Ridatemi le racchette!

JUN 1989: ANDRE AGASSI OF THE UNITED STATES PLAYS A FOREHAND SHOT DURING A MATCH AT THE 1989 FRENCH OPEN PLAYED AT ROLAND GARROS IN PARIS.

Voi lo sapete bene, oltre ad essere un tester, sono soprattutto un appassionato e le racchette sono i miei giocattoli preferiti. Tra il 2012 e il 2016 sono passate circa 800 racchette tra le mie mani, tra test, partite e allenamenti,  alcune mi hanno stregato e altre deluso. Ne ho avute e ne avrò ancora tante, ma ancora non riesco a digerire che alcune racchette, ancora oggi validissime e apprezzate, abbiano subito un pensionamento ingiusto e, secondo me, azzardato. Il mercato offre tantissimo, una soluzione alle proprie necessità la ti trova sempre, ma è importante fissare nella mente alcuni telai che, per un verso o per un altro, sono unici e hanno un significato troppo importante. Non andrò a scomodare mostri sacri, e più datati,  come la Pro Staff Original 6.0 St.Vincent, mi rivolgerò soprattutto alle racchette che,  da quattro anni a questa parte, sono sparite dal mercato, ad eccezione di una outsider sparita molto prima, nonostante il loro ottimo comportamento e l’appeal che hanno suscitato negli appassionati, ma anche tra i Pro. Ne citerò 10, ma la lista sarebbe molto più lunga. Oltre allo sfogo, perchè davvero non capisco perchè queste racchette siano state messe fuori dai listini, il mio intento è di riportarvi alla mente racchette ottime, che potreste acquistare nuove a pochissimi euro e che sanno dare fortissime sensazioni, oltre ad una resa in campo davvero unica.

  1. Prince Tour 100

Tour 100

 

Morbidissima, pastosa, piena  di feeling, tolleranza sui decentrati, spin abbondante e con qualche limite di spinta perdonabile, la Prince con i “buconi” ancora oggi è un telaio molto gettonato. 310 grammi di peso e un’inerzia contenuta l’hanno resa utilizzabile da molti appassionati, che l’hanno trasformata in un Best Seller assoluto di Prince. Tra i Pro l’hanno utilizzata in molti fino allo scorso anno, quando anche il testimonial più fedele, David Ferrer, dopo circa un decennio con in Prince, ha ceduto a Babolat. Inspiegabile come un telaio di questa caratura non sia più in listino e, anche se Prince sa fare belle racchette, probabilmente resta la migliore progettazione dopo le grandi Graphite Original.

28 Commenti su Ridatemi le racchette!

  1. Complimenti per il bellissimo articolo!
    Offri sempre spunti interessantissimi,grazie.
    Mi rimane la curiosità di sapere quali altri telai avresti aggiunto all’elenco…
    Potresti citarli?
    Un saluto, W il tennis!

    • Ce ne sarebbero molte altre, alcune delle quali sono varianti dei modelli citati nel”articolo, come la Six One L, la Steam 105, la Head Ig Radical Pro, la Prince Rebel 95, la Pro staff 90 e la 95, sempre senza andare indietro nel tempo, perchè altrimenti potremmo arrivare alle Graphite Mid 14×18, alla Precision Response e molte altre ancora.

  2. articolo molto bello, da grandi appassionati…a tal proposito volevo fare delle considerazioni/commenti
    d’accordissimo sulla prince tour 100, ho giocato con la serie precedente e sembrava di colpire palle depressurizzate tanto era morbida…l’equivalente sul mercato non potrebbe essere la dual silver o la dual gold visto il flex 55?
    e a proposito di donnay da quello che scrivi è in uscita quindi una pro one 107 dal profilo stretto con la tecnologia xenecore?

    • Sul mercato, di veramente morbido old style, sono rimaste pochissime racchette, tra cui le silver e le gold di Donnay, esatto, che, va detto, spingono in più rispetto alla Tour 100. specie la Gold. Per quanto riguarda la Donnay, si, si parla di un telaio in uscita nel 2017, che riprende la Pro One 107, ma con tecnologia Xenecore. Le probabili proporzioni sono 305 grammi, 315 mm di bilanciamento e 107 pollici di piatto, un 105 reale.

  3. ..a proposito di racchette datate un pò più di quelle dell’articolo, un bel pò direi, ho trovato due vecchie head, delle ultime serie buone,la radical os 107 liquidmetal (made in cz), la os 107 flexpoint e la instinct flexpoint – tutti e tre i telai sono nuovi, rimanenze di negozio e vorrei prenderne uno non tanto da collezionare ma per giocarci…sono tentato dall’oversize visto che sono un over 50 ma anche la instinct so che è interessante come allround tuttofare
    che mi consigli?

