Yonex VCORE Duel G 100

yonex-buttcap

Da fondocampo aiuta a stare lunghi sui colpi, senza sforzare mai, perchè l’inerzia contentuta lascia che il telaio sia comandato a piacimento, senza intaccare velocità di esecuzione e spin. Un telaio che fa creare gioco, che sa variare traiettorie e intensità con interessanti soluzioni coperte o piatte. Inoltre, la flessione del telaio crea un buon effetto catapulta, che si frutta già a a basso regime. Il telaio, dal fondo, presenta stabilità e rigore direzionale davvero ottimo e si lascia condurre molto velocemente all’impatto, aiutando tanto in anticipo o sui colpi piatti, che escono veloci. La massa del telaio è sufficiente per fare un gioco di controbalzo, godendo della grande manovrabilità e della semplicità di copertura dei colpi. Sarebbe, però, un delitto non sfruttare una presenza di spin così modulabile e consitente, anche perchè è il gioco che la Duel G preferisce per trasmettere cattiveria alla palla. Non parliamo di una spin-mosnter, ma di un telaio che riesce a variare la complessità di palla o l’altezza della traiettoria con molta semplicità e duttilità. Questo aspetto si nota soprattutto quando si cercano gli angoli dalla riga di fondo o quando si varia il gioco e, in entrambe le situazioni, la Duel G 100 si mostra all’altezza della situazione. Vero è che, con una massa e una inerzia superiore, avrebbe un peso-palla notevole, ma non avrebbe la stessa semplicità di utilizzo, che, vi assicuro, trasferisce una sensazione di controllo sull’attrezzo, degna di pochissimi telai in circolazione.  Inoltre, la manovrabilità aiuta tantissimo in difesa, dove basta il polso per recuperare una palla bassa, anche da lontano, e la G 100 fa sfoggio della tolleranza del piatto isometrico, paragonabile a quella di un 105 tradizionale.

Il back è ottimo, semplice e modulabile. La palla si accompagna molto bene e prende giro con semplicità. Ottima anche la sensazione soft di impatto, che consente di carezzare o “afffettare” la palla. C’è del side-spin, utile per sporcare le soluzioni offensive e difensive, e viene fuori solo se ricercato, lasciando intaccato il rigore direzionale sui colpi tesi.

A rete si muove davvero agevolmente, non impegna ed è stabile all’impatto. Il peso leggero impone un po’ di spinta sulla palla per rendere le volée incisive e definitive, ma la manovrabilità e la velocità di movimento rendono tutto più facile. Smash preciso, non brutale con nella versione 330, ma veloce e semplice da gestire.

Al servizio la soluzione piatta si presenta precisa e rassicurannte, ma è soprattutto lo slice a conferire alla Duel G 100 la medaglia di un ottimo servizio. Infatti, lo slice è veloce e tanto basso, si può entrare con decisione sulla palla, adoperando il taglio laterale, notando come il colpo si caricchi di più potenza anche rispetto al piattone. Molto bene anche il kick, sia in difesa che in attacco, con la palla che si alza tanto e reagisce corposa dopo l’impatto a tessa. Sul kick si nota del buon side-spin, che crea ulteriore movimento della palla, complicando la vita a chi è in risposta.

85 Commenti su Yonex VCORE Duel G 100

  1. Ciao Fabio, intanto complimenti per la solita ottima recensione, tra l altro mi è piaciuta moltissimo anche la recensione video, molto chiaro anche per i non troppo addetti ai lavori, grazie di ciò.
    Io l’ho adottata da poco come mia racchetta e ritrovo tutto quello che hai detto alla perfezione, devo ancora capirla bene al servizio, mi sono trovato benissimo con lo slice ( poi io da mancino ci vado a nozze) un po meno la botta piatta nel senso che ha meno potenza del solito, ma molto precisa, la grossa differenza che ho notato con la Duel G 100 è il numero elelvato di prime palle che riesco a mettere magari a scapito di qlc aces ma pochissimi doppi falli in compenso ( quindi racchetta x me da torneo). La particolarità che mi è parso di capire è che vuole uno swing veloce per funzionare al meglio , e qui ti chedo conferma.
    Detto ciò parlando di corde quella che ho preso ha le razor code a 22 kg ma io ormai gioco quasi solo con multifilo, cosa mi consilgieresti? Di solito uso le Head Velocity 4 nodi a 23 kg , altri multi che ci possano stare?
    Ciao e grazie per la disponibilità.
    Claudio

    • Ciao Claudio, sulla Duel io consiglio sicuramente le corde Yonex, Poly Tour Air in primis, ma anche Poly Tour Fire. Non salire a 22 kg e mi fermeri a 21 kg, proprio per lasciare un po’ di verve e movimento alle corde. Anche le Razor potrebbero andare, ma sempre a non più di 21 kg, il telaio esige una tensione contenuta, al contrario della 97, sulla quale sono arrivato anche a 23 con full mono 😉

    • Per un multi compatto, ti consiglierei String Kong Bonodo, una corda che mi ha molto soddisfatto per solidità e per un buon livello di spin. Alla stessa maniera, ti consiglio la Yonex Dynawire. Però, un ibirdo lo concederei, perchè la G100 offre una bella presa di spin e una “carezza” naturale che con il multi viene leggermente meno.

  2. Ciao buongiorno Claudio innanzitutto complimenti….allora io gioco attualmente con la babolat pure drive tour e vorrei passare alla Yonex. Ma sono indeciso tra la duel g 100 e la sv 100. Potresti dirmi gentilmente le differenze tra le due racchette?

    • Ciao Massimiliano, la differenza principale tra i due telai è che la SV 100 è una 100 pollici moderna, dal profilo abbondante, mentre la Duel G è la versione “per umani” della racchetta di Stan Wawrinka. La SV è più potente e facile da spingere, mentre la Duel G 100 ha un controllo, un feeling e una sensibilità superiori. Venendo tu dalla Pure Drive Tour, sicuramente la SV può soddisfare di più le tue necessità, ma c’è da dire che, oltre alla minore potenza, la Duel G offre la stessa facilità e un livello di spin simile, ma con una impostazione più classica e meno esuberante.

    • Ciao Stefano, sono telai simili solo nelle specifiche, ma molto diversi nel gioco, accomunati solo dal controllo di palla. La Duel offre molto più spin e mantiene, allo stesso tempo, un ottimo controllo di palla, mentre la Kennex ha maggiore propensione per il gioco piatto o al massimo coperto di spin. Il back è ottimo per entrambi i telai, più teso per kennex, più modulabile per la Yonex. Il livello di potenza è paritetico, nonostante la differenza di rigidità.

  3. Ciao e grazie per l’ottima recensione, anche quella in video.
    Vorrei chiederti che differenze hai riscontrato rispetto alla DR98, soprattutto in termini di spinta da fondo e sul servizio. Attualmente gioco con la DR98 e ho trovato giovamento dall’usare le polytour pro che mi avevi consigliato e ora mi sembra sempre molto comoda, un po’ più potente ma sempre poco sensibile. Grazie in anticipo!

    • Ciao Armando, le differenze sono tante e le strutture completamente diverse. Proprio stamattina ho giocato con una Dr 98 blu, grande telaio, soddisfacente sotto tanti punti di vista, ma esigente fisicamente e tecnicamente facile. La Duel G 100 funziona al contrario, fisicamente facile e tecnicamente esigente, con un livello di spinta simile alla DR, ma con più spin e un back più sensibile. In generale, la Duel 100 è una versione facile della Duel 97, mentre la DR è una versione agonistica di una profilata. Entrambe, però, sono flessibili e accompagnano bene i colpi

  4. Ciao e grazie per gli ottimi consigli! Ho visto che tra le corde che hai citato ci sono le yonex polytour air e dynawire. Dici che sarebbe una buona idea ibridarle tra loro o meglio le air/fire con la yonex 850? Per le tensioni meglio rimanere costanti sui 21 oppure differenziare sui 20/21?
    Attualmente monto starburn softpower 6 e velocity a 21/22,5 ma non sono molto soddisfatto. Ho la sensazione di una certa difficoltà nell’uscita di palla. Grazie un saluto

  5. ciao Fabio, vorrei da tempo sostituire le mie racchetta ,prince exo3 tour 100, ma proprio non riesco a trovare quella che fa per me sono un4/3 e mi piace remare a fondo campo non ho una grande tecnica pensi che questa potrebbe fare a caso mio? ti premetto che con le prince mi trovo da Dio ma ormai sono andate!!
    grazie

    • Ciao Raffa, in effetti siamo sulla stessa tipologia di telaio, ma penso che la Duel offra decisamente migliori rotazioni, con un livello di potenza simile. Certo, dici se non hai troppa tecnica, la Duel ti può un po’ penalizzare, ma venendo dalla Exo3, penso che non avrai il minimo problema a gestire una Duel 100, anzi!

  6. Fabio ciao, il tuo sito è una bella oasi per noi appassionati 🙂
    Volevo chiederti un parere: sono un 4.1-3.5, gioco con una Dr 98 e mi piace come riesco ad incontrare la palla col dritto (il mio colpo forte) e come riesco a gestire, a lavorare il rovescio bimane (mio colpo debole). Trovo invece diffcoltà nel sentire la palla con il back e nel muovere la racchetta a rete. Ero intrigato da questa Duel 100 e dalla Sv 98. Con quale di questi due telai, secondo te, perderei di meno le sensazioni positive con il colpo forte e quelle con il colpo debole.
    Sono convinto che una racchetta vada giudicata da come ti aiuta nel colpo debole.
    Grazie
    Antonio

    • Ciao Antonio, la scelta che poni non è affatto semplice, perchè la SV ha molta più inerzia e ptoenza rispetto alla Duel g 100, che resta il riferimento di maneggevolezza e di feeling. Entrambi i telai sono solidi, ma la Sv risponde più cattiva e sicuramente aiuta sul colpo forte, con la sua consistenza. Porrei la scelta in tal senso: se vuoi ancora più prestazione, mentenendo un livello di faticosità simile alla DR, vai sulla SV 98, mentre se vuoi massimizzare la difesa e minimizzare la velocità di esecuzione, che spesso è la chiave per trovare solidità di gioco, la Duel G è sicuramente più semplice da muovere e sfruttare. La Sv è una agonistica pura, seppure tollerante, cosa che è anche la Duel, ma la prima premia la prestazione, richiedendo anche fisico, la seconda richiede più tennis che fisico.

  7. Ciao Fabio buongiorno…. Volevo un consiglio in merito all’acquisto di una nuova racchetta. Da circa 1anno gioco con wilson burn 100s e sopratutto nell’ultimo periodo ho avuyo un infiammazione tendinea del polso. Stavo dando uno sguardo alle tue recencensione e diverse racchette Yonex sembrano avere delle caratteristiche che potrebbero essermi utili oltre che apprezzarle come prodotto. Gioco in linea di massima da fondo campo per un totale di 4-5 ore settimanali e nell ultimo anno mi sn allenato spesso con un maestro. Tra i modelli ezone – Sv – duel quale modello ti sentiresti di consigliarmi??

    • Ciao e benvenuto nel Blog. Visto che vieni dalla Burn 100S e il tuo tipo di gioco, che suppongo sia in rotazione, assolutamente la SV100, che ha un livello di inerzia contenuto, per scaricare il polso e l’avambraccio nel gioco. Nonostante ciò, è anche un telaio molto potente e appagante, soprattutto dal fondo del campo. Gli altri modelli Sv sono più impegnativi e occorre un po’ più di tecnica e di fisico per farli rendere bene.

    • Sono telai equivalenti per peso, inerzia e tolleranza, ma feeling differente. Più solida la Duel e più morbida la Silver, sono filosofie differenti, ma sempre se sensibili. Probabilmente la Silver è un po’ più facile da muovere, ma la Yonex spinge di più. Come rotazioni sono ottime entrambi, ma sul piattone vince la Yonex.

  8. …e per il discorso custom? sulla silver ne avevi provato/consigliato qualcuno avendo il telaio un comodo kit, per la duel ?
    (p.s. i tappi con pesi diversi sono una ottima e veloce soluzione per aggiungere peso al manico…dovrebbero fornirli anche altre case)

    • Ciao Thomas, la differenza tra i due telai è soprattutto nell’impostazione generale, laddove la duel è un telai maneggevole, con tanto feeling, controllo e spin, che lascia al braccio l’onere della spinta definitiva, mentre la DR è un telaio ibrido, a metà strada tra una profilata e una classica, che riprende la morbidezza di una classica, con buon feeling, aggiungendo la tolleranza e la facilità di uscita di palla, con buone rotazioni, non esagerate, e bel controllo di palla, ma anche un discreto peso palla.

    • Se è una questione fisica, allora le corde c’entrano poco e bisogna intervenire con qualche grammo al mmanico, per dare più maneggevolezza. Devo dire, però, che la SV 100 è tutto fuorché poco maneggevole. Da quanto la utilizzi?

  9. Ciao Fabio, continuo a giocare con soddisfazione con la SV98, un pò meno con la SV100 solo per la difficoltà di anticipare con colpi piatti, forse per l’impostazione classica del mio gioco. Rimango quindi determinato a trovare un telaio da battaglia da accostare alla SV98 ma con il feeling giusto, mi chiedevo questa DG 100 e la PK Q+300 cosa hanno in comune? e la TFight 300 c’entra qualcosa nella categoria?

    Grazie

    • Buonasera, beh diciamo che la SV 98 ha un livello di potenza piuttosto alto per la categoria e difficilmente si trovano telai che spingono tanto in 305 grammi. Detto ciò, Duel G 100 e Q+ Tour fanno un ottimo lavoro di feeling e maneggevolezza, sicuramente superiori rispetto a quanto offra la SV, che resta un telaio maneggevole. Anche questi due telai sono agonistic, ma battono soprattutto sulla giocabilità e sull’immediateza. Lo stesso lavoro lo fa la Tfight 300, che, però, aggiunge una presa di spin molto buona, anzi ottima, insieme ad una costruzione tubolare che aiuta a spingere bene quando si è in difficoltà. Tutti telai validissimi, entra molto il gusto personale nella scelta.

  10. Ciao Fabio e buone feste a Te e a tutti i Tuoi lettori. Sto giocando con la Duel G 100 ormai da diverse ore e direi di avere trovato anche il giusto compromesso con il bilanciamento, come corde sto valutando Fire e Poly tour pro, tensione 21×21, la domanda è: non avendo problemi al braccio e di rottura corde, potrei usare le calibro 1,20 per aver maggior uscita di palla?

  11. Ciao Fabio, Buon 2017 e complimenti vivissimi per la tua utilissima opera di test/recensione
    Quesiti : 1) ho riesumato una babolat APD (FR=67; SW=324; w =320 g) su cui ho montato Wilson sensation control (cal 1.30)a 22kg: scelta plausibile o le Wilson revolve da 1.25 andrebbero meglio (tensione ?)
    2) Yonex VCORE Duel G 100 e’ paragonabile in termini di potenza/controllo e gestibilta’ ?
    Grazie in anticipo per la risposta

    • Ciao, buon anno anche a te.
      Diciamo che hai riesumato una bella racchetta, una delle più riuscite di Babolat, niente male. Però la Sensation non c’entra davvero nulla con quel telaio, perché ne ammazza le doti di spin e di robustezza di palla. Molto meglio le Wilson Revolve, che sposano bene la filosofia del telaio. Montale a 21 kg costanti, anche 22 al massimo, e vedrai che il telaio renderà decisamente meglio.
      Quanto alla VCore Duel G 100, è un telaio classico, molto differente dalla APD, perchè richiede più spinta dal braccio per essere definitivo, ma offre anche molto più feeling con la palla e più controllo sui colpi piatti, insieme alla maneggevolezza superiore. Chiaramente è un telaio più gestibile fisicamente, ma più impegnativo tecnicamente. Il confornto, al massimo, potremmo farlo tra SV 100 e APD, che sono telai della stessa categoria, con la stessa filosofia di spinta, Spin e potenza facile. La SV ha un’inerzia minore, quindi è più facile da muovere, ma recupera potenza dalla struttura, quindi spinge sempre bene.

