Prince Phantom Pro 100P

Dal fondo offre un mix interessante di tolleranza, di precisione e di feeling. La potenza è buona e si riesce a generare una palla di una certa consistenza, grazie alle rotazioni molto pronte che consentono di immettere notevole complessità, da sfruttare a piacimento, ma con esperienza e decisione. Il pattern grippa bene e crea controllo e sensazione cui colpi, creando una situazione di padronanza dei colpi notevole. Non stupisce per potenza massima, piuttosto lo fa per completezza, che sia in attacco o in difesa, perché i colpi escono molto facilmente da piatto quando si swinga fluido e si sfrutta il controbalzo. Non delude nemmeno sulla sbracciata, dove diventa più faticosa, ma si lascia maltrattare anche pesantemente con la spinta, rispondendo sempre morbida e comunicativa. Ciò che non gradisce è la poca decisione, perché il piatto grande e il pattern compatto e sospeso impongono sempre di finire il movimento e di accompagnare l’uscita di palla dal piatto. La scelta del pattern incentiva molto l’uscita di palla e aiuta a creare una maggiore superficie di contatto tra palla e corda, lasciando più margine al braccio, nel bene e nel male, per ricreare la sensazione da telaio 95-98, senza averne i limiti di stabilità su un peso di 310 grammi. Phantom Pro 100P, infatti, è molto stabile e lo si percepisce per la risposta molto omogenea della racchetta, ma anche perché, a parità di peso, è leggermente più pesante da muovere rispetto ai piatti più piccoli. Nulla di drammatico, ma i braccini gracili non sono proprio l’ideale per far correre un cavallo di razza come la Pro 100P. Molto bene in recupero, perché, di taglio o con il polso, si alzano palle impensabili, mentre il profilo stretto e la flessibilità accompagnano i tocchi con molta soddisfazione, lasciando condurre la palla con estrema dolcezza.

Il back è di rilievo ed ha una modulabilità elevatissima. Si accarezza o si strapazza di forza, il telaio risponde morbido e comunicativo, con tanta facilità di esecuzione. Un colpo che si può caricare anche con tanto side-spin, ricercandolo con neanche troppa decisione. Anche qui lo swing deve essere completo per tenere a bada il piattone.

A rete è ben disposta a fare prestazione facile sulle volée. Il telaio è solido e mantiene una buona manovrabilità, che riesce a creare potenza sui colpi piatti, anche d’incontro, sempre con un rigore direzionale soddisfacente, specie quando si pesta di più e la palla affonda nettamente più nelle corde. Bene anche con il taglio, dove aumenta il grip sulla palla e la palla tende ad allungare la gittata. La risposta a rete è positiva, per stabilità generale e per la risposta sempre omogenea delle diverse aree di impatto. Lo smash è potente, tende ad uscire frontalmente ed occorre prendere le misure con una palla davvero piatta che vuole un attimo di controllo in più, ma è potente anche in scioltezza e offre margine.

Al servizio la soluzione piatta offre una discreta precisione e una buona velocità lineare, anche giocato in fluidità. Ottima la soluzione slice, che gira molto e consente di coprire il colpo anche con tanta forza. Lo slice è la soluzione più efficace, indubbiamente, che apre benissimo il campo e non perde velocità nemmeno con strappi notevoli. Il kick funziona, la palla salta e tende a conservare energia per un rimbalzo potente e carico di spin. Non è effettivamente altissimo, ma lascia trovare angoli interessanti o difendersi con disinvoltura.

30 Commenti su Prince Phantom Pro 100P

  1. Ciao Fabio, ottima recensione, come sempre. Potresti fare un doppio confronto con la Yonex duel G 100 da 300 grammi e con la Prince esp 98 tour da 310 grammi (power 825),con quest’ultima, che seguendo il tuo consiglio, ho concordato con XC 1,35 a 20 kg, ho avuto belle sensazioni di gioco, seppur non al livello della duel G 100, che rimane piú maneggevole e precisa,anche se con palla meno pesante rispetto alla Prince 98 tour. Grazie per la tua competenza e disponibilitá.

    • la similitudine con la Duel G 100 c’è, ma indubbiamente la Pro 100P spinge di più ed è più solida e massiccia, anche nello swing. Hanno cilindrate diverse e si sente. La Pro 100P andrebbe paragonata alla 97, nonostante la differenza di piatto è così.
      Quanto alla ESP 98 Tour, se la morbiezza è molto simile, il contatto con lapalla della 100P è nettamente superiore, ma è inferiore lo spin, per ovvie ragioni di pattern, laddove il 16×18 equivale quasi ad un 16×20 per la spaziatura, quindi più da controllo e spinta, piuttosto che per spin, che resta naturale, ma va ricercato un po’ per dare controllo e direzione e un po’ per creare un colpo più pesante.
      Altra cosa che ti faccio notare è che la Phantom Pro 100P ha altra inerzia riseptto alle due racchette che possiedi, quindi non c’è un confronto direttissimo, se non per caratteristiche generali o vaga somiglianza.

  2. Ciao Fabio innanzitutto auguri per il tuo compleanno.
    Tra la prince 100 pro p e la nuova yonex vcore 100 quali sono le principali differenze in termini di resa generale delle racchette.
    grazie
    Antonio

    • Grazie per gli auguri!
      Quanto alle due racchette, sono simili solo nelle misure del piatto, perché la Yonex ha rotazioni superiori, accetta dal gioco piatto allo spin pesante, swingando veloce. La prince, invece, ha una dinamica più pesante e richiede più tecnica e forza, mostrando una predilezione per un gioco fluido. Accetta anche un buon livello di spin, ma è meno incline ad alzare i colpi.

  3. Ciao Fabio. Pur continuando a trovarmi bene con la mia Donna Xdual gold custumizzata, ho provato anche io questa racchetta (non ricordo più se fosse il modello 100P pro o 100 pro) e mi è sembrata molto simile come morbidezza d’impatto, con il vantaggio non richiedere il custom per spingere a dovere. Un po’ come la nuova gold penta.

    • La Prince è un compromesso, tra spinta e feeling, ma X-Dual è ancora il riferimento di feeling in questo settore di telai. Ottime entrambe, hanno una diversa impostazione della testa, nettamente più piena nella Prince, ma mitigata da un dato di rigidità piuttosto old-style.

    • Per certi versi si, la rigidità bassa, l’attitudine alla tolleranza e anche allo spin moderato. Ma, sostanzialmente, il feeling della Prince è di altro livello e andrebbe paragonata, per inerzia, profilo e tecnica ad una VCore Pro 97 e non ad una DR.

        • Sono racchette dello stesso livello tecnico, con un vantaggio di tolleranza per la Prince e di velocità di swing per la Wilson. La Phantom è morbida, pastosa all’impatto, anche se il piattone la rende meno diretta rispetto alla Pro Staff, che è invece, rigida e reattiva, con anche una migliore capacità di resa sullo spin. Entrambe controllano molto bene, leggermente meglio la Wilson, che si lascia condurre più facilmente, ma la differenza è davvero minima, perché parliamo di telai tecnici che impongono sempre di finire il movimento in maniera concreta. La Prince offre un vantaggio maggiore nella potenza a basso regime, dove i 100 pollici e le orizzontali lunghe, lasciano affondare di più la palla e in maniera più dolce, per poi spingere con l’inerzia alta, che pretende solidità di impatto, ma non accetta strappi. Indole diversa, insomma.

    • La Tour 100P è meno potente e meno massiccia all’impatto, meno tollerante anche e con uno spin potential inferiore. La Tour 100 P è morbida, ha controllo e una discreta stabilità, ma la Phantom Pro 100P è due spanne sopra per concentrato di tecnica di solidità, oltre che di spinta.

  4. Carissimo Fabio buonasera,
    gioco attualmente con Wilson Burn 100 CV e mi trovo benissimo ma se gioco più di tre/quattro ore a settimana, ho problemi al polso. Gioco, da fondocampo, dritto e rovescio ad una mano in top. Cerco “pochi scambi”. Livello IV avanzata.
    Ho provato le wilson Revolve per una decina di ore ed ho avuto problemi seri al polso . Con i multi non mi trovo, attualmente sto montando Lynx edge e va molto meglio per il polso. Provate anche le Magic e mi sono trovato abbastanza bene …con qualche dolorino sempre al polso.
    Dato che ultimamente sto aumentando le ore in campo (ca 8 a settimana) stavo pensando di provare la Prince Phantom Pro 100P per la flessibilità del telaio e salvaguardare polso e braccio. Pensi che possa essere una scelta sensata tenendo conto delle caratteristiche del mio gioco e della racchetta che attualmente uso con soddisfazione? La priorità, comunque, vorrei darla alla salute del braccio. Un’ultima info… ho provato la Prokennex Q+ Tour 300 ma non è paragonabile alla Burn e l’ho scartata.

    Grazie, Gianni.

    • Ciao Gianni, benvenuto nel Blog.
      Bisognerebbe capire il perché del fastidio al polso, che può dipendere dal combinato inerzia/bilanciamento della Burn, che leggerissima non è, ma nemmeno inamovibile.
      Per questo stesso motivo, la Prince Phantom Pro 100 P non te la consiglio, visto che l’inerzia è ancora più alta, di circa 8 punti e il telaio richiede braccio un più robusto rispetto alla Burn. Potrebbe darti giovamento, invece, l’utilizzo di una racchetta sempre da 300 grammi, ma con inerzia meno alta. In tal senso, T-flash 300 PS potrebbe darti una grossa mano, essendo sempre a pattern largo per lo spin, ma meno rigida in gioco e conun livello di inerzia inferiore. Altrimenti, un telaio da 3000 grammi, ma classico, come la Yonex Vcore Pro 100, che molto bene fa in spin e tolleranza, ma con un discreto aiuto anche in potenza e una manovrabilità maggiore rispetto alla Burn. Inoltre, in Wilson c’è la Blade 104, che come concetto di telaio si avvicina molto a quello della Prince, ma senza inerzia elevata e un piatto da 104 innestato su un profilo sottile, per salvaguardare il feeling e il controllo. Come vedi, ci sono diverse soluzioni utili per un buon quarta, senza adare a pescare un telaio eccessivamente tecnico e pesante, devi scegliere solo quello che ha le caratteristiche più adeguate secondo il tuo gioco. Di tutte, puoi leggere le recensioni e sono qui a disposizione per ulteriori chiarimenti.