    • Stiamo parlando di vere Head, di racchette da feeling e controllo, che vanno tutte molto bene. Fossi in te prenderei la Istinct, che è ancora apprezzata. Fossi in me, prenderei la radical Liquidmetal, ma è un oversize da spingere 😉

  4. ..anche se non le ho mai provate direi che sono d’accordo…la liquidmetal os mi tenta essendo credo l’unico 107 giocabile insieme alla pog107 con un profilo umano anche se il flex 58 fa intuire poca spinta gratuita – per contro la instinct – una profilata sui generis senza le esagerazioni di quelle di oggi – la vedo più generosa da questo punto di vista senza mancare di feeling e forse renderebbe la vita sul campo più facile. Per entrambe il problema sarebbe trovarne una seconda nelle stesse condizioni

    • C’è ancora un mercato florido di questi telai e se ne trovano in buone condizioni, a volte addirittura nuove. Prova a contattare il negozio di Ceprano, Federici Sport, che ha una folta schiera di telai, soprattutto Head e Wilson, delle serie Liquidmetal, Flexpoint, K-factor etc.

  5. …della serie a volte ritornano..come pronosticato
    è già arrivata la nuova steam 99s in un paintjob completamente rivoluzionato…scommettiamo che arriva anche la 99 “normale” e la sixone??

    • Ogni volta che scrivo qualcosa su un telaio Wilson fuori catalogo, lo ripropongono! La grafica è molto più bella che in passato e il prezzo che vedo in giro è allettante, vediamo se l’azienda me le manda per i test, così verifico se c’è qualcosa di nuovo. Le Six One mi mancano molto, meritano una riedizione, magari in total black come le por staff.

  6. Ciao Fabio, visto che tra le tue 10 non le hai menzionate, parlando di Oversize come vedi la Prince Original Graphite Oversize 4 Stripes e la Head Radical Tour Zebra 107?

    • Ciao, ottime racchette quelle che proponi, ancora valide, ma con peso che non tutti saprebbero gestire. Avevo realizzato l’articolo, parlando di racchette uscite da poco dai cataloghi, altrimenti la lista avrebbe assolutamente contemplato le Graphite mid e oversize, senza dubbio!

      • Eh, si, la mia Zebra di cui sono appena venuto in possesso fa 360 grammi incordata con multifilo! Non ci ho ancora giocato ma a vuoto sembra muoversi bene e fa un fischio fantastico!
        La Graphite MID è la 14×18 con piatto 93? Ho provato a cercarla online ma non ne ho trovate in condizioni accettabili. Deve essere una bella bestia.

  7. ciao Fabio, quando parli di Prince Tour 100, ti riferisci alla Tour Pro 100? O solo Tour 100? Adoro le Prince POG oversize, danno delle sensazioni uniche nel colpire la palla secondo me, solidità, assenza di vibrazioni, potenza, precisione. Peccato che con il gioco attuale siano poco compatibili ormai, pesano sui 360 grammi (mi riferisco alle 1 stripe con grommets e bumper e successive 4 stripes). Mi consigli di provare questa Prince tour 100 (o Tour Pro)? Per alleggerire un po’ la racchetta e , forse avere delle sensazioni simili? O mi suggeriresti altri modelli di altre marche? grazie P.S. non sarebbe possibile aggiungere l’avviso di notifica risposta ai messaggi x email?

    • In realtà mi riferisco a tutta la serie Tour di Prince, tutte davvero interessanti. C’è da dire che non sono potentissime, tranne la tour Pro che offre più reattività, ma hanno un feeling pazzesco e un controllo elevato. Hanno anche un dwelltime molto lungo, che a qualcuno può non piacere. Tra tutte le tour 100, la Pro è quella con più prestazione e meno flessibilità, ma siamo sempre su valori di rigidità molto bassi.

      • ho trovato una tour pro 100 seminuova. che corde mi consiglieresti? asseconderesti le carattestiche del telaio o andresti per migliorare un po’ la potenza a scapito del resto? grazie

        • Tenderei a montare un mono che aggiunga sensazione di impatto più piena, così anche da valutare il telaio e decidere il da farsi. Evita i mono eccessivamente morbidi e lenti, occorre un po’ di vitalità. Su Prince, le luxilon ci stanno semprebene, ma la rendono agonistica e non poco, magari prova con una alu Power soft per iniziare. Nel caso fosse troppo per te, puoi tenere la alu in verticale e pensare ad un ibrido, ma inizia a portarla in campo e vediamo come ti trovi.

  8. Ciao Fabio,

    Ti avevo scritto in un argomento ma non riesco più a trovare più la tua risposta…me la puoi indicare in quale argomento si trova?

    Ti chiedevo un consiglio per incordare

    la Prince Tour 100 310 grammi 16×18

    Ho già provato molte corde tutte a 21 kg

    Hawk Touch 1,20 a 21/21

    Dyreex Black edge 1,25 21/21

    Yonex Tough 1,25 a 21/21

    Rpm Team 1,25 a 21/21

    ibrido Hawk touch 1,20 /Rpm Team 21/22

    Quella che mi e’ piaciuta di più e’ la RPM TEAM 1,25

    Ora volevo chiederti con le String Project Amour Soft 1,24 a che tensione?

    E che corde mi consiglieresti?

    • Le Armour Soft dovresti montarle alla stessa tensione, 21/21, visto che hanno una buona percentuale di elastomeri, 15% in più rispetto alla Armour regolare, ma che si comportano sempre come corde solide e sfruttabilissime a tensione medio-bassa, con neta preferenza del range 20-22 kg.

Lascia un commento