Wilson Pro Staff 97L Countervail

Insieme all’aggiornamento della Pro Staff 97 Countervail, Wilson ha introdotto un telaio che si è fatto attendere per troppo tempo, Pro Staff 97L Countervail, la versione facile delle Pro Staff, che finalmente sostituisce in maniera degna la appprezzatissime Six One 95 L e Team del passato. L’obiettivo della “L”? Semplice, fornire una sensazione da Pro Staff, ma con contenuti adatti al grande pubblico, senza tralasciare prestazione ed eleganza. In parte ci era riuscita anche la Pro Staff 97LS, ma la nuova L CV ha una marcia in più, anzi due.

Headsize 97 inch2
Peso 290 g
Schema corde 16×19
Bilanciamento 325 mm
Swingweight (incordata) 315 kgcmq
Rigidità 69 RA
Profilo 23 mm
Lunghezza 68.6 cm

L’estetica della nuova Pro Staff 97L Countervail è gemella rispetto alla Pro staff 97, praticamente identica nei colori e nelle scelte di finitura, derivante, a sua volta, dal’getto del desiderio di tantissimi appassionati, la RF97 Autograph. Il telaio è dominato dal nero, con pochissimi fronzoli estetici, ma comunque con dei tocchi di classe come la vernice rubber (gommata) e lo stacco del fascione centrale in nero lucido. Il lucido è adoperato anche per la serigrafia “Wilson” su uno degli steli, mentre il resto degli elementi estetici è tutto realizzato con un grigio medio, scelta che nasconde i particolati per una estetica molto pulita e razionale, ma dal piglio serio ed agonistico. La chicca, poi, è l’incisione a laser “Pro Staff” sul secondo stelo, che riprende un particolare molto apprezzato della versione standard e della Linea Pro Staff in generale. All’interno degli steli, insieme alla stampa Coutervail in rosso fluo, come il simbolo all’attacco al manico, fa capolino il faccione di Federer in nero/grigio. La forma della racchetta, il cosiddetto mold, è differente rispetto alle sorelle più pesanti, non tanto nella sezione frontale, praticamente identica, ma nel prifilo laterale, che si presenta di 23 mm, ben nascosto dal nero dominante, che solo un occhio attento riconosce a prima vista. Al manico, c’è il butt-cap dritto, nella nuova colorazione rossa e il tacco sensibilmente pronunciato, ma senza la bombatura accentuata come negli altri telai del marchio, mentre, sulla classica forma squadrata di Wilson, si conferma il Syntetic Grig, di colore nero, molto comodo nella presa, leggermente cedevole e sicuramente più accogliente del Sublime.

51 Commenti su Wilson Pro Staff 97L Countervail

  1. Ciao Fabio ne abbiamo già parlato su FB e abbiamo fatto il confronto con la Radical Graphene MP. Ma forse la racchetta che più gli si assomiglia è la T-Figth 300 DCS…anche per rigidità. Me lo confermi ? e forse quei 10 grammi (che non sono pochi) che le mancano per il confronto possono essere recuperati con un po di custom

    • In un certo senso, si, la T-fight è la più simile alla Pro Staff, almeno dal punto di vista dinamico, perché il feeling di un boxed bea, per quanto abbondante, è sicuramente diverso da un flat. Sicuramente la Pro Staff L è più rigida, ma la Tecnifibre impatta più secca e flette di meno. Giocabilità elavata per entrambe, da incordare a tensione bassa con mono e sfruttare la velocità di braccio per farla andare in maniera sostanziosa.

  2. Ciao Fabio, ottima recensione, come sempre !! Gioco con Ultra 100 ma sono incompiuto, affetto di racchettite, mi sono innamorato di questa Pro Staff, che dici tanto diversa dalla mia Ultra ?? Se po’ fa l’acquisto?!?!

    • Ciao, diciamo che Wilson ha voluto creare una Pro Staff adatta al quarta categoria, e penso proprio ci sia riuscita. Non è affatto difficile e spinge piuttosto facilmente, sempre con spin e controllo adeguati. Rispetto alla Ultra, avresti un po’ meno potenza massima, ma nettamente più feeling e controllo, senza avere massa eccessiva. Oltretutto, da 290 puoi tranquillamente cucirtela addosso, se sei avvezzo al custom. Personalmente, la prenderei, mtterei il cuoio e la terrei a 300 grammi precisi. Ma va già bene così com’è.

      • Rispetto alla Ultra intendi anche la 97? Si muove piu velocemente di quest’ultima? Con la 97 mi capita a volte di non aprire in tempo specie se la palla mi arriva un po pesante. Dici che con questa risolvo? Mettendo il grip in cuoio magari si avvicinerebbe di più alla ultra 97 o ancora siamo lontani? Grazie

        • Domanda da un milione di dollari…. più o meno facile di PD 2015? Mi spiego, sapendo che sicuramente perdo qualcosa in spinta guadagnando in controllo riesco a guadagnare qualcosa in termini di maneggevolezza senza perdere troppo la facilità specialmente in fase difensiva di PD? Considera che il mio livello è 4.3 foto e gioco prevalentemente piatto.. ciaoooo grazie!!!!

          • Bella domanda, acquisti sicuramente della sicurezza sui colpi, perché senti di più l’impatto, ed hai anche una maggiore connessione con il telaio, ma perdi sicuramente un po’ della spinta facile della Pure Drive. Non è una differenza drammatica, ma va considerata perché è effettiva. Entra in gioco, vista la parità di peso, la preferenza personale sul telaio, più da comandare o più da sfruttare nella sua gratuità.

        • Dipende, la Potenza gratuita di una profilata è sempre superiore in questa fascia di peso, ma una classica abbondante nel profilo, come la L,può dare più soddisfazioni di giocabilità. Per quanto riguarda la Ultra CV, attendi a recensione, è diversa dalla precedente.

  3. Ciao Fabio,
    ritengo che mettendo un grip in cuoio e qualche grammo ad h.3 ed h.9 possa diventare strepitosa..che ne dici?
    Reseterebbe molto maneggevole ma acquisirebbe più stabilità torsionale ed un pelo di spinta in più….
    hai già provato qualche custom su questo telaio?

    • Ciao, penso proprio di si. Oltre ad essere molto divertemente da stock, con una prestazione facile e intuitiva, è un’ottima base per creasi una pro staff da 300 o 305 grammi, praticamente il peso che manca nella linea. Il cuoio ci sta una meraviglia, partirei testandola così, a circa 300 grammi e bilanciata a 31.5.

  4. Ciao Fabio,
    che tensione consiglieresti per incordare la 97L con ibrido reverse budello + alu power rough? Pensi sia una buona soluzione o sarebbe sprecata? Per ora l’ho provata con Revolve 1.25 a 21 kg. Grazie

    • Ciao Max, se la Revolve a 21 kg non ti ha fatto faticare troppo, lascerei la stessa tensione per il mono, con il budello a 22 kg. Se, invece, con la Revolve hai notato troppo spinta facile, monterei BUdello/alu Rough a 23/22. In generale, con la Pro staff L bisogna satare bassi con la tensione, per due motivi principali: il primo è il telaio, anche se non sembra è rigido, sul braccio non lo senti, ma si secca il feeling; il secondo motivo è che, essendo la massa non proprio esagaerata, meglio tenersi la spinta gratuita delle corde a compensazione.

    • In realtà la 95L non faceva male in stabilità torsionale. La fisica non la puoi combattere, se hai un peso inferiore di 40 grammi rispetto alla SiX One 332, non puoi pretendere lo stesso risultato. Ad ogni modo, considerando rigidità e sezione più grossa, la PS97L fa decisamente meglio.

    • Il primo dato da considerare è la rigidità, 63 er Yonex contro i 69 della Wilson, che lasciano intendere iltipo di impatto e l’aiuto generale che le racchette forniscono in spinta. Tuttavia, la Ezone controllo, feeling e solidità da racchetta di peso superiore, con una maggiore propensione ad essere guidata dal braccio per spin. Di fatto, è una versione semplice della 305 grammi, con palla meno pesante e tante caratteristiche in comune. La Wilson ha una uscita di palla più facile, è meno tecnica ed ugualmente tollerante, ma è più velocene nello swing, con una maggiore facilità nel generare rotazioni e spinta facile, soprattutto a basso regime. Tra i telai sotto i 300 grammi, sono sicuramente le più efficaci e rispecchiano molto ciò che fanno le rispettive versioni “full size”. Sceglierei la Yonex per la sua solidità e il feeling preciso, mentre andrei sulla Wilson per la resa di spin e l’uscita di palla molto facile.

  5. Ciao Fabio, innanzitutto complimenti da un neoiscritto che segue però la pagina fin dagli esordi. Ti vorrei chiedere un paragone tra questa racchetta e la Q+Tour 300, due telai che mi tentano molto.
    Grazie in anticipo.

    • Ciao e benvenuto nel blog, apprezzo molto i tuoi complimenti.
      La Q+Tour 300 è una racchetta più severa rispetto alla Pro Staff 97L, più asciutta e compatta, ma anche più mobida e con una massa superiore. Entrambi i telai mantengono una dinamica tecnica, quindi il braccio deve girare fluido, ma sicuramente la 97L ha un livello di semplicità più alto e una richiesta di spinta inferiore. Tuttavia, la Kennex produce una palla indubbiamente più consistente, con rotazioni da comandare e attivare con il movimento, mentre la Pro Staff concede più potenza gratuita e rotazioni sempre molto presenti. Se la Kennex è una classica con bella capacità di Spin, la Pro Staff è di fatto quasi una ibrida, a metà tra una profilata e una classica, che lascia giocare anche in maniera meno attenta e precisa.

      • Capito, diciamo allora che da amatore (pur buono e che gioca con abbastanza regolarità) lascio la Q+Tour a chi saprebbe farne un uso migliore! Ti chiederei un confronto allora (forse più sensato) tra questa Wilson e la Ki Q+5 da 290 grammi.

        • Ecco, rientriamo nella stessa categoria, quella delle “classiche” sotto i 300 grammi. Le due racchette hanno molte similitudini di spinta facile e facilità di swing, condividono anche lo stesso livello di rigidità, con due differenze sostanziali di impostazione, il pattern e la sezione. La Wilson è più votata allo spin e alle variazioni di rotazioni, sia back che top, con un feelng abbastanza secco e diretto, mentre la Kennex ha più controllo e offre una traiettoria più tesa, più precisa, con un feelng più morbido ed ovattato. Penso sia una questione di stile tra le due, perché sono entrambi ottimi attrezzi, ma con una caratterizzazione molto differente nel gioco.

          • Mi attrae di più la Pro Kennex (nonostante il pattern, non avendo mai giocato con una 16×20) proprio per il tipo di feeling che descrivi e che preferisco e credo si adatti di più al mio gioco. Ho però un dubbio: mentre vedo che quasi consigli il custom con il manico di cuoio per la Wilson, mi pare che lo sconsigliassi, rispondendo a un commento, per la Pro Kennex. Ho capito bene? Devo dire che la possibilità di arrivare ai 300 grammi con un custom così immediato come il cambio di grip non mi dispiacerebbe…

          • Ha inteso bene, perché mettendo il cuoio alla kennex si andrebbe ad inibire lo spin naturale del telaio, per via del bilanciamento arretrato. Viste le proporzioni della Q+5, non senti la mancanza di peso. Nel caso in cui volessi portarla a 300 grammi, dovresti per forza pareggiare il bilanciamento verso la testa e avresti tutt’altro telaio, con ben altra inerzia.

  6. Ciao Fabio,

    ho una coppia di 97L ed una di Burn 100 CV. Avrei tre domande.
    Ho sempre giocato con racchette 300gr x 100.
    É normale secondo te che riesca a giocare meglio con questa racchetta che con una racchetta più facile e permissiva, qual’è la Burn?
    Ho comprato due grip in pelle: il Wilson Premium Leather black e il Fairway per le 97L.
    Cosa dovrei aspettarmi di diverso, in senso positivo o negativo?
    Quale dei due grip dovrebbe calzarci meglio?

    Grazie!

    • Ciao, la spiegazione è molto semplice, il telaio scorre più facilmente per il minore peso e per il minore ingombro. Praticamente è tutto più compatto, tutto più veloce e liberi il braccio nella sua accelerazione.
      Montando il grip in cuoi, aumenta la sensazione di controllo della racchetta e il feeling con la palla, mentre dal punto di vista dinamico avresti un telaio meno puntato in avanti e ancora più semplice d swingare, perché arretri il bilanciamento. Di poco, ma aumenta anche l’inerzia.
      Per quanto riguarda il grip, considera che il Fairway è molto più elastico del Wilson, calza sicuramente meglio e si appoggia meglio sul tappo, ma anche il Leather Grip riesce a copiare bene le facce del manico. Piuttosto, se desideri un grip duro, scegli quello wilson, altrimenti il Fairway, che è anche più leggero, accoglie meglio la mano.

  7. Ciao.. domandone.. uso con soddisfazione una Tecnifibre Tflash 300, mod.2014 con 10gr sul tappo e 2+2gr a ore 3-9… ho acquistato anche una Prokennex Q5+ plus con la quale non riesco a giocare come con l’altra (la scelta è stata condizionata da una epicondilite).. Incordo con Starburn turbo 6 a 22/21.. questa Pro staff avrebbe qualcosa della Tflash o parliamo di mondi diversi? Vorrei una racchetta con cui spinnare di più ma mantenere un gioco vario, mi piace più il tocco e la discesa a rete che il bombardamento da fondo campo..

    • Ciao, sostanzialmente si, la 97L ha il pregio di essere, di fatto, un telaio molto meno selettivo delle altre Pro staff, accettando molto bene anche un gioco di spin pesante. Se guardi alle proporzioni, tra peso bilanciamento e sezione, è una racchetta che strizza l’occhio al comportamento delle profilate. Somiglia alla RF, ma è tutt’altra storia per versatilità e semplicità di gioco. Rispetto alle profilate, ha proprio quel tocco in più, dovuto al profilo squadrato e al piatto contenuto e compatto.

  8. Buonasera, sono un nuovo iscritto, complimeti per tutto ed ecco qua subito il domandone…..
    vengo da una pro staff 97ls con cui mi trovavo discretamente anche perche non sono un asso, percio forse tante cose non riesco nemmeno a sentirle…
    ho acquistato una pro staff 97 cv con la speranza di avere dei colpi piu potenti e trovare un po di precisione, cosi non è stato, aime , l’unica cosa che ho riscontrato è dolore al braccio e alla spalla… sara un peso troppo eccessivo per me?
    ho 44 anni ed ho riniziato a febbraio a giocare dopo svariati anni di fermo.
    cosa mi consigliate?

    • Ciao Gianni, benvenuto nel Blog.
      Sostanzialmente avrei evitato di complicarmi la vita con la Pro Staff 97, perché 20 grammi di differenza sono davvero tanti e 315 grammi, sulle racchette moderne, sono già tnatissimi per un appassionato non agonista.Penso che i dolori siano legati alla gestione macchinosa del telaio e, appena possibile, visto che ho capito che ti piace il genee Pro Staff, potesti pensare alla Pro Staff 97 L, decisamente più efficace rispetto alla LS. Inoltre, sarebbe interessante capire come è stato incordato il telaio, per evidenziare se vi siano altre cause per il dolore al braccio.

      • ciao, grazie mille per la puntigliosa risposta…
        sono incordate tutte e due con un monofilo e tiraggio a 20
        come ti ho gia detto ho anche la 97 ls, dici che la 97l e migliore?
        grazie mille

        • Penso che la 97L sia un punto di unione tra le due, con più controllo e solidità di impatto rispetto alla LS, ma sicuramente molto più giocabile della 97 315, che resta un gran telaio da avere per i momenti buoni, ma è sempre una vera Pro staff, che richiede spinta costante. Bene per il mono a 20 kg, ti consiglio soprattutto la Alu Power soft su questo telaio, perché ne asseconda le doti di spinta e rapidità di risposta.

  9. Grazie.. quindi per fare un discorso leggermente più allargato, tra questa (che visto il peso è facilmente customizzabile), la Ultra 100cv o la nuova ezone100 quale ti sentiresti di consigliarmi? come detto ieri mi piace mantenere un gioco vario, più di tocco e discesa a rete che il bombardamento da fondo campo. dritto in spin più che di piattone.. rovescio in spin che da bimane sto portando ad una (a due riesco solo a buttare di la la palla, ad una mi riesce con molta più naturalezza e con palla anche pesante). Con la Tflash riesco ad avere un buon controllo, ed anche in battuta riesco a fare quasi sempre quello che decide la testa. sono un amatore NC, spesso gioco anche in doppio amando particolarmente la rete..

