fbpx

La scelta della racchetta (Video)

La scelta della racchetta, croce e delizia per tanti appassionati. Scelgiere una racchetta significa non solo trovare uno sfogo alla propria identità tennistica, ma anche ricercare un supporto reale per il nostro gioco.

Per fare ciò, occorre fare un’attenta analisi del nostro tennis, tra livello e tipologia, per indirizzarci verso un range di racchette utili. Fatto ciò, l’analisi deve continuare basandosi su come un telaio può completare il nostro tennis. Il tennis è uno sport che si pratica in agilità e completezza tecnica, quindi un telaio eccessivamente tecnico non fa altro che ridurre il nostro potenziale in campo.

Inoltre, molti pensano che un telaio sia in grado di farci giocare meglio, ma la realtà è che la racchetta giusta ci fa avvicinare al nostro 100% di tecnica posseduta, mentre un telaio inadatto, per poca o troppa consistenza, può ridurre drasticamente questa percentuale e impattare brutalmente sulla resa in campo.

La scelta della racchetta è soprattutto autocritica!

 

6 Commenti su La scelta della racchetta (Video)

  1. Colgo l’invito per fare la domanda del secolo: quale può essere il telaio che aiuta il rovescio in top spin e che dia una mano nella spinta? Il dritto ed il servizio vanno bene.

    • La domanda è molto complessa, se non è contestualizzata. Il maggiore spin nasce da diversi fattori come Velocità di esecuzione, quindi deve essere maneggevole, massa disponibile, ma non eccessiva per non rallentare il braccio, pattern adeguatamente aperto, per tenere dentro la palla, oppure leggermente più chiuso se si impatta davvero forte, poi il bilanciamento che consenta pienezza della testa. Ma sono tutti parametri che variano da braccio a braccio, impossibile dare una risposta concreta ed indicare una sola racchetta.

  2. Ciao sono 7 mesi che gioco assiduamente con un maestro privato in circolo(4 volte a settimana)gioco bene il diritto con diverso spin è un rovescio a una mano abbastanza potente!sono un giocatore aggressivo ,amo comandare!purtrop sono ancor in evoluzione xche sto puntando tutto sui due fondamentali e il resto ancor lo dev fare!x il momento sto giocand con la Blade 104 sw che mi da gran spinta e quand non sono lucidissimo mi perdona qualcosa ! Premetto che sono alto 1.88 e ho un braccio abbastanza forte! Lo so che è una racchetta super agonista ma guardando il tuo video pensavo…..forse la spinta e lo spin già c’è lo metto io forse ho bisogno di altro?xche è una racchetta che se nn sei deciso nn va devi dare sempre il 100 per cento come forza e decisione!ho usato la aereo decima e mi è piaciuta quasi tutto tranne x il fatto che nn avev trop potenza! La nuova L ho provata mezza volta e mi è sembrata trop leggera avev il braccio che era sempre in anticipo e nn riusc a mantener le palle in campo ….però ammetto che è un vero cannone!pensi che dev puntare su qualc fedele alld mie caratteristiche o qualc che mi completi?

    • Ciao Ciro, benvenuto nel Blog.
      Essendo ancora agli inizi ed in evoluzione, se vuoi migliorare nella tecnica e nella resa, devi assolutamente pensare ad un telaio che sia più facile da maneggiare, che tiri più spontaneamente anche, in modo da poterti concentrare di più sulla esecuzione dei colpi.
      Piuttosto che andare su telai molto caratteristici, come Pure Aero e SW 104, potresti pensare a qualcosa che copra tutta la sfera del gioco, come Pure Drive, Ezone 100, Formula Hexa, Prince Beast 100 e, al massimo, una classica dal piatto grande, ma dall’inerzia più contenuta e contenuti meno estremi, come Kennex Ki 5 300, Prince Textreme Tour 100P o Yonex VCore Pro 100. Tuttavia, 7 mesi sono davvero pochi per affrotnare un telaio classico di spessore, quindi dovresti orientarti sulle profilate, per avere il giusto supporto. Inoltre, conta tantissimo anche l’incordatura e ti consiglio di non esagerare con la tensione, massimo 24 kg con il multifilo e 21 con il monofilo, preferendo sempre la prima opzione alla seconda.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »