Wilson Pro Staff 97S 2017

In campo fa sfoggio della sua completezza e della sua filosofia agonistica, in tutto e per tutto. La Pro Staff 97S è il telaio che più merita di indossare il nome Pro Staff, perché il feeling è quello delle antenate, sensibile e rocciosa, corposa all’impatto e davvero comunicativa. Offre un contatto diretto con la palla, una sensazione intensa di impatto che si traduce in fiducia e controllo su tutti i colpi, ma è anche potente e la struttura è discretamente tollerante, per essere un telaio agonistico da 97 pollici, con 18 corde verticali. La potenza è di quelle da “attivare” con il braccio, bisogna spingere e giocare con swing ampio, ma meno rispetto al modello precedente e alla attuale RF97, che resta il riferimento agonistico della linea, ma che, tecnicamente, è alla pari con la 97S. Il nuovo bilanciamento consente uno swing più veloce, meno faticoso e la testa della racchetta è decisamente più composta e controllabile, ma non perde nulla in pesantezza di palla, perchè c’è una polarizzazione superiore che ha due risvolti: il telaio flette di più, nonostante sia più rigido sulla carta, e c’è un effetto catapulta più sostanzioso, che si traduce in potenza e spin superiori in assoluto. Un plauso va fatto a Wilson per lo sviluppo di un pattern 18×17 che consente di scendere molto con la tensione, senza perdere controllo, e che lascia sfruttare tanto snap-back che si tradice in spinta e rotazioni inusuali per uno schema dalle 18 verticali. C’è molta tecnologia nel telaio e, già quando testai la Steam 99S, aspettavo e pregustavo il momento che il Sistema Spin Effect avrebbe fatto capolino su telai classici iper-agonistici. Il precedente modello della Pro Staff 97S era già una soluzione efficace, ma era solo il primo step dello sviluppo del prodotto, che si configurava come ostico, difficile, tecnicamente e fisicamente, ma oggi, con la rivisitazione del telaio, apre ad una più ampia fascia di agonisti, con minore richiesta di fisico.

37 Commenti su Wilson Pro Staff 97S 2017

  1. Ciao Fabio e complimenti per la tua recensione sia scritta che video….a chi consiglieresti questa racchetta, ovvero io che sono uno scarso e che gioco con una PD tour come mi potrei trovare con la 97s, migliorerebbe un po il mio tennis? grazie

    • Ciao Massimiliano, il problema non sta nel peso o nell’inerzia, ma nella tipologia di telaio, che è tecnico e richiede molto tennis in più rispetto ad una Pure drive, che sia 300 o 315. Meno tollerante, chiaramente, e più forza richiesta. Dipende molto dal tuo tennis,ma , in generale, con la 97S c’è bisogno di un completezza tecnica e forza fisica adeguata. Tocca fare un po’ di autocritica e capire, perchè è una iperagonistica classica.

    • Beh, considera che monti un ibrido più verso il mono, visto che la element è un multi-mono, per quanto elastico. Con ibrido tradizionale avresti un livello alto di spin e una spinta più facile, soprattutto se andassi su multi consistenti come X-One o NXT. Su questo telaio consiglio soprattutto 4G soft/NXT, a tensione medio-bassa, come 20-21 o 21-22, sempre con un kg in più per il multi. Le stesse corde, in reverse, ti darebbero più tolleranza e sensibilità, insieme ad una uscita di palla più facile.

    • È innegabile che con l’ibrido ci si facilita la vita è la palla scorre meglio, senza perdere spin, soprattutto con 4G soft/NXT Power. Ma anche il mono, come revolve, lavora bene sul telaio, perché il piatto è abbastanza morbido e consente il mono a tensione medio-bassa, 20-21 kg, senza irrigidire eccessivamente. Per uso agonistico da pestatore puro 4G soft va alla grande, ma è faticoso. Meglio ibrido, perché puoi scorrere meglio col braccio e forzare meno.

  2. Alcuni pareri che ho raccolto in giro affermano che questa nuova 97s è la racchetta adatta a chi ama giocare con la Pro Staff 95 ma desidera maggiore potenza. Anche tu concordi?
    Al di là dell’inerzia maggiore, trovi che le sensazioni al braccio siano simili? Personalmente mi preoccupa che abbia un valore RA più elevato ma sappiamo che non dice abbastanza sulla morbidezza e flessibilità complessiva del telaio.
    Io penso di giocare bene con la 95 anche perché è un burro ed aiuta a trattenere la palla sulle corde; questa è diversa?

    • il telaio flette in maniera molto simile e trasferisce una sensazione di trazione sulla palla, esattamente come la 95. Ovviamente, l’inerzia più elevata si traduce in magiore spinta, ma molta di più, e in maggiore stabilità all’impatto. Perciò, direi di si, può sostituirla, a patto di mettere in bilancio una maggiore faticosità, ma non ai livelli del precedente modello.

    • In realtà il bilanciamento non si avverte, non sembra affatto così avanzato, conservando sempre una buona dose di manovrabilità, sicuramente inferiore rispetto alla 95, che, però, è abbastanza “vuota” di massa. Ci hanno lavorato molto e il telaio fila comunqune bene, anche considerando che la PS95, nonostante inerzia bassa e bilanciamento arretrato, era un po’ ingombrante in movimento, anche a causa dell’ingombro del cuore.

    • Come giocabilità siamo alla pari, ma la Pro Staff 97S chiede qualcosa in più dal fisici, non molto, ma comunque di più. Come tolleranza e tecnica si equivalgono, ma la Wilson genera palla più pesante. Anche il feeling è diverso, morbido per la Donnay, più diretto e roccioso per la 97S. Tra le due non ho una preferita, entrambe sono al top e non hanno difetti veri.

  3. Ciao Fabio,

    innanzitutto complimenti per le recensioni: ho visto per la prima volta il sito pochi gg fa e devo dire che finalmente vedo delle recensioni complete e fatte da una persona appassionata e competente.
    Ciò detto, ti scrivo per chiederti un tuo parere: da sei anni gioco con le Pro Staff 90 (accordate con Alu Power @ 25 kg) con cui mi trovo benissimo e ne apprezzo il controllo e la precisione.
    Giocando molto purtroppo anche le ultime stanno per andare alla fine per cui pensavo di sostituirle con qualcosa di simile, magari un pò più potente.
    Se inizialmente ero orientato alla PS RF97 o alla V-Core Duel G 330 HG, leggendo e vedendo le tue recensioni mi ha colpito positivamente anche la PS 97S, che tu dici essere la racchetta che più si avvicina alle vecchie Pro Staff in termini di feeling.
    Volendo quindi anche considerare quest’ultima, innanzitutto me la consiglieresti? Se sì solo l’ultima versione o anche la precedente (la prima PS 97S), dato che adesso si trova in prezzi veramente da saldo? Se non ho capito male dici che la vecchia è un pelo più impegnativa in termini fisici a causa del bilanciamento più spostato verso la testa, però in pratica cosa cambia tra le due in termini di sensazioni di gioco e controllo, potenza e precisione? Rispetto alla mia PS 90 perderei molto come controllo e precisione? Infine rispetto alla V-Core Duel G 330 HG cosa cambia in termini pratici di gioco?
    Scusa se mi son dilungato un po’ e se ho fatto molte domande e grazie mille per la tua disponibilità!

    • Ciao e benvenuto nel blog. Ti ringrazio molto anche per i complimenti. Le due pro staff 97s sono abbastanza differenti perché la precedente era molto impegnativa e richiedeva più spinta, la nuova offre più potenza e più facilmente, non solo per la maggiore reattività, ma anche per la maggiore maneggevolezza. Per ciò che riguarda, invece, la Yonex duel G 330, posso dirti che è un telaio dalla pesantezza di palla incredibile, che offre spin e precisione, ma che richiede braccio potente per attivare la spinta, esattamente come per la RF97. In termini di precisione, tutti i telai che hai citato sono al top del mercato, ma il feeling più vicino alle tue PS90 sicuramente è quello delle 97S, vuoi per il profilo o per il tipo di costruzione. Se pensi che il peso sia esiguo, ti ricordo che bilanciamento e inerzia ne fanno un telaio più pesante di quanto dicano i numeri.