    • Senza girarci intorno, la Ultra 100 CV, come avrai letto nella recensione, non mi ha dato grosse soddisfazioni per lo spin, quindi la eviterei. La Pro staff ti lascia giocare bene, praticamente su tutti i colpi, ma senza grossa pesantezza di palla. La Ezone tira molto forte e prende bene lo spin, con un bel feeling, probabilmente è la più simile alla T-Flash, ma con qualcosa in più per spin solidità di impatto.

  10. Sono molto incuriosito da questa racchetta.
    Da qualche me sto usando con soddisfazione la nuova pure drive,ma se trovassi qualcosa di piu preciso,senza perdere troppa potenza sarei felice.
    Sopratutto qualcosa adatto piu al mio rovescio ad una mano.
    Per esempio a me era piaciuta tantissimo la ultima blade 104,ma dal lato del rovescio la sentivo ingombrante.
    Avevo pensato anche alle 315,ma giocando 4-5 volte alla settimana,vari tornei e avendo 38 anni,non vorrei diventi troppo esigente fisicamente.
    Secondo te la 290 grami puo essere una buona opzione per i tornei per sostituire la PD o la differenza di peso di palla si farebbe notare tanto?
    Grazie

    • Bisogna fare una cosiderazione importante, ovvero che la Pure Drive è un riferimento per spinta, facilità e tolleranza. Sappiamo che non eccelle in nulla, ma fa tutto molto bene, specie nella versione 2018. Chiaramente, la Pro Staff la senti più racchetta, più compatta e più veloce da swingare, soprattutto quando sei in affanno, ma spinge meno della Pure Drive, non in maniera drammatica, ma comunque meno, vuoi per la minore massa, vuoi per il piatto e il profilo meno abbondanti. Se tendi a spingere tu con il braccio, allora la L può essere una degna sostituta, senza grossi rimpianti. Il pregio della Pro Staff L è quello di farti giocare bene, di farti muovere sempre bene il telaio e non ingombrare davvero mai. Si rivela efficace più per la completezza dei colpi che per la potenza e la cattiveria.

      • Grazie. La spinta non manca(tutt’altro) , soprattutto dal lato del dritto, sono 1.84 90 chili… Qualche difficoltà nella spinta dal lato del rovescio ad una mano, ma credo che con qualcosa di maneggevole potrei trarne vantaggio

          • Approfitto ancora dellaa disponibilità e della tua competenza
            Potresti fare un piccolo confronto tra ps 97l e la ultima blade 104?
            Oggi dopo vari mesi ho utilizzato la blade 104 ed ho ritrovato facilità e controllo, oltre divertimento. Certo la palla corre meno e fa meno male rispetto alla PD 2018, pero sbaglio molto meno e posso giocare piu sciolto …. In pratica sono entrato in confusione 🙂
            Settimana prossima dovrei provare la 97l e credo che la confusione potrebbe aumemtare.
            In cosa su somigliano e in cosa no le due Wilson?
            Grazie

          • La blade è sostanzialmente una classica con uno sweetspot molto grande, con, però, un ottimo controllo sui colpi piatti e una bella disponibilità a variare gioco. In generale, la Pro Staff offre più potenza gratuita, non tantissima, e una maggiore facilità di spin, ma è anche meno stabile della 104, che, per le sue misure, rappresenta una scelta di compromesso tra la facilità di swing e di impatto di una profilata, con il controllo della famiglia Blade. Probabilmente, la Pro Staff è più divertente e sensoriale, ma la Blade offre una completezza da non sottovalutare.

  11. Ciao Fabio,
    potresti suggerirmi un buon custom per portare la 97L a 300 g non incordata? Io ho provato con 6 grammi nel tappo + 2 a ore 12 e 1+1 a ore 10 e ore 2. Il risultato però non mi ha soddisfatto molto. Grazie

  12. Ciao Fabio, vorrei provare un’incordatura full budello sulla PS97L (senza custom). Ho a disposizione un budello Wilson 1.30: che tensione consiglieresti? Eventualmente sarebbe meglio un Babolat VS Touch 1.35? Grazie.

    • Ciao, va benissimo il budello wilson 130, montalo ad una tensione di 23 kg, per mantenere la potenza facile del telaio. 1.35 sarebbe davvero troppo, a meno che tu non voglia scendere molto di tensione. Inoltre, così spesso, il budello tende a intaccarsi più pesantemente.

Lascia un commento