Babolat Pure Drive 2021

Babolat Pure Drive è, in assoluto, la racchetta più venduta. Un progetto che nasce da lontano con l’intento di fornire una racchetta potente e giocabile a tutti i livelli e, a giudicare dai numeri, il progetto è molto più che riuscito. Tuttavia, nella frenesia di un mondo che vuole sempre novità, anche una racchetta così apprezzata deve sapere evolversi e, ogni tre anni, assistiamo al gran lavoro di Babolat nell’aggiornare il suo Best Seller, sempre votato ad offrire qualcosa in più rispetto a prima e con l’imperativo categorico di non deludere le aspettative. Ebbene, dopo l’edizione 2018, che ha segnato un passo verso il comfort e il controllo, arriva Pure Drive 2021, che prosegue nella stessa direzione, mostrando segni di ulteriore maturità e maggiore tecnicità rispetto al passato.

pure drive 2021

Headsize 100 inch2
Peso 300g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 320 mm
Swingweight 290 kgcmq (unstrung)
Rigidità 71 RA
Profilo 22-25-23 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica di Pure Drive è tutta nuova e riprende in minima parte quanto visto con Pure Strike, ovvero uno stile più Street, ma con molte differenze e nulla è ripreso dai modelli precedenti, a parte l’azzurro, che si fa più carico, accompagnato da un blu scuro che domina l’intera struttura e che fa risaltare ancor più il colore identificativo del telaio. La trama scelta per Pure Drive 2021 va a creare molto movimento estetico, con il cuore che riprende il nome drive, stilizzato, in verticale e simmetrico rispetto ai due lati, ma a colori invertiti, che fa il verso ad un fulmine, a richiamare la potenza del telaio. Una scelta che da lontano crea un effetto colorato e che solo da vicino diventa una serigrafia intellegibile e riconoscibile. Il colore, poi, diviene asimmetrico anche sul piatto, che da un lato è azzurro, con le bande blu scuro, mentre dall’altro è proposto all’inverso, per poi incontrarsi alla punta del piatto e sfumare l’uno nell’altro. Dal punto di vista cosmetico, il lavoro è pregevole, impreziosito anche dai nuovi passacorde e dal bumper-guard più ampio sulla testa e con l’aggiunta di due elementi di protezione anche ad ore 3 e 9 dell’ovale, come un tempo proponeva la Pure Drive capostipite. Il fusto è invariato nella sua forma, ma le novità sono soprattutto dentro e percepibili in gioco. Al manico, poi, vi è una piccola variazione della dimensione, laddove il tappo è più svasato, con un fusto centrale leggermente più sottile, che offre una fit migliore per la mano. I grip adoperato è l’inossidabile Syntec Pro da 1.80 mm, ottimo prodotto anche aftermarket, mentre il fondello è invariato, con lo sportellino apribile impreziosito dal logo Babolat argentato e zigrinato.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

27 Comments

  1. Ciao Fabio, come al solito bellissima recensione…questa pure drive mi attira, potresti farmi un paragone con la yonex e100 e la pure strike 100 soprattutto per quanto riguarda la maneggevolezza. Grazie

    • In termini di maneggevolezza, la Pure Drive è la più facile da maneggiare tra i tre telai che citi. In realtà è anche quella con la maggiore potenza gratuita, pur essendo stata leggermente ridimensionata sotto questo aspetto per un controllo migliore. In termini di potenza massima è a parità con la Ezone e sicuramente al di sopra di Strike, che però rende meglio delle altre due in feeling e spin.

  2. Ciao Fabio! Potresti fare un confronto con la Yonex Ezone 100?

    • E se possibile un confronto tra Head Speed MP Graphene XT e Yonex Ezone 100. Grazie mille Fabio!

      • Yonex Ezone è più potente, stabile e corposa praticamente in tutto, mentre la Speed Mp XT ha una maggiore facilità di swing e una minore difficoltà di utilizzo, ma anche prestazioni inferiori in potenza e aggressività. In termini di spin, quello di Speed XT è più facile, ma c’è minore controllo sul colpo piatto.

        • Grazie mille! E come vedi una Poly Tour Pro su Ezone 100? Altre corde per non castrarla (e che non costino una fortuna)? Che tensione mi consigli? Grazie davvero, come sempre

    • Pure drive è più maneggevole e veloce da muovere, in generale anche più facile da usare, pur avendo ricevuto un trattamento che limita un po’ la potenza gratuita a basso regime in favore di un migliore feeling di impatto. Ezone è più solida e un po’ più soft all’impatto, di poco, con un feeling un po’ più netto, ma anche leggermente più ostica da muovere.

  3. Ciao Fabio, in un precedente post ti chiedevo consigli per l’acquisto di una nuova racchetta, essendo io possessore di una babolat pure drive 2015. Assecondando le mie richieste (… Gioco aggressivo e mi piace spingere forte da fondo col diritto e gioco il rovescio ad una mano. Mi piace variare il gioco con smorzate e venire sotto rete Sono un livello intermedio e gioco 2-3 volte a settimana. 47 anni per 88 Kg e buon allenamento. Cerco maggiore precisione nel gioco di rete (volèe e smash). Che racchette mi consigli di provare?…..) mi consigliavi la Wilson ultra 100 v3. Leggendo il test della nuova babolat mi sembra di aver capito che il nuovo telaio abbia acquistato in controllo. Tra le due quale credi possa essere più congeniale alle mie aspettative? mi puoi fare un confronto fra le due?
    Grazie

    • Pure Drive 2021 ha migliorato controllo e sensazione del colpo, restando un telaio facile in generale, ma leggermente più tecnico rispetto al modello precedente. Ultra 100 V3 ha maggiore controllo sul colpo piatto e minori rotazioni, per cui si configura come telaio maggiormente improntato al gioco piatto o in back, più di Pure Drive, che però aggiunge una migliore gestione del top-spin. In termini di tocco, parliamo di due telaio con reattività elevata, la Wilson ancora di più, mentre la Babolat simula un impatto più dolce e con maggiore entrata nel piatto corde, per cui sul tocco potrebbe dare una maggiore facilità, mentre con Ultra dovresti lavorarla un po’ di più. Penso che potresti trovare giovamento con entrambe, ma sta a te capire quali caratteristiche ti si addicano di più, essendo telai simili per molti versi, ma anche diversi per tipo di colpi.

    • Sono telai abbastanza sovrapponibili, come per la tanta potenza e la buona maneggevolezza. Tuttavia, la Ultra V3 ha un migliore controllo sul colpo piatto e minore spin, mentre la Babolat ha più spin, una maggiore facilità generale e un impatto un po’ meno secco. Si potrebbe andare bene anche questa, ma sceglierei soprattutto in base alla necessità di controllo/spin.

  4. Ciao, oggi gioco con ultra 100cv (il modello precedente alla v3 di quest’anno) ma mi crea fastidi e dolori alla spalla: questa pd 2021 secondo te potrebbe darmi lo stesso problema o è più “morbida”?

    Grazie

  5. ciao fabio un confronto con pure strike 100?

    • Pure strike 100 ha più spin e una maggiore solidità di impatto, essendo una classica offre un feeling diverso, più intenso, mentre Pure Drive 2021 è indubbiamente più facile, potente e maneggevole, come un livello di controllo simile e una minore propensione ai tagli.

  6. Ciao, ottima recensione grazie

  7. Ciao Fabio, quando verrà commercializzata e che tipo di corde consigli?

  8. Bravo Fabio, Recensione impeccabile, sarebbe bello, visto che si parla del telaio più venduto, di un punto di riferimento delle racchette odierne, un tuo punto di vista o paragone, con la prossima dunlop fx 500, anche lei, correggimi se sbaglio, telaio votato principalmente alla potenza…..

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Si, Dunlop FX 500 è una delle concorrenti, che punta alla potenza, come Ezone 100 del resto. Per il momento ho testato solo la Versione tour, la cui recensione la trovi sul canale Youtube di TennisTaste ed è un telaio molto interessante. Se le stesse qualità dovessero esserci anche nella FX 500 “standard” allora sarebbe una vera concorrente di Pure Drive. Tuttavia, l’azienda mi ha fatto capire che non avrò la FX 500 in prova, per cui sarà difficile avere un riscontro reale.

  9. Ciao Fabio, potresti per favore indicare il valore di swingweight incordata? grazie mille.

    • Il valore a telaio incordato oscilla tra i 318 e i 320 punti di inerzia. Tuttavia, ho avuto modo di testate al diagnostic diversi telai e alcuni avevano dei valori abbastanza più bassi. Il dato dichiarato da Babolat è 290 kg/cmq, ma in media risulta più basso, tra 280 e 285.

    • Ciao sono Ennio per favore nella tua recensione pd2021 dai lo swingweight a 290 ma in risposta nel forum 318 /320 che sarebbe quasi come la paero. Incordata. Ho letto male io? Grazie ciao ciao

  10. Ciao Fabio potresti fare un paragone con la Yonex E100? Credo sia la sua concorrente come regina della spinta?
    Mille grazie

    • Sono dirette concorrenti e sono le più vendute del settore, insieme a Wilson Ultra. La differenza tra le due sta nella maggiore solidità di impatto della Yonex, che ha un feeling più pieno, con una potenza massima molto simile, ma anche maggiore massa da muovere, quindi adatta ad un pubblico che vuole un telaio più da gestire di braccio. Pure Drive, nonostante si sia votata maggiormente al controllo e al feeling, resta più facile e gratuita in potenza, soprattutto a medio regime. In termini di spin, Yonex carica di più la palla, ma, come detto, è più pesante da muovere.

  11. Ciao Fabio,
    posto che la incorderei eventualmente con rip control a basse tensioni,con questi nuovi sistemi anti vibrazioni, ti sentiresti di consigliarla a chi in passato ha sofferto di epitrocleite?
    Ora sto bene ma la paura c’è. Ho 52 anni, 3.4 gioco leggermente coperto e aggressivo.
    Grazie in anticipo.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riproduci video

Il primo ed unico sito in cui le recensione la scrivi tu!

Negozi Partner


universotennis


Translate »

Una storia di successo