Pro Kennex Ki5 300 2018

 

In campo, il telaio si muove in maniera buona, ma non è leggerissima ed anzi mostra una certa sostanza, perché l’inerzia c’è. La testa della racchetta, però, è composta, non scappa e la Ki5 gode di una certa stabilità all’impatto, che è comunicativo, molto più delle versioni precedenti che risultavano anestetizzate dal Kinetic.  Il 16×20 può spaventare, ma è una scelta dettata dalla maggiore lunghezza del piatto, per coprire con la ventesima orizzontale lo spazio nella parte bassa dell’ovale e mantenere consistenza di impatto e di controllo. Il pattern lavora bene, la palla affonda abbastanza e tende ad uscire rapidamente dal piatto-corde, accompagnata da una bella potenza e anche da una certa pesantezza. Ed eccoci al reale cambiamento elaborato da kennex per la Ki 5. La rigidità portata a 70 punti Ra aggiunge una potenza che le Ki non hanno mai avuto. Pur essendo un telaio da 100 pollici, non offre la spinta di una profilata, ma, piuttosto, una propulsione simile a molte concorrenti più blasonate, nella stessa fascia di peso, pur non essendo un telaio rabbioso, anzi si tratta di una potenza “morbida”, docile e facilmente gestibile. Ki5 diventa una racchetta finalmente corposa, dalla spinta frontale molto buona, che non fa rimpiangere altre scelte e con una forza ben al di sopra della precedente ki 295, che soffriva troppo il confronto con altri telai, ma anche rispetto al modello 2016, il primo ad avere la nuova configurazione di rigidità, ma che aveva una minore inerzia. Kennex, stavolta, ha lavorato sulla massa aggiungendone altra sul piatto e portando il telaio sempre più vicino ai canoni esigenti del segmento 300-305. Certo, la versione 320 è un’altra cosa, ma pesa 20 grammi in più e, pur avendo una gestione dinamica impeccabile, è più tecnica e più faticosa. Oggi, quindi, la Ki5 spinge ed ha un coportamento decisamente più esuberante che le dona carattere e una certa cattiveria, che non guasta mai. A tutto ciò, va aggiunto un comfort impeccabile e va fatto un plauso a kennex per aver elaborato un telaio morbido all’impatto, potente e stabile allo stesso tempo, con un sistema Kinetic-Ionic appena avvertibile, più da fermo che in gioco. L’insieme di reattività, schema corde e uscita di palla rinvigorita, aiuta molto in campo e favoriscono molto anche i giocatori più avvezzi all’attacco, che necessitano di un telaio cattivo nelle esecuzioni, con anche un miglioramento in termini di spin, che, prima di questa versione, la ki 5 300 faceva desiderare un po’ troppo.

5 Commenti su Pro Kennex Ki5 300 2018

  1. Ciao Fabio… potresti fare un confronto tra questa ki 5 300 e la ki 10 305? In particolare quale si avvicina di più per prestazioni e caratteristiche tra le due ad una pure drive? Grazie mille in anticipo…

    • In buona sostanza, la Ki10 305 è nettamente più potente e richiedde qualcosa in più dal punto di vista fisico, avendo una minore maneggevolezza. Si tratta di un telaio che spinge forte e ha sostanza già a medio regime, gestendo bene anche le rotazioni accentuate ma non gli strappi. La ki 5 300, invece, premia soprattutto il controllo e l’anticipo sulla palla, con una potenza discreta, ma non esorbitante e una maneggevolezza migliore, che consente di swingare più facilmente. Tra le due, indubbiamente la Ki 10 ha più punti in comune con una Pure Drive, ma è anche vero che, per sue caratteristiche di peso e bilanciamento, somiglia più alla versione Tour che non a quella da 300 grammi.

  2. Ciao Fabio,
    a causa di problemi al gomito ho deciso di passare ad una PK. Sono indeciso tra la KI 5 300 e la KI 15 300. Ho provato di recente la Q5 315 di un amico, mi sono trovato bene ma forse è un po’ pesante per me. Sono un principiante e vorrei restare su una racchetta sui 300 gr.
    Grazie

    • Ciao e benvenuto nel Blog.
      Se le sensazioni che hai trovato con la Q5 Pro ti sono sembrate buone, allora tra Ki 5 e ki 15, sicuramente la Ki5 è più simile, ma con un peso più umano. Andrei su questa, anche perché è un telaio tecnicamente educativo, meno facile della ki 15 300, che sarebbe, in effetti, più adatta ad un principiante, ma anche molto accomodante per la sua generosità di sweetspot.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »