Head Graphene Touch Prestige Pro

 

Da fondocampo, offre potenza molto buona, per stare lunghi sulle traiettorie e per fa correre via la palla piuttosto velocemente, sia sui colpi piatti, dove si apprezza l’uscita repentina dei colpi dal piatto, sia sulle variazioni di spin, dove la Prestige Pro offre il vero plus rispetto al passato, con una migliore connessione con la palla e gestione delle rotazioni in maniera più naturale. Si varia e si spinge, si copre bene il colpo e la rete si passa sempre in maniera agevole, anche con poca copertura di spin. Dal fondo è piuttosto appagante e consente il cambio di ritmo senza dover richiamare troppo il braccio, perché la testa del telaio è piena e fa sentire la sua sostanza quando viene chiamata in causa, ma non è eccessiva e mantiene un comportamento educato e composto, che lascia margine per sbracciare, ma c’è anche massa adeguata per appoggiarsi ai colpi avversari nelle fasi di anticipo e di controllo dello scambio. Libera il braccio ai regimi medio-alti, dove fa sfoggio di stabilità e controllo su tutti i colpi, più o meno carichi di spin, ma anche a basso regime c’è buona sostanza per colpire in souplasse e il telaio risponde con un controllo sempre molto buono, lasciando apprezzare la sua natura di racchetta classica.

Il back è ottimo. Si controlla fino all’ultimo istante e il pattern morde bene la palla, specie quando si forza il colpo. Si modula bene l’intensità e si possono ricercare variazioni sul tema, anche con un side-spin a richiesta. Nonostante il back sia ottimo in generale, i colpi con spin più marcato danno maggiore soddisfazione e offrono più connessione. Quindi, meglio sfruttare il morso delle corde alla pallina e osare.

A rete lavora meglio con lo spin a controllo sui colpi, perché migliora la sensazione di impatto, che sui colpi meno forzati appare più secca. Tuttavia, mettendo tecnica e fisico sulle volée, il colpo piatto ha la sua efficacia e profondità, con una certa propensione a schiacciarsi, mentre il taglio sotto consente una migliore gestione della volée. Sullo smash, invece, anche a braccio sciolto, è precisissima e potente, facile da gestire in aria.

Al servizio si presenta massiccia nella resa, ma non nella gestione. La sua manovrabilità da fa sì che si possa spingere tanto e osare in potenza, sia sul colpo piatto, davvero potente e preciso, sia sullo slice, dove la palla acquista un giro laterale molto marcato e una traiettoria bassa, anche se giocato non in maniera forzata. Reagisce in modo molto naturale al servizio e amplifica i colpi quel tanto che basta per renderli molto efficaci, come nel caso del kick, che salta su e prende angoli lontani e scappa via veloce dopo il rimbalzo.

48 Commenti su Head Graphene Touch Prestige Pro

  1. Ciao Fabio! Complimenti sempre…differenze rispetto alla Prestige Graphene Pro (vers precedente alla Graphene XT)?
    Rispetto a Blade e SV98 come si pone?
    Corda consigliata?
    Grazie mille 🔝🎾

    • Prestige Pro ha le proporzioni di una classica, con il bilanciamento a 31.5, quindi lontana dalla dinamica “arrabbiata” della Blade e più simile alla SV, rispetto alla quale ha un feeling più morbido e flessibile, con una gestione dello spin molto simile. La Sv è anche più tollerante, uoi per i 3 pollici in più, vuoi per l’isometrico, ma il risultato in campo è molto simile, feeling a parte. Rispetto alle versioni precedenti, Prestige Pro ha perso un po’ di inerzia, per guadagnare giocabilità e ciò consente una gestione più naturale dell’atrezzo, che ora si fa guidare meglio, in maniera più agile e si fa condurre al limite in modo meno faticoso. Praticamente scorre meglio in aria e richiede un po’ meno fisico, tutto a vantaggio della elocità di esecuzione e dello spin, che è nettamente più vivo.

    • Dipende dal livello e dal tipo di colpi. La Tour va meglio per chi anticipa e spinge più frontalmente, mentre la Pro agisce con palla più pesante. Però, bisogna considerare anche che la Pro è più impegnativa ed è un altro livello di racchetta. Di fatto, la Tour è la versione maggiorata e leggera della MP, mentre la Pro resta un telaio di punta.

  2. Grazie! Rispetto alla radical pro che differenze?
    La precedente versione di Prestige Pro (Graphene pre XT) era considerata vicina in alcune caratteristiche alla radical. Quale delle due consiglieresti per un attaccante da fondo con buona tecnica , rovescio una mano, gioco top non estremo?

    • Rispetto alla Radical Pro c’è un altro livello di feeling e di controllo, ma anche una migliore gestione dello spin, che è il vero plus della Prestige Pro nella sua ultima versione. La Radical Pro XT spinge molto forte, soprattutto in linea retta, ma se tenti di coprire il colpo diventapiù faticosa, mentre la Prestige swinga più fluida e concede di più sui colpi coperti. La Radical, poi, è davvero più reattiva, quindi premia di più il colpo con meno spin.

  3. Ciao Fabio volevo chiederti quale corda e a quale tensione rende meglio questa racchetta,per avere un equilibrio generale tra Potenza controllo ,la blast come ce la vedi?grazie

    • La blast non ci sta male, ma ferma il pattern e rende soprattutto in controllo. Visto cheil telaio risce a dare un buono spin già di suo, andrei a montare corde lisce, con un calibro contenuto. Le Hawh touch 1.20 sono piuttosto indicate e assecondano giocabilità e potenza, altrimenti un ibrido tra Lynx edge e velocity MLT può essere una soluzione di semplcicità di gioco e di tolleranza maggiore. Uscendo dalle corde Head, String Project Keen 1.18 riesce adare potenza e tocco, con uno snapback che dona un pizzico di tempo in più per colpire. Come tensione, anche con i calibri sottili, bisogna stare bassi e i 21 kg sono un limite con i ono 1.25, mentre con i calibri inferiori si può arrivare fino a 22, ma lasciando il kg in meno, obbligatorio, sulle orizzontali.

    • La Hawk Touch si presta davvero bene su tutte le prestige, sia in 1.20 che 1.25, a seconda della semplicità di cui si ha necessità. Come tensione, starei basso, tra i 20 e i 21 al massimo, con il kg di differenza sulle orizzontali. Anche la 4G funziona bene, ma che sia almeno la versione soft, cominciando da una tensione di 21/20.

    • Sostanziamente bene, ma è più spugnosa all’impatto, quindi preferibile una corda più diretta. La adopererei per una questione di spin e potenza restituita, ma non per cotrollo e sensazione.

    • Hawk Touch, sia 1.20 che 1.25, a prima anche per avere più spinta facile e un attacco di spin immediato, la seconda per pestare più fote e priviligiare il controllo e la sensazione di impatto.

  4. Ciao Fabio, anche io provengo da una “Head Prestige XT Pro 2017” (come vincenzomu80), gioco principalmente da fondo piatto o poco spin, prediligo servizio e diritto. Mi ci trovo bene, ma dopo dopo 1 ora di gioco sento la pesantezza ed il braccio stanco (ho sul manico anche il Noene per le vibrazioni causa vecchia epicondilite). Questa ultima uscita leggo che è 5 gr più leggera oltre ad avere un materiale antivibrazione nel manico. Potrebbe aiutarmi a sentirla più leggera ed avere la stessa potenza? Si sente la differenza tra piatto 98 (vecchia prestige pro) e piatto 95 (questa nuova)? Se si, la Radical Pro piatto 98 è molto diversa per manegevolezza ed potenza? Grazie ancora dei tuoi consigli!

    • In sostanza, la Prestige Pro Graphene Touch è abbastanza più facile e meno dura rispetto ai modelli precedenti, quindi si, c’è una maggiore facilità generale e una maggiore attenzione all’aspetto del comfort e della sensibilità. L’aspetto che maggiormente è cambiato è la maneggevolezza, con un equilbrio più ricercato tra prestazione e giocabilità, lasciando più spazio al braccio, come da tradizione Prestige. Per quanto riguarda la Radical Pro, anche questa ha subito un intervento di riduzione della massa, cosa che ha ammorbidito l’impatto e aumentato la giocabilità di un telaio che fa tutto bene, ma con una predilezione per i colpi piatti e poco coperti. Se hai paura di incaccpare nuovamente in un telaio troppo esigente come la Prestige Pro, allora la Radical Pro è un passaggio abbastanza naturale, senza perdita di prestazione.

  5. Ciao Fabio, da alcune settimane sto provando svariate racchette, tra queste anche la prestige pro (ho provato la versione precedente – xt). Devo dire che si è trattato dell’unica racchetta con cui veramente mi sono trovato bene e che ho apprezzato maggiormente nel complesso. Per altro, essendo un modello ormai fuori produzione, si trova ad ottimi prezzi una coppia nuova, la cosa è ancora più invitante. (Ho provato Pro Kennex q5 pro e ki5 300, Head prestige tour nuova, radical mp, radical pro pro staff 95, pro staff rf, e nessuna di queste mi ha soddisfatto particolarmente: anche se nel giudizio negativo, potrebbe aver influito l’incordatura o la tensione delle corde)

    Ho un livello di gioco attualmente 4.2 Fit, ma con ambizioni a giocare in 3° categoria in un futuro non troppo lontano. Ho un gioco semipiatto, tendente all’anticipo (se sto bene di gambe) con ottima tecnica imparata fin da bambino, attacchi a rete o S&V e una velocità di palla generalmente abbastanza alta, soffro le palle alte sul dritto.
    Come detto la racchetta mi soddisfa moltissimo: servizio potentissimo, Kick molto carico, molto stabile, sensibile e precisa a rete. Mi spaventa una sola cosa: l’inerzia di quasi 330 punti. Atleticamente sono molto rapido e con buona resistenza aerobica, punto debole: poca massa muscolare e non una forza da maciste.

    Ultima nota: gioco con multifilo morbido a tensioni medio-basse (23 kg generalmente)

    Me la consiglieresti?

    • Ciao Tonino, benvenuto nel Blog.
      La Prestige Pro è una grande racchetta, che offre prestazioni davvero alte e che consente precisione e potenza solo se è ben supportata da fisico e tecnica.
      Da ciò che dici, è proprio la questione fisica che ti spaventa e fai bene, perché gestire alla lunga 330 e più punti di inerzia può essere molto stancante, per quanto redditizio sulla spinta e sulla stabilità dell’attrezzo. Non è un caso che Head, nel nuovo modello, abbia ridotto leggermente questo dato, proprio per dare un maggiore agio nel gestire quotidianamente il telaio. Tuttavia, resta sempre un telaio tecnico, anche nel nuovo modello.
      Quello che mi sento di consigliarti, a questo punto, non essendo una questione tecnica, è di provarla come unico telaio per almeno una decina di giorni, vedendo come si comporta in simulazione di partita e negli allenamenti più lunghi. C’è una regola non scritta sulla scelta della racchetta, che dice “la racchetta si valuta dopo le due ore in campo”. Io ti consiglio di fare proprio questo e cioé non di lmitarti all’impressione a braccio e gambe fresche, ma di vedere fin quando riesci a gestirla bene.

  6. Grazie per la risposta molto precisa e puntuale.
    Proverò a testarla meglio, anche se sto pensando di orientarmi sulla nuova versione, per conciliare l’ottima impressione che mi ha fatto questo telaio, con una sensazione di maggior leggerezza data.

    Ti chiederei anche cosa ne pensi dell’utilizzare un monofilamento morbido e tendente allo sfilacciamento su questo telaio. Sulla mia vecchia racchetta (anch’essa 16×19) se lo mangiava in pochissime ore e sono stato costretto ad utilizzare un ibrido con monofilamento sulle verticali per non esaurire una matassa in poche settimane potendo comunque sfruttare un po’ di comfort del multifilo sulle orizzontali.

    • In realtà il pattern del telaio non è apertissimo e un multi, anche morbido, è ben accetto. Tuttavia, più che una corda morbidissima, andrei su un multi più sostenuto, per tenere la tensione bassa ed avere più spin naturale, oltre che una sensazione di impatto più piena.

  7. La matassa che ho acquistato alcuni mesi fa è una Signum Pro Micronite cal. 1,25 (probabilmente avrei dovuto prendere 1,30 per una durata maggiore), la conosci? Nel caso, pensi che renda bene su questo telaio?

    Secondo il mio maestro e incordatore, tende a perdere 1,5/2 kg di tensione, quindi incordando in full a 24 si dovrebbe poi stabilizzare sui 22. In ibrido incordavo 21 mono/23 multi

    • Conosco la Micronite, è una cord che ha un bel rapporto qualità/prezzo e una resa piuttosto onesta. 24 è probabilmente alto, 23 kg danno maggiore agio al pattern per lavorare in potenza e uscita facile. Quanto all’ibrido, la tensione, solitamente, la detta il mono e si mantiene costante. Al massimo si sale di un kg rispetto al solito e il multi si tira in più solo se c’è una grande elasticità. Col micronite non occorre.

    • Ciao Michele e benvenuto nel Blog.
      Onestamente, anche ad un livello alto, una corda molto rigida e di calibro 1.30, su un telaio dal piatto 95 e un pattern, non chiuso, ma nemmeno aperto, sarebbe da evitare per non rendere il tutto eccessivamente rigido.
      Con questo genere di specifiche, infatti, sarebbe preferibile qualcosa che lasci entrare un po’ la palla e, più he la Original, se proprio desideri una Luxilon, sarebbe meglio rivolgersi alla 4G Soft o alla Alu Soft. Come tensione, invece, ci siamo, perché il telaio sa spingere forte e i 21 kg lasciano margine per controllo e spin. Conviene differenziare, si, perché il piatto, come da tradizione head, è abbastanza stretto e il kg in meno sulle orizzantali apre alla facilità e alla tolleranza. Anche con i multi è preferibile differenziare, mentre con i mono, a meno di giocare a tensione più bassa dei 20 kg, diventa praticamente obbligatorio per lasciare entrare la palla.

  8. Luxilon Element sempre su Prestige Pro?
    Ps: sto provando la Prestige Pro con original a 21kg non la sento eccessivamente dura… però io sono uno che vuole sentire tanto la palla sulle corde… forse la hawk touch 1,25 a 21/20 kg sarebbe il set up ideale.
    (Corda nei negozi non così diffusa però)
    Una luxilon element potrebbe funzionare?

    • Vero, la Original fa sentire tanto l’impatto, ma la palla esce molto presto e devi pestare forte per farla rimanere attaccata al pattern.
      La Hawk touch va davvero bene, spinge e tiene bene sullo spin, con anche bel feeling.
      Quanto alla Element, è sostanzialmente più elastica di entrambe le precedenti citate. Spinge bene, è molto confortevole, ma il rischio è quello di avere una sensazione eccessviamente morbida sul piatto, che, a quanto capisco, non ti garba.
      Prova con la Hawk touch e, se puoi, con Alu soft. In questo modo conferisci maggiore uscita di palla, senza troppo sacrificio fisico.

  9. Ciao Fabio, grazie ai tuoi consigli ho acquistato questa prestige in versione Touch e non Xt come quella che avevo provato. Che dire, mi trovo molto bene (devo prendere bene la mano col piatto 95, quindi niente distrazioni e occhi fissi sulla pallina!), ma è davvero un’ottima racchetta.

    Quanto alle corde, ho provato con la mia micronite a 23 kg sia con l’ibrido monofilo/micronite a 20kg. Dunque, con l’ibrido mi sono trovato bene, ma ho scoperto di avere un principio di infiammazione all’epicondilo, pertanto per evitare peggioramenti il monofilo mi è stato bandito. Con la micronite 1,25 a 23kg la sensazione era un piatto corde durissimo e pochissimo feeling con la palla.

    Secondo te fino a quanto posso scendere di tensione con questa corda senza perdere eccessivamente controllo? Per come l’ho sentita, scenderei drasticamente anche a 19-20kg, pensi che sia una follia una tensione del genere con un multifilo?

    Grazie mille in anticipo!

    • Solitamente si scene gradualmente, 1 kg per volta. Tieni presente che con il caldo le corde cedono molto prima e si plastificano più velocemente. Detto ciò, 19 è poco, ma 20/19 o 21/20 sno tranquillamente alla portata della Micronite su un piatto 95. Osserva la differenziazione tre verticali ed orizzontali, pe ammorbidire il piatto. Su Head è praticamente obbligaotorio,tranne che in ibrido.

  10. Ciao, è molto diversa dalla MP (dalla scheda tecnica pare di sì, ma sul campo?)? Ho provato e mi è piaciuta molto questa Pro e sono incuriosito dalla MP per via del maggior controllo. Quale si addice meglio ad un gioco aggressivo servizio-dritto (né piattissimo né troppo carico di spin tendenzialmente)?

    Grazie mille!

    • Si, è abbastanza diversa, soprattutto è più potente e reagisce meglio alle variazioni di spin. Con entrambe puoi effettuare un gico su pochi colpi, ma la Pro ha proprio una marcia in più sulla spinta definitiva, pur essendo più pesante da muovere.

  11. Ciao Fabio,
    intanto complimenti per il sito! Sto valutando di cambiare le mie radical graphene pro che incordo 24/23 con revolve o signum pro tornado. La sensazione è di, in certe situazioni, mancanza di controllo e di palla che tende a “partire un po troppo”.Quasi se avolte dovessi frenarmi per paura che la palla vada troppo lunga.. mi è capitato di riprendere in mano la mia vecchia radical microgel e la sensazione di controllo è stata fantastica. certo manca un sacco di spinta e stabilità. Mi chiedevo se questa prestige pro touch potesse essere un buon passo per avere più controllo. Sennò pensavo alla Blade 18/20 o alla pro staff 97 CV.. eventuali altri consigli sono ben accetti..

    • Ciao Simone e benvenuto nel Blog.
      Iniziamo col dire che la tensione che applichi alla tua incordatura è elevatissima e ciò limita l’aspetto del controllo di palla, specie se tendi a coprire i colpi, perché, di fatto, le corde rilasciano la palla in maniera troppo repentina. In pratica, dovresti tirare sempre fortissimo per far lavorare bene il telaio così configurato. Dovresti provarla ad una tensione più bassa, valutando se il maggiore grip delle corde ti offre il controllo che cerchi.
      Detto ciò, al netto del tuo livello di gioco, la Prestige Pro ha un altro livello di controllo e di sensazione sui colpi, indubbiamente più spiccati che nella Radical, ma devi fare i conti con un piatto 95 che impone maggiore attenzione e precisione sugli impatti. Se pensi di non aver problemi da un piatto più piccolo, allora procedi pure e troverai un telaio ottimo in tutto, dal controllo alla pesantezza di colpi. Lo stesso vale per la Blade, che, pur avendo un piatto 98, conserva una impostazione più sbilanciata e carica verso la testa, che impone polso e fisico anche più della Prestige Pro, ma con maggiore potenza. Se vuoi aggiungere anche delle rotazioni importanti, la 16×19 è probabilmente una scelta che offre maggiore soddisfazione, con anche un pizzico di tolleranza in più, ma le Blade non sono telai da sottovalutare, spingono tantissimo, ma vogliono un supporto da fisico e braccio continuo. Per ciò che riguarda, invece, la Pro StaffCV, la versione all-black, 2018, è piuttosto facile, ma è più scarica di inerzia e paga la minore potenza rispetto alla concorrenza, mentre la versione 2019, nero-bianco, ha ben 10 punti di inerzia in più e tira forte come una Prestige Pro, con un leggero minore controllo sui colpi piatti, ma una maggiore facilità nel generare palla complessa.

  12. Ciao Fabio,
    Grazie per la risposta. Davvero trovi 24/23 elevatissima? io avevo provato 23/22 ma mi sembrava di avere molto effetto fionda e meno controllo..sulla racchetta il range di tensione consigliato è 22-26 quindi io sono nella metà bassa dello spettro. ho visto che nel test che avevate fatto della mia racchetta (nel 2014) eravate più o meno sulle stesse tensioni..

    • La tensione è abbastanza elevata e tieni presente che il range riportato all’interno del telaio è riferito, per convenzione, alle corde in multifilamento e non al mono. Quel 22 come limite basso ti fa capire che il telaio reggerebber benissimo anche i 18 kg con un mono, senza perdere le sue caratteristiche. Ora, però, va chiarito che dipende anche dal mono e ti consiglio di provare a scendere di tensione, ma con una corda che accoglie di più la palla nelle corde, come Hawk Touch o Alu Power soft.

3 Trackback & Pingback

  1. Head Graphene Touch Prestige Mid - TennisTaste.com
  2. Head Graphene Touch Prestige Tour - TennisTaste.com
  3. Head Graphene Touch Prestige MP - TennisTaste.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »