Consiglio per cambio racchetta

Questo argomento contiene 11 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  TennisTaste 1 mese fa.

Stai vedendo 12 articoli - dal 1 a 12 (di 12 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #5218

    Mirko
    Partecipante

    Ciao Fabio. Io utilizzo da anni una Wilson K Factor Six One 95, 332 gr, schema 18×20, con mono 26/25. Innanzitutto pensavo di sostituire il mono con un ottimo multi e di abbassare la tensione di 1/2 kg, che ne dici ? Dopo una serie di problemi al ginocchio ed al braccio destro sono stato fermo praticamente un anno. Ora, nel tornare a giocare almeno una volta a settimana, quando facciamo due ore, dopo la prima accuso nuovamente un leggero fastidio al braccio, che mi dura poi per qualche giorno. Mi sa che dovrei cambiare telaio, per una questione di peso soprattutto. Puoi consigliarmi una racchetta simile per caratteristiche ma leggermente meno pesante e più duttile ? Ho provato recentemente una Head Graphene XT Radical MD, ma non mi sono trovato molto, leggermente meglio con la Ultra 97, ma che non mi ha soddisfatto completamente in fase di chiusura dei punti, soprattutto quelli sotto rete. Meglio restare in casa Wilson ? Per quanto riguarda il mio gioco, ho un dritto prettamente piatto con movimento corto ma potente, un rovescio prettamente difensivo in back, un buon servizio e cerco spesso la rete. Attendo un tuo consiglio. Grazie mille.
    Mirko

    #5223

    TennisTaste
    Amministratore del forum

    Ciao Mirko, innanzittutto, quel mono a 26/25 è una vera follia per il braccio. Capisco che tu sia in cerca di controllo, con il movimento corto, ma serve solo a castrare la tanta potenza della Sixone. A questo punto, per sostituire il telaio, direi che, in casa Wilson, potresti pensare alle Pro Staff, visto che la serie SiXOne è ormai pensionata. Quella che più si avvicina ai canoni della SixONe 18×20 è la 97S, ma eviterei per dare maggiore respiro al braccio. Quindi, una scelta che potrebbe esserti più utile sarebbe la Pro Staff 97, che è indubbiamente più facile della tua vecchia racchetta. Altra alternativa può essere la Burn FST 99, da 310 grammi, che ha un ottimo controllo e una sensazione di impatto molto solida. Starei su queste due, ma non montare mono oltre i 23 kg, anche perché la maggior parte di questa tipologia di corda offre il meglio tra 18 e 22 kg. Oltre, vai solo a maggiorare lo shock da impatto.

    #5231

    Mirko
    Partecipante

    Grazie per la risposta. Ho visto le tue recensioni, la maggior diversità la riscontro nella rigidità, 72 contro 66. Se non sbaglio la Six.One 95 registrava 67, quindi più simile alla Pro Staff. Però è anche vero che se voglio effettuare un cambiamento in meglio, questo non mi deve vincolare. Dai consigliami una delle due, sbilanciati ! Mentre per quanto riguarda le corde sarei più tentato di provare un multi, in precedenza mi sono sempre trovato bene con le Tecnifibre X-One Biphase 1.30.. Oppure le XR3… Oppure consigliami tu.. Tensione 23/22, scenderei a quanto mi ha scritto tu, forse non di meno. Che ne pensi ?

    #5242

    TennisTaste
    Amministratore del forum

    IN realtà, la rigidità dice sempre poco su quanto siano due o morbide le racchette all’impatto e, in ogni caso, la Burn non è rigida sul braccio. Sicuramente la Pro Staff 97 è un buon compromesso tra quello che cerchi e non risulta vincolante per la tipologia di gioco. Come corde, ottime le X-one, montante tra 23 e 24 kg a tensione costante, per avere più controllo 😉

    #5250

    Mirko
    Partecipante

    Secondo te qual’è la racchetta per eccellenza che garantisce la miglior performance sotto rete ?

    #5258

    TennisTaste
    Amministratore del forum

    dipende dal tipo di performance. Se parli di sensibilità, sicuramente i telai classici con peso superiore, con una configurazione di bilanciamento al manico. Tra queste, la RF e la Duel G 330 svettano per efficacia e sensazione di impatto. Ma se parli di seplicità e intuitività, le classiche leggere, come Duel G 100, Kennex Q+ Tour, Donnay Po One e simili fanno un ottimo lavoro, pur non spingendo la palla in maniera davvero corposa. In effetti, c’è anche una terza via, quella in cui la racchetta deve offriti reattiivtà e potenza sulla volée, qui le profilate sono le più indicate, pur perdendo qualcosa in controllo, ma guadagnando tanto in efficacia. Se mi chiedi quale sia la mia preferita sulla volée, ti dico Zus Custom 95, ra 62, peso 325 e bilanciamento a 31.5, ma è un telaio tosto da utilizzare.

    #5310

    Mirko
    Partecipante

    Ho letto della Pro Staff 97 Countervail (CV). Quali sono le effettive differenze con la 97 2017 classica di cui abbiamo parlato ? Grazie

    #5334

    TennisTaste
    Amministratore del forum

    é ancora presto per dirlo, il Countervail è servito per dare maggiore comfort e flessibilità, probabilmente l’intento è quello di rendere i telai meno estremi nella rigidità e più comunicativi.

    #5346

    Mirko
    Partecipante

    Visto che devo sostituire la mia Six.One 95 332, soprattutto per tutelare il mio braccio, anche se il feeling di gioco mi porta a rimandare continuamente, e considerando che pratico tennis non agonisticamente per hobby 1-2 volte la settimana, pur volendo una racchetta di una certa entità, tu quale mi consiglieresti tra le due ? Anche solo teoricamente, per intuito. Grazie

    #5353

    TennisTaste
    Amministratore del forum

    Sceglierei o la Pro Staff 97 o la Duel G 97, nelle versioni 315 e 310, così da avere controllo e sensazione da racchetta seria, senza avere problemi di affaticamento. La scelta è personalissima, qui incide molto il feeling, tra rigido, Pro staff, e più morbido, Duel G.

    • Questa risposta è stata modificata 1 mese, 3 settimane fa da  TennisTaste.
    #5401

    Mirko
    Partecipante

    Fabio ho sentito dire, ma non so se sia vero, che il CV sia un espediente per impoverire le racchette della materia primaria, che sia la grafite o altro, che risulta più costosa, con questo materiale “alternativo”. Quindi che più che un miglioramento reale lo sia più come primo impatto ma in fondo un impoverimento strutturale. Cosa ne pensi ? Anche perché io sono ancora indeciso tra i due modelli, standard o CV ma devo ormai scegliere. Tue considerazioni ed un ultimo consiglio ? Grazie

    #5442

    TennisTaste
    Amministratore del forum

    Non è assolutamente un impoverimento della grafite, oltretutto non ci sono benefici in termini di costi di produzione, in quanto, l’applicazione del Countervail prevede un passaggio in più nella lavorazione che costa in più rispetto ad una quantità infinitesimale di grafite. La realtà è che Wilson vuole dare racchette meno rigide in assoluto, senza snaturare l’impostazione dei suoi telai. Nulla di più.

Stai vedendo 12 articoli - dal 1 a 12 (di 12 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.