Confronto Racchette classiche 310-340 grammi

Wilson Pro Staff RF Laver cup 2019

Dopo l’enorme successo del confronto tra telai da 305 grammi, è tempo di salire con il peso e far contenti gli irriducibili del telaio classico, coloro che “sotto i 310 non sento la palla” e “il bilanciamento avanzato non lo gradisco”. Ebbene, i telai classici da 310 grammi in su sono delle racchette che mettono in luce totalmente il braccio, nel bene e nel male. Sono solitamente accompagnate da piatto 97-98 pollici, con qualche puntata verso i 100 e qualche altra verso i 95, ormai davvero rari. Alcune sono dei veri e propri macigni, con inerzie da bodybuilder, mentre altre puntano alla velocità di esecuzione e, in molti casi, sono più gestibili di telai più leggeri, ma hanno tutti un comune denominatore: una tecnica almeno buona, composta e tennisticamente educata. Nessuno dei telai che vedrete in questo confronto è adatto ad un neofita e si rivolgono tutti ad un pubblico esperto tecnicamente, nonché fisicamente, perché il ritmo, la forza da imprimere e la solidità che necessitano di sostanza e di sicurezza.

N.B. Tutte le considerazioni sui telai, compresi i pro e i contro, sono da ritenersi in relazione alla concorrenza ed all’interno della categoria.

 Andiamo a scoprire le differenze, i pregi e i difetti di tutti i telai recensiti durante il 2019 in questo confronto tra racchette classiche da 310 a 340 grammi.

8 Commenti su Confronto Racchette classiche 310-340 grammi

  1. belle..da guardare…
    ho giocato con le prostaff 85 fino alla soglia dei 40…ora da over 50 ci potrei giocare..x mezz’ora
    nei tornei troppo più redditizie le 285/290 gr…x me
    scrivevi in un altro post che ti saresti dedicato a un pò di test su questi telai…li aspettiamo – ogni promessa è debito

  2. Ciao.
    Ti chiedo un grosso ennesimo favore.
    Siccome in tanti abbiamo sfortunatamente il problema dell’epicondilite, potresti un giorno scrivere un editoriale sulle racchette più adatte a questo problema? In casa kennex non è facile orientarsi, perchè sono tanti i modelli, forse anche troppi… inoltre ci sono anche altre case che fanno telai adatti.
    Grazie francesco

    • OK, proverò a farne uno speciale, ma cosnidera che, anche se Kennex è la più famosa, ormai quasi tutte le aziende hanno inserito sistemi per lo smorzamento di vibrazioni e di impatto. MI dedicherò anche a questo un po’ più avanti.

  3. VCore Pro 97 HD 18×20 …. l’ho appena vinta alla lotteria di Natale al club dove gioco … e’ stupenda …e 320gr leggermente più leggera della 330gr beast ….

    Sei riuscito a provarla o ancora ti deve arrivare? Non l’ho ancora incordata … ancora confezionata ..

    Mi piacerebbe provarla, recentemente un mio amico ex ATP ranked mi ha fatto provare una Dunlop di quando era giovane lui con il 18×20 e 330gr … mai sentiti così bene la pallina sulla mia racchetta … la massa e spinta incredibili

    Inoltre che corde mi consiglieresti su questa racchetta e che tensione?

    Grazie come sempre, tanti saluta dalla Scozia

    • La sto rpovando proprio in questi giorni e la recensione dovrei risucire a pubblicarla domani.
      Credo che sia la migliroe delle 18×20 in circolazione, nella categoria di peso maggiore, in quanto spinge bene, prende anche un buono spin e il feeling è davvero pulito. NOn ti anticipo altro, altrimenti la recensione la scrivo qui nel commento, potrai leggere domani.
      Quanto alle corde, preferisco il mono sottile, liscio, a bassa tensione, o al massimo l’ibrido, sempre con mono sottile, perché conil multi si spegne lo spin e la sensazione di controllo non è esaltata come dovrebbe. Osa con le tensioni in basso, anche 19 o 18, è un 18×20 che lo consente ampiamente.

  4. Ciao, conosci per caso le corde Pro’s Pro Spin Devil? Molti asseriscono che sono simili alle Alu Power Rough ma costano una frazione del prezzo …senza che il differenziale di prezzo sia equivalente ad una differenza marcata di qualità e feel? Grazie 😊

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »