Head Graphene 360+ Prestige Pro

La gamma Prestige si aggiorna a Graphene 360+, l’ultima evoluzione della tecnologia Head per la stabilizzazione del telaio, che introduce anche le Spiralfibers, fibre che aumentano la flessibilità del telaio per un migliore feeling all’impatto con la palla. Nella gamma vi sono diverse novità, come Prestige MP che riceve un piatto da 98 pollici effettivi, qui la recensione completa, oppure come Prestige S, che cambia tipologia di fusto e diviene addirittura 99 pollici. Tuttavia, senza alcun dubbio, la più efficace e completa della nuova linea Prestige Graphene 360+ è Prestige Pro.

Head Graphene 360+ Prestige Pro
Head Graphene 360+ Prestige Pro

Headsize 95 inch2
Peso 315 g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 31.5 mm
Swingweight (incordata) 329 kgcmq
Rigidità 65 RA
Profilo 22 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica di Head Graphene 360+ Prestige Pro è frutto del nuovo design minimalista dell’azienda austriaca, che, dopo anni di telai con giochi geometrici, e colori a contrasto, passa praticamente ad un monocolore, un rosso acceso, quasi fluo, satinato e ben realizzato, accompagnato dagli steli bordeaux, il colore storico di Prestige. Lo stacco tra i due colori è netto, con una linea obliqua a separarli a metà del cuore, come nel resto della gamma Head, che è riuscita a trovare una identità estetica moderna, accattivante e molto gradevole, nonostante i colori adoperati. Il resto delle serigrafie è in giallo, con qualche tocco di argento, quasi impercettibile, mentre ancora in rosso c’è il Bumper-grommet tipico della linea Prestige, il cosiddetto cap lungo che ingloba i passacorde e che ha sempre avuto anche una funzione stabilizzatrice per il piatto. Il telaio, al suo esterno, non presenta novità, è ripreso totalmente dalla precedente versione Graphene Touch, con i suoi 95 pollici, la sezione mista del cuore, boxed fuori e flat dentro, e gli svasi profondi alla gola e all’attacco degli steli. Scendendo al manico, i pallets sono variati e la forma adesso è ripresa dalle linee Speed, Extreme e Instinct. Il grip adoperato è Head Hydrosorb Pro, abbastanza liscio e con una buona trazione, che tuttavia genera un tappo molto abbondante. Il tappo, invece, ospita l’alloggiamento per il Sensore Head per la rilevazione dei colpi, acquistabile in separata sede. Questa soluzione, però, comporta un hairpin (l’ultima porzione di telaio, nell’estremità del manico) più corto rispetto al normale, contrastato da un fondello più pesante, ma, di fatto, vi è una parte di fusto in meno rispetto al solito.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

16 Comments

  1. Interessante il passaggio sui nuovi materiali e sul diverso feeling che danno.
    Leggendo questa recensione e quella della MP mi viene da pensare che tutte queste “nuove” tecnologie si sposano poco con quello che le Prestige hanno sempre rappresentato e che da loro gli amanti del tennis più classico si aspettano.
    Attendo la recensione della MID (è prevista vero?!?) per capire se può valere l’acquisto al posto della MID Touch che al momento uso con tanta soddisfazione. Grazie e complimenti.

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Hai centrato il punto, probabilmente le nuove modalità costruttive e i nuovi materiali vanno verso direzioni in cui non è possibile premiare il feeling, anche se, effettivamente, i telai dovrebbero essere più flessibili (e più flessbile non significa più sensibile, sia chiaro). Il discorso è che si fatica a trovare punti positivi in un telaio come la Prestige MP, ad esempio, dove non trovi il feeling che vorresti e che al contempo non spinge come un telaio moderno. Diversamente, però, la Pro Funziona bene e, anche se vira verso potenza massima e spin, resta un telaio con un buon feeling di impatto, per quanto poco tipico della serie Prestige.
      A breve mi dedicherò anche alla Mid, non temere, ma prima ci saranno le Tour ed S.

      • Concordo. Tutta questa rincorsa a rendere le racchette più flessibili sta portando a snaturare anche telai che dovrebbero, per nomea e prestigio, rimane più “duri e puri” (passami il termine). Ultimo esempio, a mio modesto parere, la nuova Blade 98 V7 che trovo decisamente peggiorata rispetto alla CV. Dopo 6 mesi le ho infatti rivendute per tornare alle vecchie decisamente per me più prestazionali.

        • Concordo Emot, stesso discorso vale per me su Yonex Vcore SI 98, che adoravo. La nuova vcore 98 non mi dona le stesse sensazioni di “cattiveria”. E, purtroppo, non capisco quale racchetta potrebbe sostituire la vcore si 305.

          • Per le sensazioni è difficile, il progetto Si non ha avuto troppi estimatori ed è stato il principale motivo di cambiamento. La Vcore 98 è un telaio apprezzatissimo, quasi al livello di Ezone 98.

        • Dipende dai modelli, non da tutta la linea. Nel caso di Prestige, Mp è “floscia”, anche troppo, mentre la Pro è rigidina. Nel caso di Wilson, la Blade 16×19 ha perso un po’ di cattiveria, ma ha recuperato un feeling migliore rispetto alla CV, mentre la 18×20 si è incattività nella spinta e nel carattere. Come se Wilson avesse voluto realizzare una 16×19 più giocabile e una 18×20 più agonsitica. A giorni pubblico il test della 18×20, che ancora non ho potuto completare.

          • Nel mio caso trattasi della 18*20. La nuova ha più spinta ma sarà per il nuovo bilanciamento leggermente più arretrato (325 ora 320), sarà per la maggior inerzia..non mi da le sensazioni che mi dava la vecchia che adoravo. Ovviamente parlando di sensazioni personali valgono solo per me.
            Attendo la recensione della V7.

          • Eh si, l’inerzia di Blade 98 18×20 è salita a 333-334 contro i 328 della precedente e i 324-325 della V7 16×19. Questo rallenta il braccio e piazza il telaio un po’ più su (ancora più su, in realtà) nella scala agonistica.

  2. Ciao Fabio!
    Ti chiedo un consiglio vista la tua competenza, che corda mi consiglieresti su gravity tour?
    Scusa se scrivo qui ma non avendo letto recensioni su gravity non so dove scriverti.
    Grazie

  3. Ciao,il peso e il piatto corde 95 si fanno sentire?

    • Il piatto 95 è strettino, ma la massa aiuta non poco a trascinare via la palla. Il peso si sente, il telaio è massiccio, ma equilibrato e la testa non è troppo pesante, è tutta pesante.

  4. Ciao,hai avuto modo di provare le radical mp?
    E poi volevo sapere la prestige tour l’hai provata com’è?mi puoi dare qualche info?
    Rispetto alla vcore98?

    • Ciao, la Radical MP non l’ho provata, ma da fonti molto attendibili so che il telaio è quasi invariato rispetto alla versione Graphene Touch.
      La Prestige Tour l’ho provata ed arriverà la recensione quanto prima. Un telaio senza infamia e senza lode, confortevole, ma che difetta del vero feeling prestige, con uno spin scarsino e una discreta sensazione da impatto. Ritengo che la VCore 98 abbia molto più da dare, peraltro con maggiore maneggevolezza ed equilibrio tra forza impressa a spinta reale.

      Dai un occhio al mio nuovo portale, Tennistically.com, tutto basato sulle recensioni utente su tutti i materiali. Qui puoi riportare tutte le tue impressioni e dare i voti ad ogni attrezzo o materiale che hai provato.

  5. MA tra la radical anche il vecchio modello visto che è simile ecc rispetto alla prestige tour che mi dici?

    • La radical è un telaio tuttofare, quasi una profilata da 98 pollici, mentre la Prestige Tour è un telaio da controllo ed ha una sensazione di impatto migliore, mentre la solidità è in favore della Prestige Tour, che pesa in più ed ha una inerzia più alta.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il primo ed unico sito in cui le recensione la scrivi tu!

Negozi Partner


universotennis


Translate »
yonex italia web shop

Una storia di successo