  5. Ciao a tutti, uso una txt tour 95 e sto cercando qualcosa di più ‘tollerante’. Ho provato txt tour100p e phantom pro 100p, la seconda l’ho trovata più semplice da manovrare. come le vedi in relazione alla tfight dc 315 ltd 16m? grazie

    • Ciao e Benvenuto nel Blog.
      Sia la TXT 100P che la Phantom Pro 100 P sono, in realione, più facili e funzionali della T-Fight 315 limited, che necessita sempe e comunqune di spinta, come la Phantom, ma che restituisce molto meno. Per sostituire la tua 95, in chiave di giocbailità, la Phantom Pro 100 P e la Phantom 100 Pro sono, in Prince, le soluzioni più interessanti che posso consigliarti sulla base della mia esperienza diretta. Se, però, vuoi passare ad un genere più profilato, la Beast 98 è un’altro telaio piuttosto interessante.

    • Il budello può essere una soluzione per potenziare e facilitare l’uscita di palla, sicuramente non a tensione troppo bassa, direi almeno 23/23, senza differenziare, mentre già dai 24 differenzierei per dare maggiori rotazioni naturali. Come calibro, ci vuole almeno 1.30, con 1.25 avresti troppa incostistenza.

  6. Allora provata con vs touch 24per23 la racchetta ha acquistato Potenza ma perso un Po di spin. Forse avrei dovuto differenziare di più? È normale lo sfilacciamento del budello? Quando lo devo cambiare? Grazie per la tua solita cortesia.

    • Il budello lo puoi portare a rottura, senza nessun problema. Quanto allo spin, purtroppo il budello non riesce a grippare forte sulla palla e, per le rotazioni, va sfruttato in ibrido.

  7. Ciao, sto cercando una nuova racchetta ed ho letto un po’ di tue recensioni. Non sono un esperto, gioco da un po’ di anni con alcuni colleghi, niente agonismo anche se vorrei provare a fare qualche torneo. Uso una Wilson Blade 104 con la quale mi trovo abbastanza bene. Gioco prevalentemente piatto ma non disdegno lo spin, rovescio ad una mano, aperture molto ampie. Ho un piccolo problema alla spalla ma ultimamente riesco a conviverci bene avendo modificato leggermente il movimento sulla battuta che mi procurava dolore.
    I motivi per cui vorrei cambiare sono principalmente per confrontarmi con un piatto da 100 e poi perché faccio un po’ di fatica a manovrare la racchetta a rete. Negli ultimi mesi ho migliorato molto la velocità della palla e la precisione, spero di non fare un errore a cambiare ma ho pensato che con una racchetta bilanciata 31-31,5 potrei avere più rapidità a rete. Chiedo a te un consiglio avendo idea di provare un telaio da 300-310gr. Per esempio questa Prince di cui ho sentito parlare molto bene?
    Grazie

    • Ciao Enrico, benvenuto nel Blog.
      La Blade 104 è uno dei telai più furbi in circolazione, perché unisce un peso leggero, il piattone ampio e il profilo sottile, che conferiscono giocabilità, potenza e feeling. Non è facilissimo rimpiazzarla senza rinunciare a qualcuno di questi aspetti.
      Volendo andare verso un piatto 100, sempre con fattezze classiche, controllo e sensazione, la scelta più sensata sarebbe quella di una VCore Pro 100 o di una X-Penta Silver, in quanto la Prince, oltre a pesare abbastanza di più, ha anche una inerzia elevata e necessita sempre di tanto braccio per funzionare bene.
      I due telai che ti ho proposto, sono, invece, delle soluzioni che ti permettono di avere sempre il braccio veloce e di attivare la tua spinta e le tue rotazioni.
      Potresti anche considerare qualcosa di profilato, come Pure Drive e Ezone 100, che in termini di spinta e di stabilità sono il riferimento della categoria dei 100 pollici e 300 grammi.
      Prova a leggere le recensioni dei teli che ti suggerisco, per capire se possono darti quello che cerchi.

  8. Ciao Fabio, sto usando con soddisfazione le Prince Phantom 100 Pro cosa mi consigli di monofilamenti reattivi?

    Ma e’ vero il fatto che togliendo antivibrazione le corde scorrono meglio e si ha piu potenza su questo telaio?

    • Ho avuto ottima impressione di giocabilità generale con la Yonex Poly Tour Strike, quindi ti consiglierei di restare su questo range di corde. Quindi, oltre alla Yonex, Alu Power Soft e String Porject Rocket.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »