Consiglio racchetta agonistica pro kennex

Home Forum Ask TennisTaste Consiglio racchetta agonistica pro kennex

Stai visualizzando 6 post - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Post
  • #11605
    Davydenko
    Partecipante

    Salve, vi scrivo per un consiglio.
    Sono interessato all’acquisto di una racchetta prokennex.
    Ho 32 anni, classifica 3.3 sono un rematore che predilige colpi in top spin esasperati con impugnature molto chiuse, andando a rete solo per chiudere vole semplici a campo aperto. Servo principalmente in slice e in kick.
    I colpi piatti per intenderci non fanno parte del mio gioco.
    Dopo un lungo stop ricominciai con la ki 15 300 grammi (velocity 22 kg), sensazionale come comfort, ma mi mancava qualcosa come incisività e pesantezza dei colpi che ora ho trovato nella babolat aero 300 g. Racchetta che sembra ideale per il mio gioco, ma purtroppo se gioco 3 macht consecutivi in 3 giorni compaiono dolori al braccio che mi accompagnano per settimane. (Epitrocleite)
    Mi chiedevo se esistesse una racchetta agonistica del marchio pro kennex che si avvicina alle caratteristiche della aero ma con più confort per le articolazioni.

    Vi ringrazio di cuore.

    #11606
    Davydenko
    Partecipante

    * anche su babolat sto usando velocity 1.25 che è la corda che qualità prezzo mi permette di giocare con meno dolori. Accetto consigli anche su corde. Grazie infinite

    #11607
    TennisTaste
    Amministratore del forum

    Ciao e benvenuto nel Blog.
    Purtroppo in Kennex non esiste una vera spin machine e bisogna guardare al di fuori di questo marchio per trovare qualcosa che ti soddisfi in spinta e rotazioni.
    Considerando la tua epitrocliete, che conosco benissimo, bisogna andare su telai che non abbiano grande impatto sul braccio, a 360°, quindi peso, inerzia, bilanciamento e rigidità non devono essere eccessivi e devono permettere uno swing fluido, senza dover strappare, altrimenti l’avambraccio, e poi l’epitrocleo, sono stressati.
    In questo senso, pensare ad una profilata meno carica, come Vcore 100, oppure ad una classica con capacità di spin, come Vcore 98, Pro One o Blade 16×19 V7, potrebbe essere un passo adatto per non perdere prestazione e dare sollievo al braccio. Chiaramente, il tutto sarebbe da completare con una corda come la Velocity oppure un mono davvero soft, come Magic di String Project o Cream di Isospeed, che ti garantirebbero un minore sforzo per restituire spin. Se con l’epicondilite è relativamnente più facile individuare il problema, con l’epitrocleite bisogna operare su più fronti.
    Alla fine di tutto, ti fornisco altre due soluzioni di mezzo, che racchiudono sia il comfort, sia lo spin, ovvero Clash 100 Tour e Blade 104 V7, soprattutto quest’ultima molto sottovalutata in termini di livello agonistico.

    #11609
    Davydenko
    Partecipante

    Grazie mille, leggendo le tue bellissime recensioni mi sono invaghito della Head Graphene 360 Extreme MP , sembra essere ideale per il mio gioco spin avere un peso e una rigidita accettabile. Mi sbaglio? L inerzia di questa racchetta come è? Può essere aggiunta alle racchette sopracitate? Grazie e ancora complimenti

    #11618
    Davydenko
    Partecipante

    E un, altra domanda, ieri nella diretta instagram hai detto che nelll Epitrocleite è importante la scelta del manico, in che senso è importante? La misura?

    #11622
    TennisTaste
    Amministratore del forum

    Extreme MP, come anche SX 300, hanno una inerzia elevata e in caso di epitrocleite eviterei assolutamente di andare su telai poco maneggevoli e molto carichi. Quindi direi che eviterei di buttarla nella mischia. Il livello di inerzia è 328, tanto per una 300 grammi.
    Quanto invece alla questione del manico, con epitrocleite, contano diversi fattori, come grandezza, forma e manutenzione. La misura deve essere giusta, quindi bisogna evitare,a d esempio di giocare con un L2, quando la necessità è un L3, poi la forma gioca un ruolo fondamentale. Vedi, ad esempio, il manico Wilson che ha il tappo molto pronunciato e non tutti riescono a giocarci in maniera naturale. Un tappo molto spesso può portare ad una forzosa flessione del polso nell’eseguire i movimenti. Lo stesso può valere per il manico Yonex, con un tappo molto poco pronunciato, che può portare a stringere troppo con anulare e mignolo. E così via, bisogna valutare cosa accade e imparare a sentire subito se ci sono fastidi o malfunzionamenti. Infine, è importantissimo tenere curato il grip e l’overgrip, perché l’usura, anche quando la superficie sembra nuova, può essere ormai liscia e tendere a scivolare.

Stai visualizzando 6 post - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il primo ed unico sito in cui le recensione la scrivi tu!

Negozi Partner


universotennis


Translate »
yonex italia web shop

Una storia di successo