Head Graphene 360+ Prestige S

Head Prestige si rinnova e lo fa aggiungendo l’ultima evoluzione del Graphene, che, in abbinamento con le Spiralfibers, diventa Graphene 360+. La nuova linea Prestige comprende 5 telai, Prestige Mid, Prestige MP (qui la recensione), Prestige Pro (qui la recensione), Prestige Tour e Prestige S. Quest’ultima è proprio la racchetta che ha subito il maggior cambiamento, non solo nella composizione, ma anche della forma e nelle proporzioni. Andiamo a scoprire come è a cambiata e come si comporta Head Graphene 360+ Prestige S.

prestige s

Headsize 99 inch2
Peso 295g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 325 mm
Swingweight 323 kgcmq (incordata)
Rigidità 65 RA
Profilo 21.5 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica di Head Graphene 360+ Prestige S segue il trend minimalista dell’azienda austriaca, che, dopo anni di telai un po’ troppo sobri nei colori e caratterizzati da giochi geometrici un po’ chiassosi, e colori a contrasto, passa praticamente ad un monocolore, un rosso acceso, quasi fluo, satinato e ben realizzato, accompagnato dagli steli bordeaux, il colore storico di Prestige. Lo stacco tra i due colori è netto, con una linea obliqua a separarli a metà del cuore, come nel resto della gamma Head, che è riuscita a trovare una identità estetica moderna, accattivante e molto gradevole, nonostante i colori adoperati. Il resto delle serigrafie è in giallo, con qualche tocco di argento, quasi impercettibile, mentre ancora in rosso c’è il Bumper-grommet tipico della linea Prestige, il cosiddetto cap lungo che ingloba i passacorde e che ha sempre avuto anche una funzione stabilizzatrice per il piatto. Il telaio è del tutto nuovo per Prestige S, che nella versione Graphene Touch era ripreso da Prestige Pro, con i 95 pollici e il profilo da 22 millimentri, mentre adesso è ripreso da Prestige Tour, con la differenza dello schema 16×19 ed una foratura abbastanza generosa. La testa è un po’ sproporzionata, perché il piatto è lungo e intozzisce la figura, soprattutto al cuore, dove gli steli si accorciano rispetto alla più armonica Pro, ma tutto sommato, il telaio ha una figura piacevole. Scendendo al manico, i pallets sono variati e la forma adesso è ripresa dalle linee Speed, Extreme e Instinct. Il grip adoperato è Head Hydrosorb Pro, abbastanza liscio e con una buona trazione, che tuttavia genera un tappo molto abbondante. Il tappo, invece, ospita l’alloggiamento per il Sensore Head per la rilevazione dei colpi, acquistabile in separata sede. Questa soluzione, però, comporta un hairpin (l’ultima porzione di telaio, nell’estremità del manico) più corto rispetto al normale, contrastato da un peso metallico nel tappo del fondello, ma, di fatto, vi è una parte di fusto in meno rispetto al solito.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

20 Comments

  1. Ciao Fabio! come sempre inizio con i complimenti. Non solo per la recensione, dettagliata come sempre, ma anche per le novità. Tipo il canale telegram che trovo super utile e mi permette di leggere subito le tue recensioni e di romperti con i miei commenti.

    Io gioco con una Pro Staff L (versione tutta nera e con CV). Aspettavo una tua recensione sulla Prestige S perchè le caratteristiche rappresentavano in buona parte i miei canoni di preferenza, ma dalle tue parole decisamente non ne esce l’immagine di un telaio interessante.
    Concludi l’articolo scrivendo che la concorrenza è molta agguerrita in quel segmento di mercato se dovessi farmi dei nomi cosa mi suggeriresti di provare?

    Grazie ancora.

    • Già la Gravity MP sarebbe meglio, infatti non capisco ancora questa sovrapposizione delle due tour e di Prestige Tour e Gravity Tour. Tuttavia, se vieni da Pro Staff L, trovo eccessivo andare su inerzie sopra i 320. Considera CX 200 LS, Allwood, ma anche Clash 100 e Blade 104 o Blade 100L.

  2. CIAO FABIO,COME SEMPRE UNA GRANDE RECENSIONE,MI TROVO D’ACCORDO CON TE IN TUTTO..!!! SE VAI A RILEGGERE UNA MIA RECENSIONE DELLA S SULLA PRIMA PRESENTAZIONE TUA DELLE NUOVE PRESTIGE,NATURALMENTE SENZA LA TUA CONOSCENZA E USO DI APPROPRIATO DEI TERMINI TECNICI, L’AVEVO DETTO GIA’ COM’ERA, RISPETTO ALLE VECCHIE S NON C’ENTRA NULLA NOI 3/4 AGONISTI CHE LA USAVAMO L’ABBIAMO PROVATA E RICONSEGNATA…
    ORA ATTENDO CON FRENESIA LA TUA RECENSIONE DELLA MID, IO LA STO USANDO CON MOLTO PIACERE,MI DIRAI……GRAZIE

  3. controllo 6, sensibilità 5? colpo piatto 6,3. Una sonora bocciatura. di sicuro non la cambio con la mia radical touch mp

  4. Non ti ho mai visto stroncare telai come con queste Prestige 360 …sicuramente sono pareri soggettivi non riesco a credere che una casa come head possa sfornare nel 2020 ciofeche assolute

    • È la seconda volta che la provo e se la guardo dal punto di vista di una prestige è sicuramente deludente e priva del DNA da cui deriva. Ma se dimentico tutto ciò, la trovo una efficace alternativa alle profilate da cui prende tante buone qualità tra cui spicca lo spin si facile, ma non propriamente innocuo, anzi. La stabilità, la precisione e la sensibilità sono paragonabili alla media delle profilate, che tra l’altro io non amo, ma i tagli sono incredibili e tutto sommato a patto di colpire con un minimo di copertura, mi ha dato molta più confidenza di altre profilate più blasonate. Ho avuto modo di provare anche le due nuove Ezone, ritrovandomi esattamente nelle rece di Fabio, ma questa la trovo una non prestige, ma molto divertente ed efficace per un gioco moderno.. Per inciso ho appena ordinato una prestige touch S, per avere una vera prestige da cucirmi su misura.

    • Sicuramente i pareri sono sempre soggettivi, ma in questi sette anni si TennisTaste ho dimostrato di capirci qualcosa e di esprimere sempre con equilibrio. Purtroppo, se prendi qualsiasi Prestige, Pro a parte, il confronto con le concorrenti è sempre perdente. Manca qualcosa, manca feeling, manca pienezza, manca prestazione e chiunque abbia un po’ di capacità critica se ne accorge. Probabilmente sarebbe stato meglio lasciarle pure come in passato oppure riempirle in punti strategici come fanno tutti le aziende, anche per protezione. Fatto sta che a questi telai manca un pezzo e basta solo paragonare le Prestige alle Gravity, che, pur non brillando per feeling, hanno maggiore prestazione.

  5. Non ho provato le altre prestige della nuova serie se a queste ti riferisci, ma tendo crederti perché già la S è già molto più giocattolosa della vecchia youtek che ho come riferimento e forse il problema sta proprio nelle aspettative derivanti da una serie storica. Tra tutte le sue solo discrete caratteristiche, a me quello che ha colpito particolarmente è lo spin naturale su tutti i tagli, compreso il servizio. Ci sono telai più specializzati e cattivi nel topspin che io non sono mai riuscito a sfruttare, invece con questa si. Forse proprio questo aspetto inteso come facilità ed efficacia dello spin è andato oltre le mie aspettative e mi è piaciuto parecchio. Peccato che io amo variare molto anche con colpi piatti e mi piace sicuramente un back che rimane più basso e filante, per questo magari guarderei oltre.

    PS:la ezone 100 ha veramente cambiato passo, solida potente e precisa, per un gioco però prevalentemente piatto, mentre con la 98 non sono riuscito a trovare un qualcosa che me la facesse preferire alle due serie precedenti, che per motivi diversi ho apprezzato entrambe.

    • Il punto è questo: le rotazioni sono veramente buone, ma il controllo lascia a desiderare. Se prendi due telai che condividono la stessa inerzia, tra le profilate, hai esattamente Pure Aero ed Ezone, entrambe con feeling, controllo e prestazioni maggiori. Se prendi la concorrenza diretta, una Tfight 300 offre di più, una Allwood offre di più e una CX 200LS anche. È un telaio per chi vuole head a tutti i costi, perché al di fuori c’è di meglio. Che poi, in realtà, la Gravity MP è già meglio.

      • Ho appena acquistato la coppia di Prestige S dopo averla provata in test per due mesi. Dopo qualche ora ho aggiunto 3 grammi in testa e 6 grammi di Patafix nel manico per portarla a 304 grammi. La corda Head Awuak Touch (non so se si scrive cos’)a 19/18.
        In questa situazione neppure assomiglia alla descrizione fatta, ovviamente, sulla racchetta standard con la quale non riuscirei a giocare.
        Back basso fantastico, precisissimo, servizio anche di piatto buono ma slice ottimo,spinge molto anche di diritto, rovescio piatto ottimo, manovrabile a rete. Avevo provato contemporaneamente la nuova Yonex Ezone 100 che ho mollato subito perché soprattutto sul rovescio pare insignificante. Tra le due due, Prestige S customizzata però, non c’è gara. Le ho provate in contemporanea, alternandole, in palleggio con un maestro e questi mi ha consigliato la S custom senza dubbi.
        Per quello che può servire, questa è stata la mia senza zione.
        Buon tennis a tutti

        • Con il custom può migliorare, certo, ma con 3 grammi in testa e 6 al manico hai un telaio totalmente diverso, oltre i 330 di inerzia, c’è dovresti comparare con una Blade, una Strike 98 e magari anche con qualche altro mostro sacro.

          • Hai certamente ragione sul fatto che sia una racchetta diversa da quella base, ma ha poco a che fare con una Blade o una Strike 98. E’ molto più gestibile e non affatica come quelle che ho naturalmente provato prima di mettermi a fare alchimie. Forse influisce la minore rigidità ed il profilo old style. Provaci e sarei contento di un Tuo parere

          • Sicuramente ha delle potenzialità e qualcosa l’ho provato. Infatti nella recensione parlo di buono spin e di potenza gratuita, oltre che di facilità. Ecco perché sono convinto che Head debba riempire di più i suoi telai, perché col custom migliorano e di base sono estremamente secchi.

  6. Ciao Fabio…mi sa tanto che la Head dovrebbe fare un’azione di marketing : abbandonare per qualche tempo il nome PRESTIGE e presentarsi fra almeno 1 anno con un modello destinato a chi è degno di quel nome ( io non lo sono eh ) . Ti ricordi la tua recensione della I. Prestige….? https://tennistaste.com/classic-test-head-i-prestige-intelligence-midsize

    SPETTACOLOOOOO ( io ne ho 2 e le custodisco gelosamente insieme ad 1 Head Prestige 600 )

    • Le Prestige sono davvero sottotono, a parte la Pro. Se guardi la mia recensione di Gravity Pro, però, ti rendi conto che poteva chiamarsi Prestige MP. Sono convinto che ci hanno epnsato, ma che non hanno osato realizzare una Prestige da 100 pollici, peccato.

  7. Ciao,io attualmente gioco con vcore 98 racchetta più completa di questa prestige più stabile ecc…
    Ieri ho avuto modo di provare la prestige S,tralasciando che non è più una prestige,l’ho trovato facile la palla usciva bene e la racchetta si muove bene,rispetto a vcore ho sentito un po’ più di spinta nei colpi piatti certe volte si perde il controllo ho fatto un po’ di fatica nello spin a generare pesantezza di palla…nel complesso vcore più competa,stabile e massiccia probabilmente più performante ma questa prestige una racchetta bellina leggera e divertente non paragonabile alle vecchie prestige …
    Dato che si parte da un peso leggero Volevo chiederti aggiungendo un po’ di peso,eventualmente come e quanti kg mi consigli come punti nella racchetta?riuscirei a trovare quella pesantezza di palla?

    • Diciamo che la base di partenza può essere interessante, ma Vcore 98 è di un altro livello.
      Potresti provare e rinvigorire la Prestige S con 1+1 g ad ore 3 e 9, a bassa densità, cercando di dare stabilità e più feeling, con maggiore massa nel punto di impatto. Considerando che il bilanciamento è già a 32.5, andando oltre 1+1 g poi bisognerebbe intervenire anche al manico.

  8. E poi un altra informazione differenza con la head radical 360+ mp?

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua opinione conta!

Scrivi la tua recensione su
Tennistically.com

Translate »