Diadora Star K VIII AG

Partiamo con la calzata,perchè, come detto, è uno degli aspetti che gratificano immediatamente. La tomaia è solida, regala una sensazione di compattezza e di aderenza, ma soprattutto si adatta al piede, grazie all’elasticità naturale della pelle di canguro. Di fatto, la scarpa si modella sul piede in pochissimi minuti, per poi tornare in posizione “di riposo” quando si sfilano le scarpe. Una bella senzazione, come avere scarpe nuove ai piedi, ogni volta che le si calza. Non è l’unico vanaggio della pelle, perché, rispetto ai tessuti sintetici, la terra rossa si toglie via in un attimo e anche esternamente la scarpa resiste molto bene al’usura e alle abrasioni, mantenendo sempre un colore vivo nel tempo.

Il comfort è molto elevato, con una sensazione morbida su tutta la scarpa, che, però, mantiene una reattività notevole alle sollecitazioni e una propulsività tallonare che poche altre scarpe possono vantare. Di fatto, la scarpa è molto più veloce di quanto le sembianze e le dotazioni tecniche suggerirebbero, anche con un equilibrio tra prestazioni e comfort davvero elevato. Molto protettiva sul tallone, più sensibile nella zona dell’avampiede, ha il puntalino rialzato che facilità le ripartenze e limita l’ingombro della punta, strizzando l’occhio alla corsa frontale. In quella laterale, mostra molta stabilità, con la tomaia che trattiene proprio bene il piede, senza che vi sia alcuna torsione o perdita di aderenza. Ottima nella ripartenza laterale, fa notare come le soluzioni adottate per l’irrigidimento dell’arco plantare funzionino anche per la restituzione di energia e per il supporto dei movimenti naturali di torsione del piede. I movimenti sono molto naturali e l’accoppiata tra tomaia elastica e suola ergonomica, fa sentire sempre molto bene l’appoggio, ma regala una sensazione leggera e pronta sugli spotamenti.

Commenta per primo

Lascia un commento