Head Graphene 360+ Gravity Tour

Head Gravity Tour

Gravity è la linea Head più fresca ed interessante, perché propone racchette con le proporzioni più adatte ad affrontare il mercato moderno rispetto a quanto offrano attualmente le Linee Prestige e Radical. In un certo senso, si può dire che Gravity sia una linea che si sovrappone a Speed e non è un caso, perché Gravity riprende esattamente i concetti espressi dalle vecchie Speed Youtek e Youtek IG. Partiamo forte, dicendo che probabilmente Gravity sarebbe dovuta essere la nuova Prestige, per tanti motivi tecnici, ma soprattutto perché i tempi sono maturi per i “mostri sacri” rivisitati in chiave moderna (cosa che Prestige 360+ è riuscita a fare solo in minima parte e con personalità altalenanti tra un modello e l’altro) e perché, il concetto alla base di questi telai, deriva proprio dal disegno di una Prestige più abbondante. La Linea Gravity propone molti telai, ma ci soffermeremo solo su tre modelli, Gravity Pro, Gravity MP e Gravity Tour, partendo da quella che ha mostrato l’equilibrio migliore e la maggiore duttilità in campo. Scopriamo quali sono i Pro e i Contro di Gravity Tour!

Head Gravity Tour

Headsize 100 inch2
Peso 305 g
Schema corde 18×20
Bilanciamento 320 mm
Swingweight (incordata) 326 kgcmq
Rigidità 61 RA
Profilo 22 mm costanti
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica di Gravity Tour, e in generale di tutta la Linea, è un elemento di rottura rispetto a qualsiasi proposta Head e va fuori anche dal concetto minimalista espresso con i telai attuali. La colorazione di base è nera satinata, con un rigo che disegna la forma del telaio lungo il piatto e gli steli, ma di colore diverso sulle due facce della racchetta. Da un lato è rosso, mentre dall’altro è in verde acqua, cosa che sicuramente rende il telaio particolare e molto riconoscibile, ma molto meno vistoso rispetto a tutte le altre proposte attuali di Head. Può essere discutibile la scelta del bicolore, ma è sicuramente un carattere non solo distintivo, ma un azzardo mitigato dalla sobrietà generale dei colori scelti e delle serigrafie ridotte al minimo necessario. Su uno degli steli, infatti, è riportato il nome Gravity in un carattere “spaziale”, ripreso anche all’interno del piatto, mentre l’altro stelo è praticamente pulito, con un piccolissimo logo Head in orizzontale e, unico aspetto discutibile, il bollino olografico di originalità. In realtà, un elemento in comune con gli altri telai del marchio c’è, ed è il disegno asimmetrico sugli steli, che fa partire il rigo colorato da una linea obliqua che taglia il cuore, lasciando la parte bassa degli steli totalmente in nero, a parte il logo Head alla base del manico, proposto in colore diverso, rosso e verde, a seconda del lato. Dal punto di vista del fusto, nonostante la parentela concettuale con le Speed di qualche anno fa, lo spessore è differente, 22 millimetri, ed anche la sezione, che sembra un boxed, ma in realtà i lati sono abbastanza bombati, non tanto da essere un profilo flat. Il piatto ha una forma piuttosto rotonda e offre una porzione centrale larga, elemento che non si vede troppo spesso in Head, ma armoniosamente raccordata agli steli medio-lunghi e poco curvi, con una inclinazione ampia. Al manico troviamo la soluzione con i pallets intercambiabili, della serie TK82S, quindi più squadrato e meno rettangolare, sul quale è montato il solito Hydrosorb Pro, più votato al comfort che alla sensibilità. Il tappo non è pronunciato, ma l’avvolgimento tipico, abbondante, del grip sul primo passaggio, crea uno spessore abbondante. Da segnalare, che il tappo del manico ha lo sportellino apribile, di forma ellittica, per alloggiare il Tennis Sensor Head, motivo per cui è leggermente più corto il fusto di grafite all’interno del manico.

24 Commenti su Head Graphene 360+ Gravity Tour

  1. Ciao Fabio, bella recensione. Stavolta però non mi trovo d’accordo con te. Ho provato i tre telai Gravity e , per me, le migliori sono la PRO e la MP. Addirittura trovo la MP un telaio fantastico perché morbido e maneggevole che pecca solo di un po di potenza su alcuni colpi (sul servizio va bene per esempio). su tutte le Gravity avrei utilizzato per i tuoi test corde più reattive tipo Alu Power o Yonex PT Strike. le corde che hai utilizzato sono un filo spente per le Gravity. La Pro per un agonista è un telaio quasi perfetto per il controllo ed il tocco che restituisce. la MP la vedo per il giocatore di club allenato che di suo sa spingere. Per chi sbraccia di dritto la MP è davvero un gran telaio. La Tour infine è un buon ibrido che però non mi ha entusiasmato in quanto il 18/20 per 305 grammi , per me, rende meno del 16/20 per 295gr. della MP. Ovviamente sono gusti personali. Continua così e grazie

    • Attenzione, non ho detto che la Tour sia la migliore delle Gravity, ma la più equilibrata, vista l’inerzia della Pro, che chiaramente è un telaio diverso anche per il feeling più vivo. Mentre la MP è più scarica e leggerina ancora, ma più votata a fare battaglia con una Clash 100 che con una Pure Drive, per fare un esempio.
      P.s. le corde che citi sono tutt’altro che reattive, anzi.

  2. Ciao Fabio! Alla fine ho montato le hawk touch a 21/20 e adesso leggo che anche tu le hai provate, come ti sei trovato?
    Ho provato anche le blast ma non mi hanno convinto, volevo fare questo esperimento.
    Grazie

    • In tutta onestà, considerando che il telaio ha bisogno di un aiuto concreto in reattività e feeling con la palla, moterei corde più rigide a tensione più bassa. Nel caso del mio test, nettamente meglio con Armour Soft che con Hawk Touch (mia corda preferita in Head, ma qui proprio non ci sta e confonde ancor più il feeling).

    • Beh, se consideri che l’inerzia è quella di una Blade 16×19, di una Por Staff 97 o addirittura di una Yonex VCore Pro 97 HD, qualche motivo di migliorie da apportare viene in mente. Tuttavia, per chi non vuole uscire da Head, e spesso l’attaccamento al marchio è il primo parametro di scelta, è la proposta più sensata della Linea Gravity e non solo.

  3. Ciao Fabio, sai dirmi qualcosa invece suula versione S? Sono un quarta bassa, gioco con una speed mp 2013 incordata tecnifibre x-one biphase 1,30/23 1,24/22 gioco: appena posso a rete, piatto/leggera copertura, rovescio una mano anche slice. Rientrato dopo epicondilite, cercavo qualcosa di un filo più morbido e magari un pò più manovrabile. Cosa ne dici del piattone? Aiuterebbe in spinta a compensare il minor peso?
    Grazie.

    • La Gravity S non l’ho provata, ma credo che sia eccessivamente leggera. Già la MP dovrebbe essere di tuo gradimento. In Head hanno fatto un po’ di casino con i nomi, perché la Gravity Mp condivide il peso con la Prestige S. Tra le due è senza dubbio meglio la Gravity, per la flessibilità e per la struttura almeno incline alla maggiore spinta, mentre la Prestige S è un telaio molto deludente in versione 2020, ancor più se paragonata alla versione Graphene Touch, che era una racchetta vera, ma alleggerita, con ben altro feeling e ben altra prestazione. Non che la Gravity MP sia esaltante, anzi, ma almeno ha più senso.

  4. Ciao Fabio! Quale grip consiglieresti per togliere un po’ lo spessore che ha sul tappo quello di serie e che secondo te può ben sposarsi con la tipologia di racchetta?
    Grazie mille

    • In relatà basterebbe srotolarlo e rimontarlo con mezzo giro in meno rispetto a quanto faccia l’azienda. Se, invece, hai necessità di ridurre tutto il manico, il solito Skin feel di babolat, ottimo anche per il feeling diretto.

  5. Ciao Fabio! Montato il grip skin feel con overgrip babolat anch’esso e mi trovo molto meglio. Grazie dell’ottimo consiglio. Per le corde mi è venuta in mente l’idea di provare a mettere sulle orizzontali il budello vs touch di babolat e sulle verticali l’hawk touch. Che tensione mi consigli? Solitamente gioco con 21/20, 22/21 ma so che il budello è meglio metterlo a 1 o anche 2 kg in più data la iniziale perdita di tensione per poi stabilizzarsi.
    Grazie

    • Non so quanto la Hawk Touch possa rendere in ibrido su un piatto ampio. Tendere a montare una corda più rigida per avere una risposta sincera all’impatto, ancor più col budello. Anche una Classica RPM Blast, ad esempio. In termini di tensione, non andare oltre il kg in più col budello, anzi solitamente io l’ibrido lo monto a tensione pari, perché anche il mono perde la sua tensione inizialmente e poi si assesta. Però, per tenere una sensazione più compatta, si, il kg in più lo darei, soprattutto sui piatti larghi.

  6. Ciao Fabio ti chiedo anche un’altra cosa, se possibile.
    La mia racchetta gravity tour con corde, grip skin feel, overgrip babolat(il più leggero) pesa 332 grammi.
    Oggi mi sono recato in negozio e ho pesato tre racchette con giusto il cartoncino al posto delle corde, sai come sono presentate. Ora: 2 pesavano 323 grammi e una 318, mi è sembrato tanto come scarto.
    Quale è secondo te quella che più si avvicina alla mia?
    Putroppo non la ho pesata appena presa.
    Grazie mille.

    • La tua Gravity, facendo due calcoli approssimativi, doveva essere un po’ più pesante rispetto ai 305. Perché conisderando 18 grammi di corde, circa, e 6 grammi tra overgrip e nastro, viene fuori un 308, al quale adrebbe aggiunto il maggior peso dell’Hydrosorb Pro, circa 3 grammi in più, saremmo sui 310-311. Penserei a prendere quelle da 323, se non vuoi operare altro custom, oppure quella da 318 per avere maggiore margine di aggiustamento rispetto alla prima. Trovo però molto fastidiosa questa differenza di 5 grammi e non sappiamo nulla sul bilanciamento e sull’inerzia, i valori che andrei a controllare prima del peso.

      • Fabio, grazie mille delle indicazioni. Vedrò allora di seguire il tuo consiglio per le corde. Per quanto riguarda i pesi anche a me dà molto fastidio perché inerzia e bilanciamento non so proprio come poterli misurare. Per dire ho misurato tre Clash tour e pesavano tutte uguali, magari è un caso.
        La tour in test nel negozio pesa 325 ma ha il grip originale, overgrip e manico 2.
        La mia con il grip originale, e manico 5 pesava 336, solo adesso è scesa cambiando appunto grip e overgrip.
        Il manico 5 influisce praticamente nulla secondo me, forse 1-2 grammi. In ogni caso trovata una differenza esagerata.
        Hai ragione mi dà 308 quella da 323 senza cartoncino, ma senza togliere la plastica intorno al manico e le corde che tengono il cartoncino quindi si andrà a 306 credo.
        Andrò su quella più pesante per non avere troppo cambiamento! Che dici?
        Grazie ancora dei consigli e per la tua gentilezza.

      • Come ultima cosa, ho misurato anche l’Mp e una pesava 312 e l’altra 313 quindi più vicine a 300 che ai 295 grammi dichiarati. Tra l’altro secondo te è più efficace una gravity mp eventualmente customizzata o una tour?
        Grazie!

          • Ciao Fabio ti aggiorno su un aspetto, secondo me scandaloso, riguardo a HEAD: la tolleranza e sono veramente tentato a cambiare casa.
            Ho preso la seconda gravity, quella più pesante da 323.
            La cosa assurda è che pesa ben 8 grammi in meno della mia, l’unica cosa che può esserci di differenza, e mi sono scervellato, è un residuo di colla quando mi hanno cambiato il manico, notato togliendo il butt cup.
            Dunque con quella più leggera che ti avevo citato la differenza sarebbe di 13 grammi. Sono allibito del basso controllo di qualità. Volevo darti questa informazione per pura curiosità! A presto un saluto.

          • Purtroppo capita e so che la questione fa molto incazzare chi ci capita. Con le attuali tolleranze, trovi +/- 7 grammi e +/- 7 mm di bilanciamento, puoi solo immaginare quanto incida ciò sul valore più importante, ovvero lo swingweight e la sensazione generale del telaio, che praticamente può essere una Mp o una Pro, per le specifiche reali.

          • Hai proprio ragione infatti pesa come una pro. Per quello sentivo la blade così maneggevole. Assurdo, stupido anche io a non pensarla appena comprata, però non dovrebbe capitare una cosa del genere.

  7. Ciao Fabio, ho notato che hai dato un voto relativamente basso al controllo ( considerando lo schema corde , e le caratteristiche della racchetta) .Vorrei sapere qual è motivo tecnico- costruttivo per tale valutazione. Io ho montato le max power 1.25 22/21kg., e non l’ho notato.

    • Il telaio risulta più vuoto rispetto al passato e meno connesso. Il controllo non è certo basso, ma è un telaio che non ha la connessione della concorrenza, vedi Blade, VCore 98, CX200 che condividono quasitutte le specifiche, ma che offrono una netta potenza in più e una sensazione davvero più viva e connessa all’impatto. Ogni volta che metto i voti, lo faccio sempre in relazione ai telai già valutati precedentemente. A Tutto ciò aggiungi che parte del manico di Head è vuoto, e ottieni un risultato molto poco rassicurante. Meccanicamente, la Gravity funziona discretamente, ma la sensazione generale è confusa, per quanto flessibile. Se prendi, poi in esame una Allwood, per via del piatto 102, trovi una differenza di feeling e di sensibilità piuttosto seria. Penso che Head debba ritornare ad un fusto più puro ed integro, magari riempiendo anche strategicamente alcuni punti del telaio, come fanno tutte le altre aziende.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »