Head BOOM MP

Nell’ultima parte del 2021, Head è sta portando molte novità, e altre ancora arriveranno all’inizio del 2022, ma, insieme alle Prestige Auxetic, che vi sto presentando nelle recensioni proprio in questi giorni, arriva anche un telaio tutto nuovo, con un nome anche nuovo, ovvero Head Boom. Una soluzione inedita in Head, anche per le sue caratteristiche tecniche, che va a sostituire Instinct, la profilata generalista di Head, ormai giunta al capolinea della sua carriera.

head boom mp

Headsize 100 inch2
Peso 295 g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 315 mm
Swingweight (incordata) 315 kgcmq
Rigidità 65 RA
Profilo 22.5-24-23.5 mm
Lunghezza 68.6 cm

Dal punto di vista estetico, il telaio è del tutto inedito, per forme e colori, con un color Tiffany che prende manico e steli, con il solito taglio trasversale, ma stavolta più sopra rispetto alla norma delle cosmetiche di Head. Probabilmente questa sarà la soluzione estetica che accompagnerà le nuove Head in uscita nel 2022 e che conferma la linea minimale. Dal punto di vista tecnico, invece, Head Boom mantiene il Graphene, ma aggiunge l’Auxetic, il nuovo materiale che permette elasticità e assorbimento del colpo in punti specifici del telaio. Il profilo del telaio è variabile, dai 22,5 millimetri degli steli, ai 24 del piatto, fino ai 23,5 della testa, per un fusto che si presenta snello nella parte del cuore e maschera la sua robustezza sotto il colore nero della parte alta. Tuttavia, è esteticamente piacevole, nonostante una nuova forma del piatto un po’ schiacciata e decisamente fuori dai canoni ai quali Head ci ha abituato.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

4 Comments

  1. Ciao Fabio, solita ottima recensione che attendevo con molta curiosità, Head ha lungamente preannunciato l’uscita di questo telaio generando così l’effetto voluto… Gioco, con una certa soddisfazione, da più di 3 anni oramai, con Pure Drive 2017, corde monofilo, ne ho provate diverse, tirate sempre a 22/21. Qualche mese fa, uno dei miei due telai si è irrimediabilmente danneggiato in un tentativo di recupero perciò sto valutando l’acquisto di un altro. La prima mia indecisione è stata se passare al modello 2021 oppure confermare quello 2017 di PD, di cui però “soffro” la secchezza di impatto, specie nelle giornate umide e fredde come quelle che stiamo vivendo ultimamente. Proprio per ovviare a ciò, avrei anche pensato ad un telaio meno rigido che però non penalizzasse la manovrabilità e la potenza gratuita di PD; ecco così che inizio a prendere in considerazione telai come Boom MP, Prestige MP L (grazie alla tua recensione), TFight 300 RS… Insomma, mi servirebbe una tua dritta per dirigermi verso una scelta… Ti ringrazio perché condividi le tue competenze ed il tuo tempo alimentando la nostra comune passione!

    • Una cosa che ho imparato, in questi 9 anni di TennisTaste, è che l’utente Pure Drive non lo accontenti con altro. Per cui, se vuoi effettuare il cambio, devi mettere in bilancio che vi sia una differente combinazione di controllo/maneggevolezza/potenza. Tra quelle che citi, sicuramente BOOM è la più facile tecnicamente e, per questo motivo, sarebbe l’ideale per il passaggio da Pure Drive, sapendo che c’è minore spinta, ma maggiore possibilità di intervenire di braccio a compensare. Se il tuo obiettivo è questo, allora la strada è quella giusta. Diversamente, proverei a passare alla PD 2021, visto che Pure Drive 2017 è al momento molto difficile da trovare nuova. In realtà, poco tempo fa erano disponibili su Tennis-Point, ma solo in manico 1 e 2. Prova a ricontrollare nel caso e, se vuoi, è disponibile il mio codice sconto.

  2. Ciao,
    Ogni tanto riappaio continuando a rimanere un fedele lettore.
    Questa proposta in head sembra interessante, in particolare per i “quarta” che come me, si sopravvalutatano e poi ci rimangono male quando le prendono in torneo.

    Ti chiedo le differenze con la clash che, mi pare di capire, sia la concorrente principale.

    Colgo occasione per chiederti se hai in programma un giro con la Dunlop cx 400 tour.

    Grazie

    • Ciao, bentornato!

      Sicuramente ci sono delle assonanze con Clash, ma devo dire che Boom fa uscire la palla in maniera più energica ed è un po’ più belligerante. In generale, Boom è un po’ più completa e, quando spingi di più, risponde meglio. Dal punto di vista dell’uscita di palla, trovo che la Head sia più generosa, non tantissimo di più, ma c’è anche un po’ di massa in più che la rende più completa. Tra l’altro, a marzo ci sarà la nuova Clash 2.0 e credo proprio che anche Wilson darà un po’ più di anima alla sua racchetta.
      Quanto alla CX 400 Tour, è nella stessa categoria, ma non avendola provata non posso darti feedback concreto.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per tutte le ultime novità

ISCRIVITI

al Canale YouTube

di TENNISTASTE