Fabrizi FF-20

Dopo averla preannunciata (QUI il link) e aver raccontato il modo in cui è nata l’idea di FF-20, è il momento di parlare di come si comporta il nuovo telai Fabrizi, che si rivolge a coloro che cercano un prodotto molto simile alle varie PT57 o H19, flessibile e sensibile, ma con un piatto corde più generoso.

fabrizi FF-20

Headsize 100 inch2
Peso 305g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 315 mm
Swingweight (non icordata) 295 kgcmq
Rigidità 60 RA
Profilo 20.6 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica di FF-20 è molto pulita e lineare, come al solito per Fabrizi, che propone un monocolore di base e pochissime serigrafie. Il telaio standard ha la consueta colorazione lucida, che lascia intravedere le fibre di carbonio che lo compongono, così come accade per tutti i telai del brand italiano, mentre nelle foto di questa recensione è presente una versione nera, colore a richiesta con sovrapprezzo. Le forme del telaio sono quelle classiche di una H19 o di una PT57, con il profilo sottile, 20.6 millimetri, e la sezione boxed che accompagna tutto il telaio, dall’attacco al manico alla punta. L’ovale ha una dimensione maggiorata a 100 pollici, 99.7 per la precisione, che non vanno ad intaccare i tipici steli lunghi e convessi, infatti la maggiore superficie è ricavata dall’allargamento del piatto nella zona mediana, laddove la curva è molto ben nascosta e, vedendo la racchetta, mai si penserebbe ad un 100 pollici, perché è molto filante e ben raccordato con la struttura, che è snella e molto elegante nelle sue linee. Oltre al piatto, vi è una scelta tecnica nella gola, dove la geometria degli steli viene rinnovata per una maggiore solidità e presenta un front beam leggermente maggiorato verso la gola. Oltre a ciò, dal punto di vista estetico, non c’è molto da aggiungere, perché è una racchetta che si riconosce nel suo genere non appena la si guardi. Il manico, come di consueto per Fabrizi, è realizzato con l’utilizzo dei pallets intercambiabili per ridurre o aumentare le misure, che sono disponibili anche nelle mezze taglie, 2.5, 3.5 e 4.5, per perfezionare la propria impugnatura.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

8 Comments

  1. Ciao Fabio,
    i tuoi test mi hanno fatto venire una voglia matta di acquistare uno dei telai Fabrizi.
    Ti disturbo per chiederti un consiglio sulla scelta.
    Sono un tennista amatoriale di 53 anni con capacità tecniche appena accennate ed un fisico solo un po’ allenato (sono alto 1,88 mt. e peso 88 kg.). Leggendo le tue recensioni e seguendo i tuoi consigli, nonché la mia voglia di possedere attrezzi che mi facciano sentire un “quasi” pro, sono circa 3 anni che gioco con Donnay Allwood 102 (ora in versione Unibody) e, saltuariamente, con ZUS (100″, 16×19, 70 RA, 305 gr/325 mm) tutte incordate con budello VS Team e Alu Power a ca. 23/22 kg e da entrambe traggo grandi soddisfazioni (con la Donnay mi sembra di avere più chance su tutti i colpi, con la ZUS ho la sensazione di generare colpi più potenti e più efficaci in generale, ma avverto che perdoni meno le mie discutibili doti). Ora vengo al quesito: volendo diventare un felice possessore di una Fabrizi, quale ti sentiresti di consigliarmi fra la FF-22 (che dall’alto della sua posizione in classifica e con quel meraviglioso aspetto mi intriga più di tutte), la FF-99 (della quale ho voluto capire sia un pelo più “facile”) e l’ultima nata, la FF-20 (che forse, data la maggior manovrabilità, sarebbe più alla mia portata)? O devo rassegnarmi al fatto che sono tutte troppo per me? Ti ringrazio fin d’ora per la pazienza e, in generale, per il servizio che svolgi con così tanta passione, disponibilità e professionalità.

    • Penso che la più indicata sia FF-99, per la questione della potenza gratuita elevata e l’equilibrio generale, insieme alla maggiore facilità tecnica tra le tre racchette in esame. FF-22 la escludo a priori, è pesante, potentissima, ma brucia presto le energie di chi non è troppo allenato. Infine, è vero che FF-20 è la meno imepgnativa fisicamente ed ha probabilmente il migliore feeling delle 3, ma va spinta perché incarna il ruolo di Prestige old style, con piatto 100 e bisogna saperla spingere per farla rendere.

  2. Ciao Fabio, gran lavoro su questa racchetta, complimenti a Fabrizi e a te. Qualche info sulle corde? Ti chiederei qualche alternativa a sp che conosco bene ed utilizzo. Ad esempio luxilon alu pro soft o 4g soft, hyper g soft, yonex? Ci daresti qualche indicazione su corde e tensioni? Come sempre un grande ringraziamento per ciò che fai e soprattutto per la tua infinita disponibilità.

    • Penso che la FF-20 sia attualmente la mia preferita tra le Fabrizi, perché ha tutto, ma ci devi mettere la giusta dose di braccio e in ciò è giustamente selettiva. Con una FF-99 puoi avere meno tecnica, ma FF-20 è una racchetta da buon braccio, che lascia spazio anche dove non c’è un gran fisico e gli “ex ragazzi” la apprezzano molto.
      Quanto alle corde, non andrei sulle sagomate, a meno di necessità stringente di spin, mentre tra Alu Soft e 4G soft hai tanto da sperimentare. Per più potenza e delicatezza, andrei su Alu, mentre per più spin e aggressività dei colpi, su 4G soft. Come tensioni, anche se si tratta di un 100 pollici, va trattato come se fosse un 98, quindi tensioni medio-basse, massimo 22-21 per avere spinta, controllo e giocabilità.

  3. Quali sono le possibilità che Fabrizi lanci una racchetta che utilizzi lo stesso stampo, materiali e lay-up della FF20, ma con una testa 97, mantenendo le stesse specifiche 305g, 20 o 21mm, 16×19 e 295 sw? Lo chiedo perché penso ancora che le racchette da 100 head siano molto potenti e imprecise, preferendo le taglie 97 o 98 in modelli 16×19 o 16×20 mirati al controllo e alla bassa potenza, stile Pure control team 97. Grazie mille.

    • La possibilità c’è, ma se ne parla dopo l’estate. Esiste già il progetto e ci sono i vari prototipi da testare, ma occorre ancora un po’ di tempo.
      Tuttavia, la FF-20, per la precisione che offre, non è affatto male, ma capisco chi vuole un piatto più contenuto, che, più che per il controllo, è più duttile per velocità e maneggevolezza.

  4. Ciao Fabio,
    come lo vedi l’utilizzo di un multi filamento tipo TECNIFIBRE X ONE BIPHASE magari molto sottile 1,18 su questa racchetta oppure consigli solo mono? Grazie 1000

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      In generale XOne si sposa bene con telai come FF-20, di concezione molto classica.
      Però, non andrei sulla 1.18, anzi andrei almeno sulla 1.235 se non su 1.30 direttamente, perché il pattern non è per niente stretto e permette molta personalizzazione con le corde, senza andare su eccessi.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il sito dedicato al mondo del Padel!