Pro Kennex Ki5 300 2018

Da fondocampo, il telaio spinge bene la palla, con una gittata abbastanza lunga e sempre piuttosto tesa. Le rotazioni, non sono quelle da controllo e rigore direzionale, si riesce a generare una buona palla complessa, ma sfruttabile più per i cambi di ritmo e di intensità che per un gioco da arrotini. In compenso, si può pestare forte e avere un telaio massiccio, capace anche di carezze per indirizzare la palla in maniera fluida. Forzando lo spin, la traiettoria si accorcia e viene meno il senso di una racchetta fatta per giocare in spinta frontale. La riserva di potenza aiuta a fare gioco anche da lontano, con colpi ampi, mentre la stabilità è presente e favorisce l’anticipo, frangente in cui la reattività aggiunge molta verve all’uscita di palla. Il controllo di palla è davvero molto buono, lo sweetspot abbastanza grande, bel oltre la media della concorrenza, merito del piattone da 100 pollici, che offre risposta omogenea su una bella porzione di corde. Perde qualcosa in semplicità di swing, restando su livelli comunque buoni, ma aggiunge prestazione e solidità dal fondo, per tirare forte, anche molto forte, e godendo di una risposta in potenza gratuita già a medio regime, cosa utilissima in difesa, dove si apprezza più la risposta viva che la manovrabilità.

Il back è basso e teso, si rialza molto poco dopo il rimbalzo ed ha una traiettoria lunga. Poco side-spin, ma lo si può ricercare forzando il taglio laterale. Tuttavia, il back teso è godibilissimo e lascia fare un gran lavoro di manovra in lunghezza e larghezza. Si lascia anche forzare, caricando il peso del corpo e riesce a scaricare molto peso sulla palla.

A rete è facile, si comporta molto bene sulle volée piatte, mentre i tagli vanno un po’ forzati ed accompagnati con il peso del corpo. Bene i tocchi di fino, grazie alla reattività del piatto corde. Lo smash ha suono e potenza molto appaganti, si presenta molto preciso, con una buona sensazione di impatto al volo.

Al servizio fa sfoggio di potenza sull’esecuzione piatta, già valida a 3/4 di potenza, e sempre piuttosto precisa, con una traiettoria bassa e filante. Bene anche lo Slice, sicuramente la soluzione più cattiva, perché la dinamica del telaio riesce a catturare bene lo spin laterale, lasciando partire la palla veloce e traferire rotazione alla palla. Il kick è meno prestante, la palla tende a rallentare con eccessivo spin dal basso. Consente di difendersi bene, ma il rimbalzo è poco energico ed è meglio sfruttarlo in altezza piuttosto che in pesantezza.

5 Commenti su Pro Kennex Ki5 300 2018

  1. Ciao Fabio… potresti fare un confronto tra questa ki 5 300 e la ki 10 305? In particolare quale si avvicina di più per prestazioni e caratteristiche tra le due ad una pure drive? Grazie mille in anticipo…

    • In buona sostanza, la Ki10 305 è nettamente più potente e richiedde qualcosa in più dal punto di vista fisico, avendo una minore maneggevolezza. Si tratta di un telaio che spinge forte e ha sostanza già a medio regime, gestendo bene anche le rotazioni accentuate ma non gli strappi. La ki 5 300, invece, premia soprattutto il controllo e l’anticipo sulla palla, con una potenza discreta, ma non esorbitante e una maneggevolezza migliore, che consente di swingare più facilmente. Tra le due, indubbiamente la Ki 10 ha più punti in comune con una Pure Drive, ma è anche vero che, per sue caratteristiche di peso e bilanciamento, somiglia più alla versione Tour che non a quella da 300 grammi.

  2. Ciao Fabio,
    a causa di problemi al gomito ho deciso di passare ad una PK. Sono indeciso tra la KI 5 300 e la KI 15 300. Ho provato di recente la Q5 315 di un amico, mi sono trovato bene ma forse è un po’ pesante per me. Sono un principiante e vorrei restare su una racchetta sui 300 gr.
    Grazie

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Se le sensazioni che hai trovato con la Q5 Pro ti sono sembrate buone, allora tra Ki 5 e ki 15, sicuramente la Ki5 è più simile, ma con un peso più umano. Andrei su questa, anche perché è un telaio tecnicamente educativo, meno facile della ki 15 300, che sarebbe, in effetti, più adatta ad un principiante, ma anche molto accomodante per la sua generosità di sweetspot.

Lascia un commento

Translate »