Head Graphene 360 Speed Pro

Graphene 360 è la nuova tecnologia adoperata da Head sulle proprie racchette, per creare, a parità di peso, un incremento sensibile di stabilità, potenza e reattività, attraverso il posizionamento strategico del Graphene, derivato leggerissimo della grafite, ai lati del piatto corde, sulla testa e a metà degli steli. Dopo aver apprezzato il gran lavoro prodotto da Head, per l’aggiornamento delle Speed Mp, con la nuova tecnologia Graphene 360, è il momento di salire di livello e guardare al top della linea Speed. È il turno, infatti, della Speed Graphene 360 Pro, il telaio associato all’immagine di Novak Djokovic e di Alexander Zverev.

Headsize 100 inch2
Peso 310 g
Schema corde 18×20
Bilanciamento 315 mm
Swingweight (incordata) 327 kgcmq
Rigidità 64 RA
Profilo 23 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica della Speed Graphene 360 Pro è comune a tutta la linea Speed, già vista sulla variante MP. Il colore primario è il nero, declinato in diverse tipologie, da satinato del cuore, al laccato della parte bassa del piatto, mentre la testa della racchetta è tutta un gioco di colori con la finitura trasparente e la grafite a vista, con le venature e le diverse gradazioni di grigio e nero. Gli steli sono, invece, colorati per metà di bianco, in maniera asimmetrica, con un disegno obliquo a creare ulteriore movimento. Le serigrafie sono minime e su uno stelo campeggia “Speed Pro” a caratteri crescenti, mentre sull’altro vi è un richiama alla tradizione con un marchio Head piccolissimo, in nero, a contrasto col bordo bianco. Il profilo, come per Speed MP, sale a 23 mm costanti, mentre la sezione è esagonale, con un lato lungo esterno da 23 mm e gli altri più corti a formare una sezione profilo flat spigoloso. Il piatto corde è da 100 pollici, dalla forma allungata, ma Speed è il telaio con maggiore ampiezza laterale tra tutte le Head agonistiche, stemperato da un pattern 18×20 più aperto che in passato e più regolare sulla spaziatura, secondo la nuova concezione dell’azienda austriaca di allontanare le corde orizzontali e lasciare maggiore snapback. Belli anche i nuovi passacorde, più robusti, ma anche più scorrevoli, mentre è confermata al manico la forma data dai pallets TK87S, più contenuta rispetto Radical e Prestige, oltre che meno tendente al rettangolo, sui quali è adagiato un grip Hydrosorb Pro, in bianco. Anche sulla Speed Pro troviamo il nuovo sportellino ovale per accedere agli steli, che sono cavi, con tanto spazio nell’hairpin, ricavato per alloggiare anche il Tennis Sensor di Head. Nel complesso è molo bella da vedere, con un aspetto lussuoso e ben rifinito.

[themoneytizer id=”15952-28″]
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

78 Comments

  1. Un paragone con la Prestige Pro in termini di potenza, maneggevolezza e adattabilitá a un gioco di ritmo e costruzione del punto piú che da uno-due?

    • Come potenza, la Prestige sta leggermente sotto, ma riesca a fare maggiormente palla complessa. Dal punto di vista della maneggevolezza, la Prestige, in versione Graphene Touch, si muove meglio, ingombra meno. Per ritmo, la Speed offre di più, ti ci appoggi meglio, vuoi per il piattone, vuoi per la maggiore uscita facile. Per ciò che riguarda l’uno-due, entrambe sono valide, solide e cattive in spinta, dipende tutto dallo stile, più piatto la Speed, più carico la Prestige.

      • Se paragoniamo invece questa nuova Speed Pro alla Touch Radical Pro?

        • Un livello di spinta molto simile, come anche le proporzioni suggeriscono, ma con una maggiore propensione dell Radical verso lo spin, senza esagerazioni, e la Speed che svetta per tolleranza, maggiore spinta facile in basso e controllo sui colpi piatti.

          • In questo periodo gioco poco e non faccio tornei, per cui vorrei affiancare alla profilata una racchetta di maggiore feeling per divertirmi. il gioco è di costruzione del punto, poche rotazioni e palla non pesante, fin troppo pulita, livello teorico a cavallo tra quarta e terza categoria. Cosa vedi meglio tra Prestige Pro e Speed Pro?

          • Sono due telai abbastanza fuori portata per un quarta e al limite per un terza, quindi, essendo una scelta di cuore e non di testa, e cercando il feeling, Prestige Pro.

  2. Ciao Fabio, mi faresti un paragone con la speed pro graphene touch, in particolare quale tra le due è più semplice, se considero l’inerzia, sempre grazie ai tuoi insegnamenti, credo sia la touch. Ma vorrei un tuo parere. Anche perché la touch ha il profilo a 22mm che immagino incida in tal senso. Grazie sempre della pazienza

    • In buona sostanza, la Graphene Touch è più vuota e quindi con minore inerzia e maggiore maneggevolezza. Si swinga più facilmente, ma la versione 360 ha un’altra spinta e un’altra solidità, con una più accentuta potenza gratuita e una migliore propensione per il gioco coperto. Non sono telai troppo dissimili, anzi, ma la 360 rappresenta una evoluzione tutta in positivo, tranne che per la semplicità generale. un piccolo prezzo da pagare per avere una prestazione sicuramente più elevata in ogni ambito.

  3. Grazie mille Fabio, un ultima cosa, essendo consapevole che sono telai completamente diversi, se tu venissi da APD, e dovessi scegliere tra la touch e la 360, cosa sceglueresti

  4. Grazie mille Fabio, illuminante come sempre.

  5. Ciao Fabio a quando la recensione del modello MP
    grazie

  6. Scusami Fabio ma non mi ero accorto che l’avevi già fatta

  7. Ciao Fabio trovo i tuoi consigli e le tue recensioni molto interessanti. Ho quasi 50 anni e praticavo tennis agonistico da ragazzo. Nel tempo ho ripreso la racchetta in mano saltuariamente ma vorrei ricominciare aggiornando il mio equipaggiamento. Pratico un gioco da fondo campo con rovescio in top spin e dritto più piatto cercando di costruire il punto con cambi di ritmo e chiudere con accelerazioni di dritto. La racchetta con cui gioco attualmente è una Wilson n Blade di una decina di anni fa (quella nera, bianca e oro). Mi trovo
    ancora bene ma cosa mi consigli volendo aggiornarmi? Questa Head può fare al caso mio?

    • Ciao Andre, benvenuto nel Blog.
      Se è difficile scegliere la prima racchetta, lo è molto di più scegliere quella per un ritorno al tennis. Per due motivi principali: il primo è legato allo stato di forma, e bisgona vedere quanto ti stai allenando in campo e quanto conti di giocare rispetto al passato; il secondo aspetto è legato alla tipologia di telaio che vuoi adoperare, soprattutto in base al gioco che fai e al livello che riesci ad esprimere in campo.
      Resto in attesa di maggiori ragguagli, così da poter valutare meglio un consiglio.

  8. Già, è molto difficile valutare la racchetta giusta per il rientro. Mi è già capitato una decina di anni fa, all’epoca avevo ripreso con due alllenamenti alla settimana e una moderata attività agonistica. Avevo scelto una Babolat aero pro, quella di Nadal per intenderci. Mi sono esaltato con le rotazioni e a spingere da fondo campo, dopo un annetto ha cominciato a farmi male il gomito e ho cercato una racchetta più morbida. Il mio accordatore mi aveva consigliato una Wilson n tour two (quella della Henin) ma la palla scappava e non riuscivo a chiudere il punto. Ho scelto quindi una Wilson Blade, che mi dava sensazioni migliori della Babolat e non mi obbligava a picchiare sempre. Adesso ancora più invecchiato porto i colpi in maniera più lineare, sono tornato ad una impugnatura più classica e vorrei una racchetta che mi faccia sentire la palla in maniera piena. Per adesso gioco poco, ma l’idea è di fare un po’ di fondo e tornare a fare qualche torneo questa estate.

    • Beh, su questa scia ci starebbero alcune soluzioni come Pure Aero VS, Prestige S Graphene Touch e Vcore 98. Queste ti permettono di giocare in maniera concreta e lineare, con anche buone rotazioni, sfruttando strutture classiche, ma con impostazione di peso moderna, più veloce da muovere e caricare con i colpi.

      • Grazie mille per la risposta Fabio. Avevo letto le tue recensioni della Prestige S e della Vcore 98, ma le avevo scartate perché più leggere di quelle a cui sono abituato. Cercherò di provarle. Ma mi consigli una racchetta più leggera momentaneamente, in attesa di avere un braccio più allenato, o secondo te alla mia età devo rinunciare ad una racchetta più performante come la Speed Pro?
        Il mio accordatore di fiducia mi ha consigliato di tenermi la ncode blade con una accordatura più “morbida” e prendere una nuova blade quando sarò più allenato. Cosa ne dici?

        • Intendevo Prestige S e Pure aero vs, la Vcore 98 in effetti pesa 305 g… come la mia Wilson ma molto meno bilanciata in testa

        • Iniziare con un telaio pesante e massiccio, oltre che tecnico, per poi prendere nuovamente un telaio massiccio e tecnico, per quanto evoluto, non credo abbia molto senso, soprattutto perché la Blade è già una mira alta per un agonista, figurati per un appassionato. Hai l’opportunità di scegliere un telaio che ti dia feeling e ti possa aiutare davvero in campo, fossi in te la sfrutterei e mi prenderei tutto il buono che un telaio un po’ più facile può dare.

  9. Aggiungo che gioco il rovescio ad una mano. È il mio colpo debole, tendo a colpirlo in difesa, col peso all’indietro, e per compensare esaspero la rotazione col rischio di perdere l’impatto con la palla. Se sono in equilibrio mi esce un bel colpo fluido e pesante. Il dritto è sempre stato un colpo molto più sicuro e naturale, che vario spesso sia nella rotazione che nella velocità. Col dritto mi piace poter cambiare il ritmo. Ho iniziato a giocare a 8 anni con racchette di legno, e ho sempre avuto telai impegnativi, spesso ereditati da mio fratello maggiore che è stato un buon classificato (b2). Il telaio facile o amatoriale non è mai entrato in casa mia, ma consigliami tu che mi sembra che il mondo delle racchette sia molto cambiato.

  10. Grazie Fabio, mi hai convinto! Cercherò di fare una prova con la vcore 98. Ma tu intendevi quella da 305 g. o quella più leggera?

  11. Ho trovato un negozio che mi fa provare la head graphene speed mp, che dovrebbe essere molto più giocabile. Devo ancora trovare un negozio con la yonex VCore 38. Vorrei provarle insieme. Tu mi sapresti dire quali sono le differenze tra le due?

    • La Head è più leggera in mano e più facile, con minore potenza e rotazioni, ma con più tolleranza generale. La yonex è un telaio più agonistico, più esigente, ma di cerot non proibitivo, che sa dare di più quando si braccia maggiormente.

  12. Purtroppo per provare la VCore 98 devo aspettare la fine del mese, e sono in piena scimmia da racchetta. Leggo e rileggo le tue recensioni e credo che prenderò, una Yonex. Non riesco però a capire le differenze tra Ezone 98 e vcore98. Ho capito che una è più classica e una è più profilata, ma a volte mi sembra che tu preferisca la Ezone perché spinge di più ed è più cattiva, a volte mi sembra che consideri la VCore più tecnica e agonistica. Non resta altro che aspettare e provarle tutte e due e poi ti scriverò le mie impressioni.
    Non ti ho fatto abbastanza complimenti per il lavoro preziosissimo che fai, sei di grande aiuto e mi stai portando a giocare con più consapevolezza e con un’identità di gioco che non ho mai avuto.

    • Ti ringrazio, innanzitutti per i molti complimenti, ma faccio del mio meglio per essere utile e mi piace così.
      Quanto alal differenza tra Ezone 98 e Vcore 98, considera la prima come una racchetta pronta un po’ a tutto, con non troppa personalità, ma tanta resa, mentre la seconda come un telaio più da feeling pulito, anche tecnico, ma senza la difficoltà tipica delle racchette da agonista, e con un livello di spinta inferiore. La VCore è un telaio pensato per avere buona prestazione, senza troppo impegno fisico, ideale per chi ha tecnica e non è allenatissimo, mentre la Ezone è più seria, più solida in tutto e meno, passami il termine, “giocattolo divertente”.

  13. rispetto alla blade 98 CV 16X19 potresti fare una comparazione con la nuova speed pro ?

    Grazie

    • Va detto subito che la Blade è più malleabile ed ha uno spin nettamente superiore, come anche la potenza a disposizione. La Speed è più tecnicamente facile, soprattutto se non le richiedi troppa curva e si lascia condurre più dolcemente in aria, con una risposta sostanziosa. Tuttavia, fisicamente è altrettanto impegnativa. Blade è indubbiamente più sensibile e più massiccia in mano, lo senti sui colpi come escono, ma per apprezzarla devi andare almeno ad un regime medio-alto, mentre Speed Pro ha un plus di potenza gratuita a regimi inferiori.

  14. […] mette mano alla sua Extreme aggiornandola con la tecnologia Graphene 360, già apprezzata con Speed Pro e Speed MP. Con l’aggiornamento al nuovo modello, Extreme riceve anche una gamma completa, con i […]

  15. Ciao, io voglio cambiare racchetta, ho una vecchia speed mp da 315 gr 16×19(quella di 7/8 anni fa). avevo provato la speed touch pro da 310 e mi ero trovato molto male invece con la graphene speed mp di quest’anno molto bene. Ho un dubbio: mi consigli di prendere la graphene speed mp uguale che è 16×19 o la pro 18×20? Splendido blog

    • Ciao Alessandro, benvenuto nel blog.
      Visto che provieni da un telaio flessbile, con pattern largo, per avere una prestazione più simile, dovresti guardare alla nuova Speed Graphene 360 MP, che ha una inerzia paragonabile a quella del tuo attuale telaio e una maggiore pienezza rispetto a tutte le altre versioni Graphene.
      Oltre a ciò, ti consiglio di valutare die telai alternativi, visto che, in realtà, la Speed, prima dell’avvento del graphene, era una telaio molto classico e boxed quasi come una prestige da 100 pollici. Per questo motivo, puoi gardare a Donnay Allwood, Prince Phantom Pro 100P e Prestige Tour 99 Graphene Touch. A mio giudizio, sono i telai più indicati a sostituire, per ragioni diverse, la Speed Youtek.

  16. Ciao Fabio,
    ci eravamo scritti sulla pagina della prestige PRO. Alla fine ho comprato la speed pro e mi sto trovando davvero bene. Ora si apre la questione corde. la racchetta test montava head Hawk ed io ho fatto montare le hawk touch seguendo il tuo consiglio..puo essere che mi sembrino più “smorte” rispetto alle hawk normali? altra cosa .. quanto ore max consigli di tenere le corde anche se non si rompono? in negozio mi hanno detto massimo 20-25 ore, confermi?.. grazie in anticipo come sempre..

    • Le Hawk touch sono sicuramente più morbide rispetto alle Hawk, ma scorrono molto meglio ed hanno ben altri pregi. Magari considera di salire gradualmente con la tensione.
      Quanto alle ore di utilizzo delle cordo monofilamento, 10-12 è il limite massimo, oltre il quale la corda non offre davvero più nulla.

  17. Ciao Fabio Come sempre complimenti per le ottime recensioni. Il mio sito di riferimento per la scelta di atrezzatura. In questo momento possiedo una ProKennex Q+tour 300g per via di ricorrenti dolori al gomito, mi trovo molto bene ma mi sembra molto leggera e vorrei affiancarla con un altra racchetta più corposa. Ho 51 anni sono molto in forma e gioco prevalentemente piatto. Mi potresti fare un paragone tra questa Head 360 speed pro e la nuova ProKennex Q+ tour pro 315g ? Soprattutto per quanto riguarda la manovrabilità, potenza e arm friendly. Aspetto un tuo commento e poi procedo alla prove. Saluti

    • Ciao Alex, sono due racchetta abbastanza differenti per una serie di motivi. Innanzitutto la Q+ Tour Pro ha maggiore spin e maggiore feeling all’impatto, essendo un telaio boxed, flessibile e pieno sull’ovale, ma la Speed vince in potenza e controllo sul colpo piatto, pur avendo un impatto più secco e un po’ meno sensibile. In pratica, la spinta è dalla parte della speed, mentre l’uso di spin va più verso la Q+Tour Pro 315, che privilegia le variazioni e desidera u po’ più di copertura dei colpi per dare controllo. Quanto alla maneggevolezza, la Kennex è leggermente più agile, ma è una differenza abbastanza trascurabile.

  18. Come corde multifilamento cosa ne pensi delle Tecnifibre TGV?

    • Sulla versione Pro, va bene, è morbido e lavora bene sul 18×20, mentre sulla Mp motnerei qualcosa di più solido, anche se di fattura più semplice, come il Velocity 1.30.

  19. Ciao, potresti fare un confronto tra sperd pro 360 e la Prestige tour touch? Quale preferisci?
    Grazie

    • Ciao, sono due telai abbastanza diversi, partendo dal tipo di fusto, uno boxed, classicissimo, e l’altro ovale, molto più moderno e più ampio, quasi profilato. Anche se il peso e il piatto sono simili, coma anche il pattern, la dinamica è tanto diversa e, se la Prestige è un attrezzo da connessione con la palla, feeling e controllo, con un occhio alla giocabilità per gli orfani della Prestige Mp, la Speed è uan racchetta che spinge tanto di più, più solida, più cattiva nell’uscita dei colpi, ma anche più massiccia e ostica da muovere. In un certo senso, se con la Tour fai un po’ fatica a spingere e devi mettere braccio per completare la potenza, con la Speed Pro ti occorre foza per muover il telaio in maniera agevole e accedere alla bella potenza che ha.

  20. Alla fine, dopo aver comprato è usato per tre mesi la pro staff da 315 g., mi piaceva ma trovavo che aveva uno sweet pot molto piccolo, con un effetto on off, che non convinceva mai fino in fondo. Il mese scorso ho provato la speed pro, che era stata la mia prima idea, ma che tu mi avevi sconsigliato perché troppo difficile per me rientravo dopo tanti anni di attività. Mi è piaciuta molto, l’ho trovata molto solida e capace di abbinare potenza e controllo, e siccome sto giocando molto più del previsto, almeno tre volte alla settimana, compreso un allenamento con un giovane maestro che m ha detto che il mio livello tecnico era adeguato, l’ho comprata, dando indietro la po staff. Adesso dopo una decina di ore giocate con la racchetta nuova, o ancora dei dubbi. Mi sembra che in allenamento vada benissimo, ma in partita non mi dà sicurezza, ogni tanto la palla si abbassa all’improvviso e non riesco più a lasciare andare il braccio. Non so se sono solo problemi di fiducia nel mio gioco, o se la racchetta non è quella giusta. Ora è accordata con le head hawk bianche a 23/22 kg., vorrei provare con un kilo in meno per vedere se mi trovo meglio.

    • La Speed Pro nasconde una difficoltà di movimento che viene fuori proprio in momenti come la partita. In palleggio è una furia di potenza e stabilità, ma quando non le dai ciò che desidra, un colpo pieno, i colpi perdono efficacia. Era proprio questo il motivo per cui non te la consigliai.
      Detto ciò, la tensione che adoperi è alta per l’abbinamento corda/telaio, prova ad abbassare almeno di un kg, se non due addirittura e vedere se riesci a compensare con la spinta più facile della corda. Sulla maneggevolezza, invece, si può fare ben poco.

  21. Ma se volessi aumentare lo spin che corda mi consiglieresti? Basta abbassare di un chilo o due, o posso provare una corda diversa? Magari a sezione esagonale?

    • Sul 18×20 ci andrei piano con le sagomate, rischieresti di fermare del tutto il pattern. AL massimo, potresti provare con una sagomata di calibro 1.20 al massimo, ma siamo sempre sulle ipotesi da testare. Proverei comunque la Hawk Touch 1.20, a 22/21 al massimo, oppure la Lynx, anche a 21/20.
      Prova la Lynx Edge, per trovare un rimedio di spin. Come detto, il sagomato sul 18×20 può ritorcersi contro.

  22. Va bene grazie mille, ti farò sapere.

  23. Allora…il mio incordatore di fiducia sostiene che le racchette, incordate al negozio dove le ho acquistate, erano tese a 18 kg. con un monofilamento che non era head hawk 😵😳.
    Mi ha proposto una corda sagomata ottagonale, di cui non ricordo il nome, su una racchetta, e sull’altra un monofilamento molto sottile sui 23 kg. Farò un po’ di prove e poi vedrò. A primavera, con meno umidità, non escludo un ibrido con budello…

  24. Ciao Fabio sono una buona quarta quasi terza ho 49 anni e gioco con una burn 100 cv spingo molto da fondo madi rovescio tendo spesso a difendermi in back
    Un amico che ha preso la speed pro mi dice che da fondo spinge tanto pensi che per me possa valere la pena questo tipo di racchetta

    • Ciao Pasquale e bevenuto nel Blog.
      La Speed Pro è un telaio piuttosto massiccio e pesante rispetto ad una Burn CV. Richiede un altro livello di tennis, ma soprattutto un gioco fatto di anticipi e di spinta continua e frontale.
      Cosa non ti soddisfa della Burn? Perché vorresti cambiare telaio?

  25. Ciao Fabio in realtà mi trovo molto bene con la burn ma a volte mi piacerebbe spingere un po di più pero se non ho capito male con la speed poi avrei molta difficoltà in maneggevolezza e perderei qualcosa in difesa quindi tu dici di restare con la burn o mi puoi dare un consiglio per spingere un po di più senza necessariamente cambiare telaio

    • Puoi intervenire sulle corde, perché la Burn è un telaio che di prestazione ne offre in abbondanza e non occorre andarsi a impelagare con una racchetta da 310 grammi, per giunta 18×20, per avere spinta.
      Al momento, che corde monti e a che tensione?

  26. Buongiorno Fabio credi che un 3.5 riesca a gestirla? Stavo pensando di prendere alla GT radical mp, potresti fare un confronto come potenza, pesantezza di palla e maneggevolezza, gioco prevalentemente piatto!

    • Ciao, si un terza che gioca in continità non dovrebbe avere problemi a gestire questo telaio. Tuttavia, rispetto alla Radical GT ha maggiore potenza e una palla meno carica di spin, con uscita più lineare e frontale. Devi fare tanto con il braccio per far girare i colpi con la Speed Pro, mentre con la Radical GT c’è un principio iniziale di spin più marcato, che si stende a regime più alto. Sono due racchette di cilindrata differente, te ne accorgi dopo due colpi, ma che si somigliano per impostazione. Considera che la Speed è praticamente una versione 100 pollici della Radical.

  27. Ciao Fabio buongiorno, dopo aver letto questa tua recensione (ottima come sempre), nell’ottica di provare un telaio che sostituisse le mie amatissime ed ottime Tecnifibre T-Fight 320 vo2 max, ma oramai un pò datate anni 2010/2011, ho provato per 6/7 ore partite comprese la Speed Graphene 360 Pro e mi è piciuta subito, e quindi ho acquistato la coppia incordandola con Head Hawk Touch 1,25 (come quelle del test), tensione 22 kg trovandomi molto bene sopratutto sui colpi piatti ed in back, ma anche un discreto spin nonostante il pattern 18/20, anche se è un 18/20 non fitto. Pensando di trovare una maggiore facilità nel topspin, anche se io non sono un arrotino, ho voluto successivamente provare ad incordarne una con le Wilson Revolve Spin green, che avevo già utilizzato con ottima soddisfazione sulle Tecnifibre, stavolta però a tensione 23/22 kg per ottenere un pò piu di controllo, in quanto con le Hawk Touch a 22 kg ho un ottima uscita di palla e molta potenza ma a volte andavo un pò lungo, ed invece ho avuto conferma di quello che hai detto tu, cioè che delle corde sagomate o squadrate come nel caso delle Revolve Spin, montate su di un pattern 18/20 anche se più rado, bloccano il movimneto delle corde inibendo lo snapback e quindi il risultato è che la palla non cammina e paradossalmente si ottiene minore rotazione che con le Head Hawk Touch che sagomate non sono. Quindi capito e constatato ciò tornerò alle Hawk Touch….altrimenti cosa ne pensi delle String Project Rocket sulla Speed Pro?

    • e che tensione consiglieresti sia su Hawk Touch che eventualmente su String Project Rocket e se eventualmente che altra corda mi consiglieresti da provare? Grazie anticipatamente

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Purtroppo la sagomata sulla Speed Pro 360 non ci sta, niente da fare, a meno che tu non scenda a calibri tipo 1.15-1.18, ma dovresti salire con la tensione e andresti a toccare equilibri che con il mono non vanno tralasciati.
      La Rocket può risolverti il problema, affonda tanto quando cerchi spin, sarebbe da montare a 23/22 nel tuo caso, però, prima di questa, valuta una Hawk touch 1,20 o la Strike di Yonex, sempre 1.20, giusto con un kg in più sulle orizzontali. La palla sale naturalmente e trovo che queste due corde abbiano una resa più naturale in 1.20 che in 1.25.

  28. Ciao Fabio.
    rispetto alla vcore 97 310 grammi ?
    Sono due racchetta abbastanza distanti quindi ti chiedo di paragonarle in termini di due variabili potenza e pesantezza di palla e facilità di uso per un non agonista ma per un appassionato allenato.

    Un altra domanda, per gioco classico impugnatura eastern rovescio a due mani abbastanza piatto (imp. continental mano sotto eastern mano sopra) e spin solo per variazione o per coprire il colpo mi sembra ideale come racchetta vero ?

    • La Speed è più potente e tollerante, più facile e quindi più adatta ad un pubblico meno agonista. La VCore ha tutt’altro feeling e controllo, ma si fa sentire nella sua concretezza e pretende molto di più, offrendo anche più spin e più resa a regime alto. Direi che la Head è assolutamente adatta ad un gioco più classico, vedila come una radical 18×20 e piatto 100, perché in fondo è quello che è.

      • Ciao Fabio, per curiosità tra le classiche c’è in giro qualcos’altro con il piatto 100 e peso 305 o 310 e magari con schema 16 per 19 ?

        • Ciao, c’è la nuova Prince Textreme 2 Tour 100 P da 305 grammi, che ha lo schema 18×20, ma discretamente aperto, altrimenti dovresti considerare il filone delle 305 98 pollici più generose, come Dunlop CX 200, Donnay Pro One 97 e Vcore 98, un trittico niente male per chi non vuole troppa difficoltà e uno sweetspot abbondante. Si aggiungerebbe, poi, una grossa novità che pubblicherò prossimamente, un mostro sacro del settore che diviene più umano, ma non posso ancora svelare la cosa 😉

          • Ciao Fabio, navigando per la rete ho trovato Prince Textreme O3 Tour con piatto 100 e peso 310 e bilanciamento 310 che ha anche lo schema 16*19 e poi anche la sorella senza O3.
            Mai provate ? cosa ne pensi ?

          • Sono belle racchette, al solito di prince, tecniche, ma accomodanti con il piattone. Sono telai da usare con il braccio che gira bene, perché, per quanto sensibili, tolleranti e disposti a dare un po’ di potenza gratuita e un bel livello di spin, bisogna condurle con decisione. Le consiglierei soprattutto a chi vuole un attrezzo con cui sbracciare bene e a chi si affida alla propria potenza per essere efficace. Diversamente, la Tour 100P offre una prestazione migliore in termini di potenza gratuita.

          • C’è anche, uscita qualche tempo fa la Racchetta Dunlop Precision 100 Tou.
            Piatto 100 peso 310 bilanciamento 310 profilo costante 22 e schema corde 16-19.
            Secondo me dovresti inaugurare una nuova serie di recensioni di piatti 300 e peso superiore ai 300 grammi 😉

          • Ormai Dunlop ha cambiato totalmente registro e la Precision 100 Tour non è più in listino da un po’, altrimenti l’avrei testata sicuramente.

          • Hi Fabio how would you compare this graphene speed 360 pro with ezone dr98 or last ezone 98 . As this speed version is much more open pattern and 100 head I believe they should play quite similar.

          • Welcome buddy. There are few similarities between Yonex Ezone 98 and Speed Pro, because Ezone is softer, plusher and a lot more manouvrable than the Speed Pro. This one is a litte more powerful and stable, beacause of the extra mass on the hoop and the bigger hoop instead. All in all, The Ezone is quicker and has got a simplier way to play, more effective in a long play. Speed Pro is better when you have to replace such a Prestige, but you don’t want to go on a profiled racket, but Ezone can do the same, wit less free power but more simple full swing strokes.

  29. Hola buenos días.!!!!
    Siempre leo tus comentarios y me parecen excelentes.
    Mi raqueta es la speed pro con la cual estoy muy cómodo,pero me intriga saber cómo se compara esta raqueta con la nueva puré strike 98 18/20.???
    Me parece que son bastante similares pero me gustaría saber tu opinión.!!!!

    • Hola, bienvenidos al blog.
      El Pure Strike es más potente y preciso que el Speed, con un mejor manejo y una sensación de impacto más viva. Pero debe comprender si las 98 pulgadas son pocas para sus necesidades. Si la raqueta también tiene un buen punto dulce, siempre es una herramienta que requiere más precisión al golpear. Sin embargo, el rendimiento es superior, sin duda.

      • Gracias por tu respuesta…entonces debo entender que según tu opinión la speed pro es más fácil de jugar que la puré strike.????

        • Sí, la Speed es un poco más fácil debido a la cabeza más grande, pero técnicamente no hay grandes diferencias.

          • Gracias por tu respuesta Fabio.!!!!

          • Fabio…una última pregunta…para un jugador con golpes fuertes y mayormente planos debería elegir el speed pro o el Extreme pro.????
            Cuál sería la elección u porque.?????
            Muchas gracias.!!!!

          • Me quedaría con Speed, para más control y más flexibilidad, con el plato de 100 pulgadas. La Speed es actualmente una de las raquetas más exitosas de Head.

  30. Ciao Fabio, vorrei chiederti qualche info sul piatto corde di questa racchetta, se si tratta cioè di un 18×20 molto fitto o meno. Non ho mai giocato con un 18×20, ho il dubbio che spinga poco, sebbene ricordo di aver letto che da dietro fa partire bei colpi, prevalentemente piatti. Vorrei infine avere una tua opinione sul rapporto tra spin e 18×20.
    Grazie e complimenti.

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Partiamo col dire che il rapporto tra 18×20 e spin è abbastanza complicato da poterlo esplicare in un semplice commento e va rapportato per singolo telaio a seconda della spaziatura delle corde, della massa a disposizione e chiarente anche dall’inerzia. Ad esempio, una Volkl V8 Pro ha un’ottimo rapporto con lo spin, mentre la Speed Pro, che ha un pattern più denso che limita un po’ lo spin e favorisce di più il controllo e la spinta. Non spinge affatto poco, ma pesa e non ha potenza gratuita come una profilata.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riproduci video

Il primo ed unico sito in cui le recensione la scrivi tu!

Negozi Partner


universotennis


Translate »

Una storia di successo