  4. Ciao Fabio innanzitutto complimenti x le recensioni! Leggendo di questa 97s mi sta venendo voglia di provarla.. Io gioco con una blade 16/19 2015 con grip in cuoio ( per arretrare un po’ il bilanciamento) e hyper g 1.20 a 22 con la quale mi trovo bene .. Potrebbe esser un buon cambio? In cosa è meglio e in cosa è peggio (volevo testare anche la nuova blade e la nuova 97 315grazie)? Il dubbio principale è sulla manovrabilità. Grazie mille in anticipo

    • Ciao Gabriele, la 97S èun telaio più agonistico della blade 98 e offre una maggiore pesantezza di palla e più spin naturale ed immediato. Guadagneresti in complessità di palla e in controllo, con una sensazione meno secca sul colpo. Se ti senti di poter gestire un peso superiore rispetto a Blade, provala perché la dinamica, nonostante il bilanciamento, è molto classica.

  5. Complimenti davvero…sito stupendo!!! Mi sa che però manca la recensione della pro staff ls 2017, ma tanto ormai l’ho comprata…anche se, pur trovandomi bene, capisco ora leggendovi di aver commesso un errore. Vedendo altre vostre reviews forse una Donnay Pro One 102 sarebbe stata meglio.

    ps. ho 35 anni, gioco da poco piu di due…3-4 ore alla settimana e ho preso qualche lezione solo nell’estate del ’97…il dritto lo faccio con impugnatura eastern illudendomi di riuscire comunque a metterci dello spin…un negoziante mi ha fregato un anno e mezzo fa vendendomi una Head Radical MP (2015) con copritesta radical pro player cap con la quale non riuscivo a fare un dritto neanche di fortuna.

    • Ciao e benvenuto nel blog, grazie per i complimenti.
      La LS ancora non ho avuto modo di testarla e non mi pronuncio bfinobad allora. In generale è un telaio più facile delle normali 97, ideato proprio per far giocare bene a tennis con l’alternativa dello spin abbondante e facile. La donnay Pro One 102 è un telaio ottimo, che offre feeling e precisione in un attrezzo non troppo esigente fisicamente, ma che richiede comunque un po’ di tecnica. Ha una serie di peculiarità notevoli, ma soprattutto è facile da muovere e tollerante, oltre che molto stabile. In pratica è un telaio classico, con piatto appena più grande, proprio per trovare il favore dell’appassionato che cerca un telaio sottile, ma non difficile. Puoi pensarci e fare una prova, per come descrivi il tuo gioco, potresti trovare un bel compromesso.

  6. Ciao Fabio finalmente ho testato la 97s e la nuova blade 16x19cv. Avrei bisogno di un tuo consiglio. Allora con la blade in un primo momento mi sono trovato molto bene, morbida leggera e molto manovrabile ma poi mi sono reso conto che è, a mio parere, meno definitiva della versione 2015 con cui gioco. Con la 97s invece all’inizio l’istinto era restituirla al mittente… poi mi sono imposto di testarla per una partita e col passare del tempo è scattata la scintilla…palla pesante molto più complicata per l’avversario, precisa e servizio molto efficiente. L’unica pecca a mio avviso è la manovrabilità visto il peso in testa accentuato e il peso di base superiore (mi ci sto pian piano abituando). Però nel complesso secondo me superiore alla blade. Quindi ero bello puntato a fare il passaggio a pro staff…Ora però dopo aver letto la tua recensione della 97 315gr mi viene il dubbio che sia più giocabile e anche più definitiva rispetto alla “s”… help!!!

    • Ciao Gabriele, è esattamente così, la Pro Staff 97 è decisamente più giocabile rispetto alla S e alla Blade, che richiede più attenzione in campo. Penso che tu debba dare una chance alla 97, perché il nuovo modello è davvero intrigante ed ha quella personalità che mancava nel precedente. Certo, la palla non può pesare come nella S, ma si muove molto più semplicemente e si comanda benissimo, sempre con una risposta viva e potente. Mettiamola cos’: libera il braccio e lascia fare gioco.

      • Grazie mille X la risposta Fabio!! Ne approfitto per altre due domande… essendo il bilanciamento tanto più arretrato rispetto a quello che son abituato con la blade (e questo mi aiuterebbe) andrei a perdere qualcosa in termini di potenza sul servizio piatto o siamo a livelli simili? ( con la 97s uscivano fucilate 🙂 Altra info X le corde… visto che ho la matassa di hyper g 1.20 vanno bene anche sulla 97? Se si a che tensione grazie mille in anticipo !!!

Lascia un commento