un telaio potente e con tanto controllo sul colpo piatto, mentre la Ezone 100 2020 ha sempre un bel controllo sul colpo piatto, ma offre più spin ed è un po’ meno maneggevole, poi c’è la classica Pure Drive, che sa aiutare sempre molto e soddisfare gli utenti alla lunga, per la sua completezza. Fatto sta che, a monte, dovresti pensare almeno alla tipologia di telaio, tra classica e profilata, così da poterti aiutare davvero nella scelta. Magari dimmi anche cosa non ti soddisfa nel tuo telaio attuale.

      • Volevo migliorare un po’ le prestazioni sotto rete.
        Tuttavia in passato racchette con rigidità alta (sopra i 65 ) mi hanno dato fastidì al gomito.Pertanto la mia priorità è indirizzarmi su racchette un po’ meno rigide.
        Pensavo di provare una Wilson blade 98 v7 16×19 che è una profilata e non troppo rigida da quello che leggo sulla recensione o una Dunlop 200 cx LS.
        Grazie mille per il supporto.

        • In realtà la Blade 98 non è una profilata, ma una classica, essendo il profilo costante a 20.6 mm. Considera che è un telaio impegnativo tecnicamente e fisicamente, quindi, se hai dubbi di tenuta, valuta la CX 200 LS oppure una 305 leggermente meno carica, come VCore 98 o Phantom 100X.

          • Grazie mille, proverò queste due!

          • Dai un occhio al mio nuovo portale, Tennistically.com, tutto basato sulle recensioni utente su tutti i materiali. Qui puoi riportare tutte le tue impressioni e dare i voti ad ogni attrezzo o materiale che hai provato.

  14. Un confronto con l ezone 100 2020?e rispetto a babolat aero vs 2020?l ezone la sto usando da tempo e mi sto trovando bene forse solo suo tocchi ha bisogno un po di accortenza perché trop gratuita

    • Ezone 100 2020 è più potente e un po’ meno sensibile rispetto alla 100X, mentre la Babolat Vs ha un livello di spinta leggermente maggiore e con uno spin più marcato, ma un controllo molto simile sui colpi piatti, con la differenza nel feeling, più morbido per la 100 X e più secco e reattivo per la VS.

  15. Finalmente PRINCE!!!
    Aspetto con ansia le Beast 100 normale e 03.
    Sarebbe bello provare il telaio normale e la variante buconi magari sempre in un TEST unico in modo da vederne le differenze.

  16. ciao Fabio…e bentornato al marchio Prince tra le tue recensioni
    sai dirci qualcosa x l’uscita qui da noi delle Pog in versione textreme con piatto 100 da 310 gr e la 107 da 305 gr. finalmente “modernizzata” in quanto a peso, già disponibili per il giappone?

    • So di alcune novità, ma nulla sui pog, mi informo.

      Nel frattempo, dai un’occhiata al mio nuovo portale, tutto dedicato agli appassionati della racchette e non solo: Tennistically.com, un sito totalmente basato sulle recensioni utente, che calcola in automatico la media dei voti attribuiti e crea la classifica di gradimento dell’utenza per racchetta, corda, pallina e scarpa.

  17. Ciao,da tennista che nn si mette mai l anima in pace in fatto di racchette,sono due mesi chr uso ezone 2020 la 100,mi sto trivando benissimo,facile veloce e ottimo controllo sulle mie chiusure in sventaglio!diciam che gioco in top x poi far accoeciare l avversario per poi far male entrando nel campo!il problema che ho ritoccato la blade v7 16×19 che avev nel fodero e l ho sentita una mazza a confeonto per il telaio classico mi piace molto come coinvolgimento e attritto con la palla,xo ammetto che la ezone aiuta tanto in tutte le occasioni e ha hn bel caratterito xo sulle palle in cui bisogna usare la dolcezza e un po troppo irruenta!che dici questa prince puo esser un giusto mix ?impatto da classica ,connesa,e non troppo pesante come la blade?

    • Si, ci può stare, però se vuoi un aiuto maggiore, dovresti pesante alla Tour 100 da 290, che va davvero bene. In alternativa, per avere un telaio classico non troppo pesante, puoi considerare la Pro One unibody, che come feeling non è seconda a nessuna, oppure la Vcore 98, che mantiene una certa facilità rispetto alle altre 305. Phantom 100 X è comunque una vera agonistica e il braccio deve fare il suo, come con tutte le concorrenti di pari peso.

  18. Dopo due ore di partita di stasera penso di acconten della mia attuale ezone,sara questione di farci le mano sui tocchi pero il resto e perfetto,tira difende batte taglia….la sento perfetta!peccato che anche quest ultimo ibrido si stia spaccand presto!mi devo rassegnare andar di solo mono!se trovo un test cmq della 300x la provero sicuramente xche mi attira un classico piatto 100

    • Gli ibridi si consumano presto, soprattutto quelli con mono agonistici e peggio ancora se sagomati. Però sono una gran bella soluzione di qualità, giocabilità e protezione.

  19. Ciao, da circa un anno gioco con la BLADE CV 16×19. Mi ci trovo abbastanza bene ma vorrei una racchetta leggermente meno faticosa e anche leggermente più tollerante ma comunque dalle caratterristiche simili. Vedendo le vostre recensioni ero orientato su questa PHANTOM 100X 305 oppure DUNLOP SRIXON CX200. Cosa ne pensi? Potresti darmi un consiglio. Grazie.

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Se vuoi scendere di faticosià, ma non di peso, puoi considerare la Phantom 100X, per la tolleranza oltre che per la maggiore maneggevolezza, la CX 200, che ha un bel controllo sul colpo piatto e una buona spinta, ma è un po’ meno maneggevole rispetto alla Prince, oppure Yonex VCore 98, una delle più maneggevoli tra le 305, delicata all’impatto e capace di una buona resa delle rotazioni, ed infine la nuova Donnay Pro One 97 Unibody, che ha il feeling più spiccato, buona resa dello spin e controllo in ogni situazione. Sono queste le alternative, considerando, però, che la Blade V7 si è anch’essa alleggerita e condivide le stesse proporzioni della Dunlop CX 200, quindi massiccia, ma non più davvero pesante, al contrario della 18×20 V7 che è rimasta più carica di massa.

  20. Ciao Fabio.
    Come ci vedi su questo telaio Wilson Revolve lisce 1,5 o Gamma Moto soft 1,24 22/21 ?
    Copro molto di dritto, un po’ meno di rovescio e preferisco colpire frontalmente (no ganci esasperati).
    In alternativa cosa monteresti per esaltare velocità di palla senza penalizzare troppo lo spin ?

    Grazie
    Gianluca

    • Sia Revolve che moto soft possono andare bene per lo scopo dello spin, ma Revolve è un po’ più generosa in potenza, mentre la moto ha un migliore feeling. Tuttavia, hai un nuon margine per scendere ancora di un kg.
      Come alternative, alla ricerca di potenza, penserei soprattutto ad RPM Team ed a Rocket 1.25.

  21. Ciao Fabio,
    testa stamattina per 2 ore e devo dire che la prima impressione è stata ottima.
    Potente il giusto da fondo e in chiusura e, su questo piano non mi è sembrata inferiore alla mia EZone 2017.
    Rispetto alla Yonex, molta più sensibilità sui tocchi e a rete dove la Yonex invece non mi ha mai convinto.
    Prima di questo test ero quasi certo di passare alla EZone 2020 ma ora sto prendendo seriamente in considerazione di passare alla Phantom 100x, anche perché avverto una maneggevolezza e una tolleranza superiore alla Yonex.
    è così anche nel confronto con la EZone 2020, Fabio?

  22. ciao Fabio, potresti farmi un paragone con la dunlop cx 200 soprattutto in termini di potenza, recuperi e maneggevolezza?
    Grazie.

    • CX 200 spinge un poì in più a livello alto, per via della maggiore massa, ma Phantom compensa con il piatto più grande e la maggiore facilità di swing. Siamo lì in termini di potenza assoluta, con un piccolo vantaggio per CX 200 in alto e per Phantom 100 X in basso e a regime intermedio. Per i recuperi, Phantom offre di più.

  23. Un confronto tra questa e la Pure Strike100 (ultimo modello)? sempre che le due siano in qualche modo paragonabili.
    quale piu adatta ad un 3.5 con discreto braccio, toppatore non esasperato e con frequente gioco a rete?
    Ciao Fabio e grazie per quello che fai per noi tennisti e amatori!!!!

    • Il paragone ci sta, sono due classiche da 100 pollici con inerzia simile, ma molto differenti nell’indole. La Strike è spin e potenza, con minore purezza di tocco, mentre la Prince è tocco, delicatezza di impatto e potenza “morbida”, essendo un telaio più flessibile. Il vantaggio della Strike è l’aggressività con cui spinge la palla e la carica di spin, mentre per la Prince c’è una maggiore delicatezza di impatto e una maggiore necessità di swing col braccio.

  24. Ciao Fabio, seguendo le recensioni e le tue indicazioni ho giocato con la Donnay 97, unico neo che mi è arrivata con Swingweight un po’ bassino 283 kgcmq non incordata. Per divertimento gioco ancora con la Wilson 85 per cui con la Donnay mi manca un po’ di inerzia.
    Mi piace il gioco classico, non disdegno avere un attrezzo che mi dia anche dello spin, mi piace andare a rete, rovescio ad una mano, insomma feeling, natura old-style, tocchi, gioco vario, palle corte e volley, queste sono le mie parole chiave. (non amo assolutamente il tocco e la troppa potenza gratuita data da molte profilate anche se un pochino di spinta aiuta a 47 anni e mi farebbe comodo).
    Ultimamante (mi piace provare telai e marche diverse, ho provato la Yonex Vcore 97 HD, come non provarla, faticosa ma bellissima, e purtroppo quando sei stanco si sente perchè lo Sweetspot non perdona.
    Finalmente leggo due recensioni che mi entusiasmano, Donnay Unibody con inerzia maggiore e migliorata in tutto e Prince Phantom 100X 305, con ottima tolleranza e completa.
    Belle entrambe, quale prendere?
    Ciao Fabio e ancora grazie per le splendide recensioni.

    • Ciao, scelta ardua davvero tra Pro One unibody e Phantom 100 X. Andrei sulla prima per il feeling, lo spin e la sensazione di impatto molto old-style, mentre sulla Prince per un piatto più grande e facile da gestire. Entrambi i telai, per motivi diversi, prevedono spinta, anche se non brutale, ma sempre molto utile e sempre da perfezionare col braccio. Ripeto, è una scelta difficile, perché le caratteristiche positive di entrambe sono molto appetibili e rientrano nello stesso range di telai, le classiche flessibili e non impossibili da gestire.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua opinione conta!

Scrivi la tua recensione su
Tennistically.com

Translate »