  12. Ciao, attualmente gioco con una Juice 100, ma vorrei cambiare perché sono in cerca di stimoli nuovi. Vorrei una racchetta “più cattiva”, ma tra le wilson non è scattato quel feeling sufficiente a farmi abbandonare la mia Juice. Ho provato per pochi scambi la duel g 100 e la SV 100 ma sono molto indecisa (tra l’altro quest’ultima con incordatura sbagliata). Cosa mi consiglieresti? Grazie mille

    • Ciao e Benvenuta nel Blog. Tra le due Yonex, per una maggiore cattiveria e soddisfazione nella spinta, ti consiglierei la SV100, perchè la Duel G è una racchetta da controllo, feeling e spin, ma occorre spingere con il proprio braccio. Nonostante i 300 grammi, è una agonistica vera. La SV è davvero potente e cattiva, giocabile, con un bel feeling pulito e uno spin impressionante. Una racchetta anche divertente, che dà molta soddisfazione. Per cuoriosità, e per darti anche altre soluzoni, che racchetta hai provato in Wilson che non ti è piaciuta? E in cosa non ti è piaciuta?

      • Ciao e grazie della risposta. Ho provato la Ultra 100 sperando di trovare una valida alternativa alla Juice e magari con qualche miglioramento ed evoluzione visto che la Juice è fuori produzione, ma non è riuscita a conquistarmi… mi è sembrata leggerina, quasi un “giocattolino” in confronto alla solidità che sento con la Juice. Potrebbe però essere dipeso dalle corde… non so. Grazie ancora

          • Bravo, non bravi, qui dentro sono da solo a far tutto, dai test alle recensioni, alle risposte agli appassionati. Mi chiamo Fabio, la mia missione è trovare la racchetta giusta per ogni braccio, qualunque sia la necessità, divertimento o competizioni a livello professionale. Dedico lo stesso tempo e impegno ai professionisti e semiprofessionisti come agli appassionati. Nulla mi soddisfa di più di quando qualcuno mi dice “mi trovo benissimo adesso” 😉

        • Beh, visto che il livello di inerzia è molto simile, come anche il bilanciamento, penso che sia proprio il tipo di struttura del telaio che non ti piaccia e, sicuramente, la SV100 ricorda di più la Juice, ma con ben altro feeling e controllo, anche con più solidità. Penso proprio che dovresti dare una chance a questo telaio.

          • 😃 avrò la SV in test per 2 gg. Poi ti saprò dire. Dopo di che dovremo decidere perchè ricomincia la stagione dei tornei. Grazie Fabio per la tua missione 😉

          • Ti piacerà la SV, ha gli attributi e il feeling adeguato. Bene, avevo inteso che ti servisse per vincere, ecco perché ti ho consigliato un telaio da prestazione. Aggiornami e fammi sapere con che corda la proverai.

  13. Allora, eccomi a rapporto! Vengo da un lungo we con la SV 100 e…che dire? Va sempre meglio. Rispetto alla prima uscita non c’è paragone… segno che sicuramente le corde erano tirate troppo, mi dicono addirittura a 25. A proposito sono delle Dynawire. Il feeling c’è, devo solo trovare l’assetto ideale. Passando al mio tipo di gioco che, a prescindere dalla racchetta, rimane il punto fermo, mi piace tirare forte (alle volte esagero, infatti sono un pò fallosa), non sono una grande arrotatrice ma un pò di spin mi dà soddisfazione. Il dritto che cercavo con la Juice che voleva essere piatto ma con un’impugnatura piuttosto aperta non usciva come invece vuaggia con la SV, e il servizio che, come gran parte delle donzelle, non è il mio colpo “migliore” con la SV mi pare una bomba. Devo ancora ritrovare il mio rovescio a due mani, il mio colpo, che con la Juice andava solo, mentre con la SV non è così immediato.

    Per quanto riguarda la posizione in campo mi piace molto la rete ma scendo difficilmente, ancora non mi entra in testa… Mi sembra però che la SV risponda con molta sensibilità, riesce anche bene di tocco. Forse mi potrà incoraggiare a scendere più spesso, sfruttando soprattutto la profondità dell’attacco.
    Rimane ancora il dubbio di quale possa essere più adatta alle mie caratteristiche fra SV e DUEL G per ottenere il massimo di competitività e di carattere agonista. Mi consiglieresti anche l’assetto migliore, corde, ecc.? Grazie grazie

    • Se la Sv ti ha soddisfatto, allora lascia stare la Duel, perchè, come ti dicevo, è un telaio più agonistico, più esigente in spinta, che aiuta chi vuole soprattutto controllo, feeling e spin progressivo. La Sv ha un altro grado di semplicità e di immediatezza, che ne fa un telaio più propenso ad aiutare in campo. Per ciò che riguarda il setup, beh la Dynawire è una signora corda, una multifilo con una fibra metallica all’interno, che aumenta la consistenza all’impatto. Una corda dal bel feeling e dal buon controllo, ma anche bella spinta. Se ti piace la corda, tienila, perchè è davvero valida. Però, come tensione, direi di stare massimo a 23 kg, per tenere un po’ di comfort e spinta gratuita. Inoltre, su questo genere, puoi provare tecnifibre HDX Tour 1.25 e String Kong Bonobo, la più economica del lotto, ma sempre validissima. Se per cas, invece, volessi incentivare lo spin, puoi optare per un ibrido Poly Tour Air, yonex, e Tour 850, sempre yonex, ad una tensione, per cominciare, di 22/23.

    • Ciao, diciamo che è un ibrido non di altissimo rango, ma può andare bene su un telaio che vuole una corda potente. Di solito consiglio le Poly tour Fire sulla Duel 100 e, in ibrido, le Fire con Tour 850, soluzione che spinge forte e aiuta la racchetta a dare consistenza. Ad ogni modo, la velocity la terrei, ma penserei ad un altro mono più performante, anche sagomato.

  14. Ciao Fabio grazie, la fire 1.20 l ho provata in full e non mi è piaciuta. Vorrei trovare un ibrido in primis per non affaticare eccessivamente il braccio, con un mono abbastanza morbido e sagomato per un impatto abbastanza pastoso.
    Se sostituissi la sonic con la tourna hitter black 7 cosa ne pensi ?

    • Capito, purtroppo non conoscola Tourna Hitter, ma ti posso consigliare la Tecnifibre Black code 4S o la Stringlab Aauz, come ottimi sagomati da ibrido, ma che vanno bene anche in full, dando un po’ di potenza facile al telaio. La Hyper G richiede qualcosa in più dal braccio, quindi, starei sulle due citate su.

          • Grazie Fabio, come avrai capito sono alla ricerca del miglior set up per questa nuova racchetta. Considerato che preferisco le sagomate cosa mi consiglieresti di provare tra tour bite e tour bite soft calibro 1.20 oppure 1.15 per avere un piatto con buona giocabilita’ , potenza e confort visto che con hiper g 1.20 21/20 sembra mancare un po di potenza. Ora sto usando atg850 pro e solinco x-natural 24/23 per fastidio al braccio ma col multi non mi trovo.

          • Credo che con la Tour bite soft tu possa trovare un buon compromesso tra spinta e sensazione comncreta sulla palla, ma visto il Problema al braccio, considera un ibrido, tra tour bite soft e 850,stando sempre a tensione bassa per le Bite, massimo 22 kg, con il multi a 23.

  15. Ciao , complimenti per le recensioni che sono un punto fermo di riferimento.
    Stavo pensando alla duel 100 per sostituire una Steam 99 dalla quale fatico a staccarmi. Ho 50 anni, 3.5 e un tennis abbastanza classico anche mi serve una racchetta che mi aiuti a dare Spin al diritto che non é molto naturale. Pensi che la duel 100 possa essere la soluzione o dovrei guardare racchette più facili visto al ‘eta e , nel caso, quali?

    • Ciao Mario, benvenuto nel blog. Potresti andare sulla Duel G 100, non è così difficile, anzi. Però è un telaio che fa rinunciare ad un po’ di potenza, per avere tanto spin e controllo. Con il tuo gioco piatto, però, troveresti una buona spinta frontale. La Duel 100 è uno dei telai più furbi in circolazione, perché non è un cannone, ma si lascia muovere molto velocemente, offre feeling e controllo e fa giocare molto bene. Se cerchi anche potenza, però, ti consiglio di valutare anche la SV 100.

  16. grazie per la consulenza. ho gia’ provato la SV100 ma la trovo con scarsa sensibilita’ e visto che uso back di rovescio e tante smorzate pensavo che la G Duel 100 fosse più indicata. oppure la Blade 104 cosa ne pensi ? o quale altra? saranno meglio della mia Steam 99?

    • Capisco. La Duel merita sicuramente una prova e, come detto, se sai spingere, è un ottimo telaio, anche dal grande back e rotazioni copiose. La balde 104 è un telaio molto interessante, potrebbe fare al caso tuo, ma sicuramente è meno cattiva nell’impostazione generale. Wilson dovrebbe porporla, un po’ come ha fatto con la Serena Autograph, in un peso più sostenuto, avrebbe più appetibilità.

  17. Ciao, davvero complimenti per il Blog. Volevo un consiglio: da oltre due mesi gioco con la Duel G 100 con Poly Tour Pro 1,25 tirate a 22/20, vengo da una wilson Burn FST 99S, e la racchetta mi piace davvero, maggiore feeling e controllo. Volevo provare le Fire che, da quello che ho letto, forse sono più adatte alla Duel 100. Quali sono le differenze principali tra le due corde anche in termini di durata? quale tensione consigli per le Pro e per le Fire? Ho ancora metà matassa delle luxilon element 1,25, come le vedi sulla Duel 100?

    • Ciao e Benvenuto nel Blog!
      Le poly tour pro sono corde da controllo e hanno una potenza nella norma, ma anche un bel feeling pieno, le Fire, invece, sono un mono capace di tanta potenza e di rotazione molto buona, proprio per questo sono tra le migliori corde sulla Duel G 100, proprio per incentivare la potenza e la pesantezza di palla. Come tensione, non utilizzerei la differenziazione di 2 kg, non serve su un telaio che è già capace di spin. Al massimo differenzierei di un kg e non di più. Come tensione, con la fire, puoi restare su 22/21, oppure 21/21, per avere ancora più aiuto in spinta dalla corda. Per ciò che riguarda le Element, sono un ritrovato utile per chi vuole un multi più solido, ma non sono moride come un multi e nemmeno solide come un mono. Per me, sono rimandate.

  18. Grazie per la risposta, lascerò le element nel cassetto.
    Sono un under 16 (tra 4.1 e 3.5), gioco 4 volte a settimana per 2 ore e mezza, rovescio a una mano e dritto con apertura ampia, mi piace sia il top che la botta di piatto, direi più tecnico che fisico, sono molto intrigato dalla duel G 97, ho letto la tua recensione e ne parli benissimo, pensi che possa andare bene per me?
    Al di là della differenza di peso e piatto corde, quali sono le differenze principali a livello di gioco, spinta, feeling, prestazioni?

    • Ti consiglierei più una SV 98, perché spinge in maniera più facile ed è la sintesi dei due telai. La Duel G è un telaio molto classico, con il quale bisogna sempre spingere, altrimenti la potenza fa effetto on-off, come per tutte le classiche di livello. La duel, poi, ha uno dei migliori feeling in circolazione, con grandissimo controllo e bella resa dello spin, ma ti impegna di più fisicamente e due ore e mezza la sentiresti. La SV 98 spinge in maniera più facile e redditizia per un utente abbastanza allenato e per questo è da preferire 😉

    • Si, le Fire lavorano bene a questa tensione e coincidono con la tipologia bdi racchetta. Come ibrido, se vuoi mantenere un alto livello di spin, puoi montare le Poly Tour Spin accompagnate da Dynawire o tour 850, sempre Yonex. Le Dynawire spingono di più e hanno una sensazione più solida, mentre le 850 sono un multi più confortevole. Come tensione, in ibrido, parti da 22 per mono e 23 per il multi.

Lascia un commento